24 Novembre 2023 Luca 19, 45-48

Giovanni Nicoli | 24 Novembre 2023

Luca 19, 45-48

In quel tempo, Gesù, entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano, dicendo loro: «Sta scritto: “La mia casa sarà casa di preghiera”. Voi invece ne avete fatto un covo di ladri».

Ogni giorno insegnava nel tempio. I capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo morire e così anche i capi del popolo; ma non sapevano che cosa fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue labbra nell’ascoltarlo.

Non potete servire a due padroni, o amerete l’uno e odierete l’altro o viceversa. I venditori nel tempio sono una sicurezza, come era una sicurezza il tesoro del tempio. Senza i soldi non si può far nulla. E diciamo questo nel tempio del Signore, di colui che ha fatto della sua vita tutto un dono a noi. Come se tutte le cose che ci sono non fossero dono suo. A che serve conquistare il mondo intero se poi perdi la tua anima, la tua vita?

Le sicurezze e le assicurazioni, sono sempre più ricercate dall’uomo moderno. L’uomo che dice di poter fare a meno di Dio perché maturo e autonomo, ha bisogno di crearsi una sicurezza tutta sua, che però non lo può salvare. È un idolo che ha occhi, orecchi, narici e bocca ma… non vede, non ode, non odora, non parla.

Le nostre comunità cristiane sembrano, tante volte, più uno scimmiottamento dell’uomo moderno e della società che ci circonda, più che una abitazione di Dio. Siamo più preoccupati degli adeguamenti alle leggi, di metterci al sicuro da…, di ottenere di…, ma chi pensa ancora a Dio? Il nostro incontrarci è un falso incontrarci democratico che serve solo a salvaguardarci nei confronti della legge civile ed ecclesiastica. Ma chi pensa ancora allo Spirito? Quello Spirito così sconosciuto che continuamente viene messo nel sottoscala? Chi crede che realmente il Padre ci vuole illuminare nelle nostre giornate? Ma il Figlio dell’uomo quando tornerà troverà ancora la fede sulla terra?

Nel Vangelo Gesù ribadisce che queste sicurezze che in noi e fra di noi continuamente noi ricerchiamo mettendole al primo posto: sicurezze che sono false sicurezze. Nascono dalle nostre paure e dipendono da loro, sono figlie della paura per questo alla prova dei fatti risultano essere dei fantasmi.

Gesù caccia i venditori ribadendo che il tempio, la chiesa, la persona, la comunità debbono essere casa di preghiera, e non spelonche di ladri.

È un nuovo battesimo, è una purificazione, è un fare spazio, un gettare a mare tutto quello che non serve e che appesantisce la nostra passione per il Regno. Questo pulizia della nostra interiorità e della nostra relazionalità all’interno delle nostre comunità, non è fine a se stessa. Infatti “ogni giorno insegnava nel tempio”. Gesù scaccia per portare, pulisce per arredare, svuota per riempire: vuole portare al centro del nostro tempio, del nostro cuore, la sua presenza e il suo cuore. Vuole incarnarsi dentro di noi perché la Parola diventi carne. Fa spazio perché: chi ascolta la mia parola e la mette in pratica è per me fratello, sorella, madre, e padre.

Ci rende capaci di nuovo di ascolto: pota la vite perché porti più frutti.

Di fronte a questa sua presa di posizione, a questa sua volontà di purificarci siamo “obbligati” a schierarci: o “pendiamo” dalle sue parole come il popolo; o “cerchiamo di farlo perire”, come i sacerdoti, gli scribi, i notabili del popolo.

Su Gesù vengono messe le mani, viene perseguitato, viene consegnato alle sinagoghe e alle prigioni, trascinato davanti al re e al governatore, perché Dio non vuole una gestualità religiosa, Dio vuole il cuore. E l’uomo rifiuta il dono del cuore, lo lascia rattrappire, e vuole invece una gestualità religiosa.

La religiosità formale non serve a nulla: mettere a posto Dio, significa relegarlo da Signore della vita, a un soprammobile che abbellisce ma niente più. Diventa la nostra TV: prendiamo il telecomando e la gestiamo a nostro piacimento. Dio “non può sopportare delitto e solennità” (Is 1,13). La sua grazia non si presta a fare da copertura alla nostra dissolutezza. A differenza dei suoi sacerdoti, Dio non vende i suoi favori a chi cerca di ingraziarselo con prestazioni religiose o addirittura con denaro. Il più grave peccato contro di lui è quello di volersi comperare il suo amore: è come trattarlo da prostituta venale. Egli è Padre, pieno di grazia e misericordia: la salvezza è suo dono gratuito!

Farci una cattiva immagine di Dio, è l’origine di tutti i mali dell’uomo. Credere che lui sia comperabile, ci porta a fare del tempio una spelonca di ladri, dove il cuore si rattrappisce sempre più. Per questo Cristo viene crocifisso: perché di questo tempio non resti pietra su pietra.

È in Gesù che insegna ogni giorno nel tempio, icona visibile del Dio invisibile, che abita corporalmente tutta la pienezza della divinità. La sua carne crocifissa è l’unica rivelazione di Dio; la sua passione per l’uomo manifesta all’esterno la Gloria: Dio è amore infinito, pieno di grazia e di misericordia.

Casa non è una questione di mattoni, ma di amore. Anche uno scantinato può essere meraviglioso.

Christian Bobin

 

La preghiera serve a renderci liberi e non è invece un buono sconto da usare per rendere anche Dio merce di scambio.

M. Epicoco

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

18 Luglio 2024 Matteo 11, 28-30

Ognuno ha la sua schiena
per sopportare il peso di ogni scelta,
il peso di ogni passo,
il peso del coraggio.
Amara

Bisogna cambiare “giogo”. Abbandonare quello dei “sapienti e dei dotti” e prendere quello del Maestro che, nelle Beatitudini, apre una via nuova. Gesù non è meno esigente, anzi, lo è di più. Ma esige in maniera diversa. Esige l’essenziale: l’amore che libera e fa vivere.

Luciano Locatelli

17 Luglio 2024 Matteo 11, 25-27

Fatti piccolo.

Non infantile, ma ultimo tra gli ultimi.

Quella è la direzione che Dio stesso ha scelto per sé.

S. Collura

I «piccoli» trovano sempre la loro forza nella relazione, che li rende capaci di far dare il meglio degli altri prendendosi cura dei loro bisogni. I grandi invece rischiano di pensare a se stessi come se non avessero bisogno di nessuno e, prima o poi, questo si rivela non solo falso, ma persino triste e pericoloso.

D. M. Semeraro

16 Luglio 2024 Matteo 11, 20-24

Cosa vuol dire convertirsi? Vuol dire semplicemente pensare come pensa Dio, vuol dire mettere a confronto, conformare la mia realtà su quella di Dio. Ritornare a Dio vuol dire continuamente scoprirlo, perchè è sempre oltre e sempre altro.

D. M. Turoldo

“Il male non è mai spettacolare agli inizi.

Il male comincia sempre gentilmente, modestamente, potremmo dire: umilmente.

Il male si insinua nell’aria come l’acqua sotto una porta. All’inizio non è quasi niente.

Un po’ di umidità.

Quando arriva l’alluvione, è troppo tardi.

Il male ha come ausiliari la tiepidezza e il buon senso della brava gente.

Il peggio in questa vita sarà sempre introdotto dalla cosiddetta brava gente”.

Christian Bobin

Share This