5 novembre 2022 Luca 16, 9-15

Giovanni Nicoli | 5 Novembre 2022

Luca 16, 9-15

In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli: «Fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.

Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».

I farisei, che erano attaccati al denaro, ascoltavano tutte queste cose e si facevano beffe di lui. Egli disse loro: «Voi siete quelli che si ritengono giusti davanti agli uomini, ma Dio conosce i vostri cuori: ciò che fra gli uomini viene esaltato, davanti a Dio è cosa abominevole».

Ho visto ricchi agognare una amicizia vera e rimanere con il loro desiderio sospeso per sempre. Da un ricco, come da un potente, cerchi favori e ricchezza, privilegi e raccomandazioni. Quando queste e quelle non arrivano il ricco viene abbandonato ritenuto come un insensibile e come uno tirchio che non dà nulla di quello che ha. E quando ad un ricco tu non chiedi nulla rimane sconcertato e non sa cosa sta succedendo: il suo potere vacilla e si risente spingendo ancora di più la sua smania di ricchezza e di potere, nel tentativo di recuperare chissà che.

È difficile per un ricco avere un amico come è difficile per uno che si avvicina ad un ricco essere libero di essere amico e non avere di mira le sue ricchezze e o il suo potere.

Noi siamo molto accoglienti nei confronti dei ricchi e dei potenti, volentieri accoglieremmo in casa nostra il Papa stesso, ma non certo perché lo amiamo. Saremmo accoglienti nei loro confronti primo perché non ci chiedono nulla di più di quello che gli offriamo; secondo perché siamo sicuri che presto se ne andranno; terzo non dobbiamo dare del nostro ma al massimo possiamo ricevere dal loro.

Non c’è nulla da fare: o scegliamo l’amico o scegliamo la disonesta ricchezza. Non possiamo avere l’uno e l’altra, non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.

La ricchezza non ci lascia liberi. Questo avviene perché noi continuiamo ad esaltare come giusti fra gli uomini coloro che Dio conosce nel profondo del cuore, cioè ognuno di noi. Noi continuiamo a rincorrere ciò che fra gli uomini è esaltato, sapendo che davanti a Dio è cosa abominevole, lasciando in secondo piano ciò che vale di più.

La ricchezza è disonesta perché in sé è disumana. Si infiltra fra i rapporti amicali e familiari come un’edera che trova la fessura e si inserisce e cresce fino a creare una crepa che presto o tardi farà saltare il muro. La ricchezza per la quale noi viviamo, poco o tanta che sia poco importa ciò che importa è il cuore che vi si attacca sempre più, sbarra il canale affettivo dell’amore con il quale noi possiamo fare crescere la vita, l’amicizia, l’amore. Se hai ricchezza ti chiederanno ricchezza e non si fideranno della tua capacità affettiva e non ti chiederanno altro. Se sei povero e brami ricchezza non ricercherai nell’altro l’amicizia, ma andrai alla ricerca della disonesta ricchezza.

Per l’uomo biblico la ricchezza, grazie alla quale noi ci sentiamo giusti e bravi e considerati, è un furto al fratello. Chi è ricco ha più potere e gioca la sua partita come se l’arbitro fosse sempre e comunque dalla sua parte, fischiasse solo a suo favore. Si sente giusto e noi lo riteniamo uomo importante e fortunato. Poveri noi: “ciò che davanti agli uomini è esaltato, davanti a Dio è cosa abominevole”.

Ciò che importa è l’amicizia e la disonesta ricchezza, che è tale perché chiude le porte alla condivisione e alla giusta perequazione dei beni della terra che sono stati creati per tutti e non per pochi fortunati che noi dovremmo chiamare disonesti e abominevoli, o è finalizzata non all’accumulo ma alla condivisione fino a che ce ne è, oppure è morte per l’uomo.

La povera vedova che aveva gettato due spiccioli nel tesoro del tempio donando tutto quello che aveva per vivere, è la cifra del nostro impegno. Poco o tanto che tu sia o che tu abbia, o dai tutto quello che hai per vivere, o dai tutta la tua esistenza, oppure il tuo gesto non sarà mai amore, sarà solo rivalsa e luogo di pubblicità per mostrare quanto sei bravo. Di nuovo fregato dalla tua ricchezza userai il povero per farti pubblicità, per dire quanto sei bravo, per dimostrare che ancora una volta sei l’uomo giusto al posto giusto.

Ma non puoi, non possiamo, servire Dio e il denaro: o amerai il denaro e odierai l’amicizia – non in teoria ma nella pratica – o amerai l’amico e odierai il tuo patrimonio.

“Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza”. O ameremo l’amico o ameremo il nostro patrimonio e cosa c’è di più stolto che dare il nostro cuore alle cose piuttosto che alle persone e a Dio?

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

18 Luglio 2024 Matteo 11, 28-30

Ognuno ha la sua schiena
per sopportare il peso di ogni scelta,
il peso di ogni passo,
il peso del coraggio.
Amara

Bisogna cambiare “giogo”. Abbandonare quello dei “sapienti e dei dotti” e prendere quello del Maestro che, nelle Beatitudini, apre una via nuova. Gesù non è meno esigente, anzi, lo è di più. Ma esige in maniera diversa. Esige l’essenziale: l’amore che libera e fa vivere.

Luciano Locatelli

17 Luglio 2024 Matteo 11, 25-27

Fatti piccolo.

Non infantile, ma ultimo tra gli ultimi.

Quella è la direzione che Dio stesso ha scelto per sé.

S. Collura

I «piccoli» trovano sempre la loro forza nella relazione, che li rende capaci di far dare il meglio degli altri prendendosi cura dei loro bisogni. I grandi invece rischiano di pensare a se stessi come se non avessero bisogno di nessuno e, prima o poi, questo si rivela non solo falso, ma persino triste e pericoloso.

D. M. Semeraro

16 Luglio 2024 Matteo 11, 20-24

Cosa vuol dire convertirsi? Vuol dire semplicemente pensare come pensa Dio, vuol dire mettere a confronto, conformare la mia realtà su quella di Dio. Ritornare a Dio vuol dire continuamente scoprirlo, perchè è sempre oltre e sempre altro.

D. M. Turoldo

“Il male non è mai spettacolare agli inizi.

Il male comincia sempre gentilmente, modestamente, potremmo dire: umilmente.

Il male si insinua nell’aria come l’acqua sotto una porta. All’inizio non è quasi niente.

Un po’ di umidità.

Quando arriva l’alluvione, è troppo tardi.

Il male ha come ausiliari la tiepidezza e il buon senso della brava gente.

Il peggio in questa vita sarà sempre introdotto dalla cosiddetta brava gente”.

Christian Bobin

Share This