25 dicembre 2022 Giovanni 1, 1-5.9-14

Giovanni Nicoli | 24 Dicembre 2022

Giovanni 1, 1-5.9-14

In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta.
Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali, non da sangue
né da volere di carne
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria,
gloria come del Figlio unigenito
che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità.

Gesù è il rivelatore del Padre, è la verità. Gesù il Verbo è: Dio, Creatore, Vita, Luce, Carne, Grazia, Verità.

Innanzitutto Gesù è Dio, è il Verbo che sta presso Dio, che è con Dio, è rivolto verso il Padre, sta in contemplazione del Padre in comunione con lo Spirito Santo. La relazione fra il Padre e il Figlio è lo Spirito Santo che è amore e luce, vera relazione nella Trinità, vera relazione fra la Trinità e gli uomini, vera relazione tra gli uomini.

Il prologo più che un inno al Cristo è un inno alla Trinità che in Cristo si è incarnata, ha vissuto in mezzo a noi è stata crocifissa ed è risorta. Il Verbo era Dio che è uno e Trino: Gesù, il Padre e lo Spirito.

Questo stare di Gesù rivolto al Padre è un invito a nostra volta a stare col capo sul cuore di Gesù perché da lì viene la verità. Come Giovanni che nell’ultima cena sta vicino a Gesù e, per sapere la verità di chi lo tradirà, si reclina sul petto di Gesù e gli chiede “Signore chi è?”. Il verbo è Dio, sta in contemplazione del Padre, ed è fin dal principio. È Dio colui che splende, è il giorno senza tramonto.

Il Verbo è Creatore, tutto è stato fatto per mezzo di Lui. Il Verbo è la Parola che in principio Dio Padre disse per creare ogni cosa (Genesi 1). È lo stesso Verbo che pronunciato dal Padre si incarna e per opera dello Spirito Santo perfeziona la creazione. Il Padre per mezzo di Lui crea dal nulla ogni cosa. Creazione che può perfezionare perché in lui c’è lo Spirito Santo che è la Vita quella Vita con la V maiuscola. È la Vita che contrasta la Morte, è Vita in attività, esplosiva. Lui è la nostra Vita, come persona amata che è la nostra/mia vita.

La Vita è Luce per gli uomini, illumina il loro cammino tanto incasinato, ci fa vedere la strada, ci mostra dove mettere i piedi. La Luce è dono gratuito che crea libertà. Crea libertà perché ci permette di vedere dove stiamo andando e dove possiamo andare, non obbligando nessuno ad andare da quella parte. Ci permette di vedere di più, di essere più responsabili, ci attrae col suo Amore di Luce lasciandoci comunque liberi.

La luce è ciò che ci illumina e ci rende visibili gli uni gli altri: se vogliamo possiamo non essere più indifferenti, possiamo non passare accanto senza accorgerci, possiamo camminare vicini con attenzione, affetto e passione. Lui ci rende capaci di vederci fra di noi e di vedere le cose. Vedere per amare: ogni uomo e la creazione tutta. Non siamo chiamati a vivere la creazione non per distruggerla ma per amarla, per conservarla, per perfezionarla, per vivere e permettere che altri dopo di noi possano vivere.

Questa luce “splende nelle tenebre”, il Signore Gesù è venuto infatti per i peccatori, per coloro che sono nelle tenebre e nell’ombra della morte. È una Luce piena di passione, che rischia, rischia il fatto che “la luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno accolta”; è talmente rispettoso questo nostro Dio che si incarna, che non obbliga; è Parola che può essere ascoltata ma può essere lasciata cadere.

A tutto questo Giovanni il Battista, il più grande dei profeti ma piccolo nel Regno dei cieli, rende testimonianza. Con la passione e la rabbia di chi sta aspettando da sempre, ma allo stesso tempo con quella umiltà e convinzione che non gli fa mai perdere la dimensione della sua testimonianza dicendo: “Ecco l’uomo di cui io dissi: Colui che viene dopo di me mi è passato avanti, perché era prima di me” (Gv 1, 15). Lui che non era la Luce ma rendeva testimonianza alla luce.

La Luce vera veniva nel mondo per illuminare tutti gli uomini: non è venuta per pochi ma per ogni uomo, per tutti. La Luce che ha ricreato il mondo non viene riconosciuta dal mondo. Il mondo che ha le proprie luci non sa più riconoscere la Luce che viene dall’alto. Ormai il mondo si scalda e vede con i neon, non sa più apprezzare e riconoscere la Luce vera che illumina, scalda e fa crescere. Ormai guardiamo di più la fluorescenza che non il sole che dà vita. Nella sua libertà, questo sole continua a sorgere ogni giorno, ad illuminare, a riscaldare, a dare vita. Noi roviniamo e lui ricrea.

Il rischio della Incarnazione sta proprio qui: è il fallimento del non essere accolto. Ma il fallimento fa parte del gioco dell’amore, il successo fa parte dell’effimero, dell’apparenza, dell’economia.

