Luca 7, 31-35

 In quel tempo, il Signore disse:

«A chi posso paragonare la gente di questa generazione? A chi è simile? È simile a bambini che, seduti in piazza, gridano gli uni agli altri così:

“Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato,

abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!”.

È venuto infatti Giovanni il Battista, che non mangia pane e non beve vino, e voi dite: “È indemoniato”. È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e voi dite: “Ecco un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori!”.

Ma la Sapienza è stata riconosciuta giusta da tutti i suoi figli».

Dopo la risurrezione del figlio della vedova di Nain, Gesù mette in evidenza l’importanza della figura di Giovanni Battista.

I due versetti 29 e 30, che la liturgia non riporta, evidenziano molto bene il significato del vangelo di oggi.

Luca dice che: “Tutto il popolo che lo ascoltava, e anche i pubblicani, ricevendo il battesimo di Giovanni, hanno riconosciuto che Dio è giusto. Ma i farisei e i dottori della Legge, non facendosi battezzare da lui, hanno reso vano il disegno di Dio su di loro”.

            Ascoltare il Battista e farsi battezzare da lui era ammissione del proprio bisogno di conversione. Bisogno da cui nessuno è scevro.

Non farsi battezzare dal Battista, non ascoltare quanto annunciava nella sua predicazione, significa vanificare il disegno di Dio su di noi.

Ora chi ha ascoltato il Battista e si è fatto battezzare da lui, sono stati, ci dice san Luca, i pubblicani, i peccatori pubblici, coloro che erano visti con sospetto da farisei e dottori della legge.

Ora, chi non si è fatto battezzare dal Battista non avendo accolto la sua parola, sono stati farisei e dottori, vanificando in tal modo il disegno di Dio su di loro.

Quello che fa la differenza non è il nostro stato di salute mentale e di cuore, ciò che fa la differenza è l’accoglienza o meno di quanto viene annunciato. Accoglienza che dipende dalla nostra disponibilità a riconoscerci peccatori.

            Il popolo e i peccatori hanno giustificato Dio riconoscendo che Lui solo è giusto, mentre noi tutti siamo ingiusti. Compiere la volontà e accogliere l’appello alla conversione, è la via per danzare la vita secondo il ritmo che ogni giorno ci riserva.

Accettare la predicazione del Battista significa aprirsi al piano di salvezza di Dio e potere, di conseguenza, accogliere il Salvatore che ci viene incontro nell’Incarnazione.

            I farisei e i legisti, cioè noi quando siamo chiusi alla vita di Dio, in opposizione al popolo, hanno vanificato il piano di Dio. Si sentono abbastanza buoni e intelligenti per non sentire il bisogno di mettersi in fila con il popolo peccatore che va a farsi battezzare. Rifiutano la conversione, per questo non possono incontrare il Salvatore che va al Giordano per incontrare ogni debolezza umana.  L’unico modo per vanificare la salvezza è credersi giusti e rifiutare di convertirsi.

Così l’atteggiamento che ci contraddistingue, quando ci avviciniamo alla vita in questo modo, è quello di non lasciarci coinvolgere dalla vita stessa che si presenta a noi a volte con la faccia del Battista e a volte con la faccia di Gesù.

A volte, oggi, sono chiamato a ballare la bellezza del suono del flauto. A volte, oggi, sono chiamato a piangere al canto di un lamento.

Ciò che ci blocca è l’indifferenza nei confronti di ciò che la vita ci propone, sia esso canto di gioia o canto di dolore. Convertirsi significa lasciarsi toccare, riconoscere il nostro peccato, lasciarci convertire alla vita.

È drammatica la notizia, una delle tante, di una madre trentenne, incarcerata con due bimbi di due anni l’uno e di pochi mesi l’altra, nelle nostre carceri italiane. Una delle tante. Ha ucciso i suoi figli, forse uno si è salvato, scaraventandoli dalle scale. Perché questi bimbi sono stati incarcerati? La legge quando si sveglia si mette in moto per una inchiesta su quanto è avvenuto, ma quando ha fatto incarcerare questi due bimbi, dove era? Dove eravamo?

            Possiamo ancora rimanere indifferenti? La via dell’indifferenza ci sembra la via della salvezza. In realtà è la via più mortifera che possiamo scegliere perché niente ci potrà toccare e nulla ci potrà far cogliere la bellezza della chiamata alla conversione e alla vita.

            Dio ci chiama alla giustizia e alla severità col Battista: preferiamo non accoglierlo tacciandolo per pazzesco e demoniaco?

Dio ci chiama con Gesù alla danza: preferiamo non accoglierlo perché vogliamo un Dio severo?

Siamo anche noi bambini capricciosi, come lo erano scribi e farisei, che non accettano il principio di stare al gioco della vita, al gioco dei propri compagni di vita?

Ci vogliamo condannare al gioco di contrastare il gioco, qualsiasi esso sia e in qualsiasi modo si presenti a noi?

 

Dobbiamo avere il coraggio di abbandonare tutto,

ogni norma e appiglio convenzionale,

dobbiamo osare il gran salto nel cosmo,

e allora, allora sì che la vita diventa infinitamente ricca e abbondante,

anche nei suoi più profondi dolori.

Etty Hillesum

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

20 ottobre 2018 Luca 12, 8-12

Testimonianza non è tanto questione di parole da dire e da dire nel modo giusto, quanto invece croce quotidiana, nel senso del dono di sé, propria di chi segue il Signore lasciando che lo Spirito gridi dentro di noi Abbà, Padre!

19 ottobre 2018 Luca 12, 1-7

La folla intorno a Gesù è talmente tanta che si calpestavano a vicenda. Ci si calpesta all’interno dei discepoli di Gesù, per questo Gesù ci mette in guardia perché non avvenga proprio quanto sta avvenendo. Ci mette in guardia perché noi riteniamo tutto questo cosa buona, mentre invece, per Gesù, cosa buona non è.

18 ottobre 2018 Luca 10, 1-9

Niente di eccezionale. Cosa quotidiana. Cosa naturale. Cosa di amore. Il frutto del prendersi cura è la pace. La relazione che ne nasce ci porta a vivere l’eucaristia con il nostro Signore e con il nostro fratello, mangiando quanto ci viene messo davanti. Un cibo che è significativo e buono perché espressione di cura e di pace interiore.

Commenta questo post

commenta

Share This