29 dicembre 2021 Luca 2, 22-35

Giovanni Nicoli | 29 Dicembre 2021

Luca 2, 22-35

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, [Maria e Giuseppe] portarono il bambino [Gesù] a Gerusalemme per presentarlo al Signore – come è scritto nella legge del Signore: «Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore» – e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore.
Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo:

«Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo
vada in pace, secondo la tua parola,
perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza,
preparata da te davanti a tutti i popoli:
luce per rivelarti alle genti
e gloria del tuo popolo, Israele».

Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse:

«Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione – e anche a te una spada trafiggerà l’anima -, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori».

 

La salvezza, per Dio, non è un’astrazione: è una incarnazione. Incarnazione che si fa bambino Gesù. Dio incarnato è salvezza perché riempie la distanza che esisteva fra Dio e l’uomo.

Lui è trattato come quel Dio che era visto come lontano, quel Dio che era punitivo per coloro che non erano dei suoi, quel Dio che falciava i nemici e che abbandonava i suoi quando non si mostravano fedeli alla sua legge.

Quel Dio che, come gli dei dell’antica Grecia e come gli dei dell’impero Romano, giocava con gli uomini trattandoli secondo i suoi capricci. Gli uomini erano giocattoli nelle loro mani che servivano a fare passare la noia di un tempo sempre uguale e abitudinario: un bel diversivo da usare con ogni sorta di modalità e crudeltà.

È incredibile come per gli uomini, e quindi anche per i loro dei, la crudeltà verso l’altro, spesso diventi motivo di trastullo e di godimento.

Quel Dio distante si è invece fatto carne, è divenuto luce per manifestare la vera natura di Dio agli uomini. Questa luce che è nata nella notte per noi è manifestazione, è svelamento di qualcuno che da sempre aspettavamo.

Questa luce è Dio che è Padre e manifesta tutta la sua misericordia verso gli uomini. Quando noi vediamo questa luce, quando diveniamo capaci di coglierla, tutto può essere lasciato. Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace, perché ho visto la luce. Lascia, lascia ogni legame, lascia ogni sicurezza, lascia anche il legame della vita, lascia anche la mia attesa e la mia speranza, perché ho visto. La promessa si è realizzata e si è realizzata nella mia anzianità.

È interessante notare come la luce non è qualcosa di indifferente. La luce crea ombre, la luce evidenzia le differenze. La luce chiede di posizionarci in un certo modo di fronte alla vita, per non essere abbagliati da essa e potere invece guardare ciò che la luce illumina, in modo bello e vero.

La luce evidenzia il bene e il male, le cose belle e le magagne. La luce è per la vita e per la morte. La luce, la Luce Gesù diventa motivo di salvezza e di perdizione.

La luce esalta le differenze ed esaltando le differenze la luce mette in evidenza quello che può essere salvezza oppure caduta. Possiamo vedere alla Luce, se vogliamo, quanto è salvifico e quanto salvifico non è. La Luce ci mostra quello che è buono e quello che non è buono.

Gesù Luce delle genti non condanna nessuno – Lui è venuto nel mondo non per condannare ma per salvare – solo evidenzia se una scelta è buona oppure no, è bene o male, è bella o brutta.

Evidenziando i pensieri dei cuori mostra le cadute e le risurrezioni che appartengono al nostro quotidiano pellegrinare.

È una sofferenza accorgerci di quante opportunità noi sprechiamo per strada e buttiamo via; è una sofferenza vedere quanto siamo incapaci di vivere l’amore.

È una sofferenza che si può tramutare in gioia perché via per risorgere, via per accogliere la risurrezione che ci viene da Gesù sole che sorge dall’alto, Lui che è luce per illuminare le genti e gloria del suo popolo Israele.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

21 Febbraio 2024 Luca 11, 29-32

Chi ha bisogno di segni per credere ha gli occhi chiusi su se stesso e sul mistero contenuto nella propria interiorità.

E. Avveduto

Non occorrono altri segni al di là di quelli che la vita ci mette sul cammino. Occorre piuttosto la capacità di leggere la vita a partire dal segno permanente che per noi resta Gesù Cristo, il suo mistero di morte e di risurrezione.

A. Savone

20 Febbraio 2024 Matteo 6, 7-15

Il cuore della preghiera, di ogni preghiera, di ogni legame d’amore è il perdono, perdono da ricevere da Dio nell’istante preciso in cui anche noi lo offriamo ai nostri fratelli. La vera preghiera d’amore è questa, il resto rischia di essere un’inutile, irrispettosa, melmosa ripetizione di parole che non cambia la vita e non scalda il cuore.P. Spoladore

La preghiera attraversa il corpo. È il respiro, il grido, l’interrogativo, la supplica, il gesto senza parole, il tempo del dilemma, il ritardo, l’imprevisto, le mani piene, le mani vuote.
J. Tolentino Mendonça

19 Febbraio 2024 Matteo 25, 31-46 Copia

Cristo ringrazia coloro che non sapevano chi sfamavano…

espressioni come: amare il prossimo in Dio, per amore di Dio, sono ingannevoli ed equivoche.

All’uomo, tutto il suo potere di attenzione è appena sufficiente per essere capace semplicemente

di guardare quel mucchio di carne inerte e nuda al bordo della strada.

Non è quello il momento di rivolgere il pensiero a Dio.

Ci sono momenti in cui bisogna pensare a Dio dimenticando tutte le creature senza eccezione,

come ce ne sono altri in cui guardando le creature non bisogna pensare esplicitamente al creatore.

Simone Weil

Share This