25 novembre 2021 Luca 21, 20-28

Giovanni Nicoli | 25 Novembre 2021

Luca 21, 20-28

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora coloro che si trovano nella Giudea fuggano verso i monti, coloro che sono dentro la città se ne allontanino, e quelli che stanno in campagna non tornino in città; quelli infatti saranno giorni di vendetta, affinché tutto ciò che è stato scritto si compia. In quei giorni guai alle donne che sono incinte e a quelle che allattano, perché vi sarà grande calamità nel paese e ira contro questo popolo. Cadranno a fil di spada e saranno condotti prigionieri in tutte le nazioni; Gerusalemme sarà calpestata dai pagani finché i tempi dei pagani non siano compiuti.

Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina».

Gerusalemme, città della pace, città che dona senso al nostro esistere. Noi che siamo attenti ai nostri sensi, al nostro corpo, ai nostri sentimenti, alla nostra ragione, abbiamo perso il senso del nostro esistere. Ci manca Dio, ci manca l’anima, ci manca il perché di tutto quello che viviamo, ci manca il verso dove stiamo camminando. Mai come al giorno d’oggi l’uomo ha avuto a disposizione possibilità di scelta e di potere, ma mai come al giorno d’oggi l’uomo è in uno stato di depressione e di mancanza di senso.

Siamo devastati e circondati da ogni parte, come la vecchia Gerusalemme. Sembra non abbiamo alcuna via di scampo, siamo calpestati dalla negazione dell’umano e la nostra fede naufraga in pseudo religioni di ogni tipo, dove il compimento di alcune azioni, anziché altre, sembra essere l’unica consolazione e l’unica speranza della nostra esistenza.

La nostra schiavitù diventa sempre più dura, la nostra disperazione avanza a passi da gigante. Una disperazione che cerchiamo di quietare con ricette di ogni tipo. Ricetta politica, ricetta religiosa, ricetta miracolistica, ricetta orientalista, ricetta lavorativa. Tutte cose che sono dei bei strumenti per la nostra esistenza, ma non toccano l’animo umano che ha perso la bussola e altro non servono se non a perpetuare una dinamica disperante sempre più pervasiva.

Siamo circondati! Non c’è dubbio. Ma il problema non è questo, il problema è che siamo disorientati, non abbiamo più speranza e ogni possibilità sembra chiudersi davanti ai nostri occhi e di fronte ai nostri passi sempre meno decisi.

Sembra siamo solo in attesa della morte della quale abbiamo terrore. Una morte che cerchiamo di esorcizzare e di allontanare il più possibile – illudendoci che questo più possibile possa divenire un bel per sempre – ma dalla quale non possiamo sfuggire.

Vogliamo fuggire; vogliamo compiere azioni risolutorie; non vogliamo accogliere la vita così come ci viene incontro; ci disperiamo nella ricerca di una realtà paradisiaca e perfetta che non esiste; corriamo all’infinito senza saperne la direzione; pensiamo di sapere tutto col nostro pseudo sapere scientifico; pensiamo di potere dominare la morte allungando una vita sempre più vuota e sempre meno significativa; pensiamo di conoscere tutto; crediamo ad un senso vitale che dipenda dalla nostra condizione economica.

Non è importante quanto si vive, le farfalle vivono un solo giorno. È importante come si vive, se si è amati, se siamo stati amati, se amiamo, se le ali della vita sono state variopinte, intense, in modo che rimangano per sempre.

Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina”. Quando avremo coscienza di essere in questo “cul de sac”, che non vuole terrorizzare nessuno ma vuole essere un momento alto di coscienza, allora sapremo che la nostra liberazione è vicina.

Quando non ne potremo più di schiavitù di ogni genere, allora la nostra liberazione sarà vicina perché ritorneremo a ricercare l’umano. Quando non ne potremo più di compiere azioni senza senso, anche se ci danno molte cose, allora ritorneremo e ricercare l’anima che unica è cuore di significato per il nostro esistere. Quando ci sentiremo alla fine, perché non ne potremo più di una vita che è una giostra che gira sempre più velocemente, allora alzeremo il capo, perché la nostra liberazione è vicina.

È vicina perché la smetteremo di volere sempre più e riscopriremo la bellezza del desiderio della semplicità e della povertà. Allora la smetteremo di credere che noi ne sappiamo di più di tutti, Dio compreso, e apriremo il nostro cuore alla sapienza della croce. Allora la smetteremo di compiere azioni, magari anche belle, ma senza senso perché partono da un cuore vuoto e demoralizzato, e ricercheremo il vuoto, quel vuoto dove Dio si comunica e dove l’animo ritrova la pace ritornando ad essere la nuova Gerusalemme, città della pace.

Allora non vorremo più nulla, non sapremo più niente, non avremo alcun possesso. Semplicemente chiuderemo la mente e non preoccupandoci del corpo e della volontà, apriremo il cuore ritrovando il centro di gravità permanente della nostra esistenza.

Ci alzeremo e risolleveremo il capo riconoscendo che la nostra liberazione è vicina!

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

21 Febbraio 2024 Luca 11, 29-32

Chi ha bisogno di segni per credere ha gli occhi chiusi su se stesso e sul mistero contenuto nella propria interiorità.

E. Avveduto

Non occorrono altri segni al di là di quelli che la vita ci mette sul cammino. Occorre piuttosto la capacità di leggere la vita a partire dal segno permanente che per noi resta Gesù Cristo, il suo mistero di morte e di risurrezione.

A. Savone

20 Febbraio 2024 Matteo 6, 7-15

Il cuore della preghiera, di ogni preghiera, di ogni legame d’amore è il perdono, perdono da ricevere da Dio nell’istante preciso in cui anche noi lo offriamo ai nostri fratelli. La vera preghiera d’amore è questa, il resto rischia di essere un’inutile, irrispettosa, melmosa ripetizione di parole che non cambia la vita e non scalda il cuore.P. Spoladore

La preghiera attraversa il corpo. È il respiro, il grido, l’interrogativo, la supplica, il gesto senza parole, il tempo del dilemma, il ritardo, l’imprevisto, le mani piene, le mani vuote.
J. Tolentino Mendonça

19 Febbraio 2024 Matteo 25, 31-46 Copia

Cristo ringrazia coloro che non sapevano chi sfamavano…

espressioni come: amare il prossimo in Dio, per amore di Dio, sono ingannevoli ed equivoche.

All’uomo, tutto il suo potere di attenzione è appena sufficiente per essere capace semplicemente

di guardare quel mucchio di carne inerte e nuda al bordo della strada.

Non è quello il momento di rivolgere il pensiero a Dio.

Ci sono momenti in cui bisogna pensare a Dio dimenticando tutte le creature senza eccezione,

come ce ne sono altri in cui guardando le creature non bisogna pensare esplicitamente al creatore.

Simone Weil

Share This