Siamo chiamati a riscoprire la bellezza educativa del fallimento che crea libertà e nella gratuità dà la possibilità di essere accolto oppure no! Questa è sostanza, questo non ha nulla di effimero e di apparente.

Chi accoglie la sua presenza diventa come Dio; chi accetta di perdere la sua vita per causa sua la ritrova diventando come Dio; chi la vuole salvare per paura di perderla la perde nella solitudine e nell’angoscia del possesso. Coloro che credono sono generati da Dio: ciò che è nato in lei è opera dello Spirito Santo, dice l’angelo di Maria a Giuseppe. Noi nasciamo non per il sangue, non per il volere di carne, non per volere di uomo, ma da Dio.

Il Verbo si fa carne, diventa uomo, assume la nostra fragilità, accetta di poter morire, accetta il limite della fame e della sete, della solitudine e della morte, della sofferenza e dell’abbandono: questa è la povertà salvifica che è stata assunta da colui che da ricco si è fatto povero, questa è la povertà salvifica che ci permette di perderci nel cuore di Dio.

Gesù si fa carne: la carne è ciò che dà forma allo spirito, all’idea, alla parola. La carne è ciò che permette ad una idea di concretizzarsi; permette allo spirito di rendersi visibile e palpabile; permette alla Parola di nascere in mezzo a noi avvolta in fasce e deposta in una mangiatoia.

Di questa carne in mezzo a noi, noi vedemmo la gloria che è la manifestazione dello Spirito Santo nella Croce: la carne ha permesso la tentazione, la carne ha permesso la redenzione nella Croce e Risurrezione. Il Verbo è pieno di grazia e di verità, che sono lo Spirito Santo.

La grazia è la concessione di una cosa richiesta, ma è anche liberazione da una pena: la grazia è l’aiuto di Dio per la salvezza.

La verità è una: il Cristo Incarnato per mezzo dello Spirito. Dalla pienezza dello Spirito Santo che riposa sul Cristo, noi tutti abbiamo ricevuto grazia su grazia: una grazia infinita ed immensa. Grazia e verità che vengono da Gesù Cristo.

Gesù Cristo Parola incarnata che ci rivela il Padre che nessuno ha mai visto. Lui ce lo mostra, lui ce lo racconta: a questo punto è necessario ascoltare più che ragionare, contemplare più che vedere, parlare col Padre più che parlare del Padre, stare rivolti più che accanto.

Grazie Verbo Incarnato!

Qual è il canto iniziato nel seno del Padre? Quel canto che è il Mistero. Il canto è la voce del Mistero. È il Mistero in persona che canta. C’è già il canto. Quello che spetta a noi è l’incanto che ci suscita e dipende dalla capacità di ascoltare questo canto e ridirlo a tutti, interpretare; cantare è ascoltare. Incontrare il Mistero, incontrare l’Altro, ogni incontro con ogni altro che è segno di quell’Altro, è canto.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

18 Luglio 2024 Matteo 11, 28-30

Ognuno ha la sua schiena
per sopportare il peso di ogni scelta,
il peso di ogni passo,
il peso del coraggio.
Amara

Bisogna cambiare “giogo”. Abbandonare quello dei “sapienti e dei dotti” e prendere quello del Maestro che, nelle Beatitudini, apre una via nuova. Gesù non è meno esigente, anzi, lo è di più. Ma esige in maniera diversa. Esige l’essenziale: l’amore che libera e fa vivere.

Luciano Locatelli

17 Luglio 2024 Matteo 11, 25-27

Fatti piccolo.

Non infantile, ma ultimo tra gli ultimi.

Quella è la direzione che Dio stesso ha scelto per sé.

S. Collura

I «piccoli» trovano sempre la loro forza nella relazione, che li rende capaci di far dare il meglio degli altri prendendosi cura dei loro bisogni. I grandi invece rischiano di pensare a se stessi come se non avessero bisogno di nessuno e, prima o poi, questo si rivela non solo falso, ma persino triste e pericoloso.

D. M. Semeraro

16 Luglio 2024 Matteo 11, 20-24

Cosa vuol dire convertirsi? Vuol dire semplicemente pensare come pensa Dio, vuol dire mettere a confronto, conformare la mia realtà su quella di Dio. Ritornare a Dio vuol dire continuamente scoprirlo, perchè è sempre oltre e sempre altro.

D. M. Turoldo

“Il male non è mai spettacolare agli inizi.

Il male comincia sempre gentilmente, modestamente, potremmo dire: umilmente.

Il male si insinua nell’aria come l’acqua sotto una porta. All’inizio non è quasi niente.

Un po’ di umidità.

Quando arriva l’alluvione, è troppo tardi.

Il male ha come ausiliari la tiepidezza e il buon senso della brava gente.

Il peggio in questa vita sarà sempre introdotto dalla cosiddetta brava gente”.

Christian Bobin

Share This