17 dicembre 2021 Matteo 1, 1-17

Giovanni Nicoli | 17 Dicembre 2021

Matteo 1, 1-17

Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo.

Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, Giuda generò Fares e Zara da Tamar, Fares generò Esrom, Esrom generò Aram, Aram generò Aminadàb, Aminadàb generò Naassòn, Naassòn generò Salmon, Salmon generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse, Iesse generò il re Davide.

Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Urìa, Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abìa, Abìa generò Asaf, Asaf generò Giòsafat, Giòsafat generò Ioram, Ioram generò Ozìa, Ozìa generò Ioatàm, Ioatàm generò Àcaz, Àcaz generò Ezechìa, Ezechìa generò Manasse, Manasse generò Amos, Amos generò Giosìa, Giosìa generò Ieconìa e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia.

Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconìa generò Salatièl, Salatièl generò Zorobabele, Zorobabele generò Abiùd, Abiùd generò Eliachìm, Eliachìm generò Azor, Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliùd, Eliùd generò Eleàzar, Eleàzar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.
In tal modo, tutte le generazioni da Abramo a Davide sono quattordici, da Davide fino alla deportazione in Babilonia quattordici, dalla deportazione in Babilonia a Cristo quattordici.

Potessimo ritornare a scoprire la bellezza del generare. Un generare che non ha alcuna finalità se non quella del dare vita.

Potessimo ritornare ad avere quella fiducia nel futuro che ci può fare riscoprire la bellezza del mettere al mondo un figlio. Siamo diventati così poveri dentro, siamo così incapaci di fiducia, abbiamo uno sguardo corto che non sa veder il futuro, che non riusciamo a scorgere la speranza.

Una nuova vita è il futuro e la speranza. Non è un allungamento artificiale della vita la speranza del mondo e di un popolo. La nuova vita è futuro e speranza. Certo che se la nuova vita dipendesse dai conti in tasca che dobbiamo farci continuamente. È dalla coscienza che è bello generare a nuova vita! Normalmente noi ci ritroviamo continuamente e sempre più poveri e incapaci di generare.

Così ci siamo costruito una società dove non vi è posto per i piccoli. Una società di vecchi e di adulti adolescenti che hanno perso il senso del futuro, perché il futuro è vita, non è un prolungamento innaturale di una vita.

Generare significa avere il coraggio di passare il testimone, credendo che il giovane nato lo porterà un po’ più avanti. Senz’altro più avanti di quanto lo possa portare io. Generare significa dare fiducia a coloro che vengono dopo di noi. Non so se faranno meglio o peggio, non è questa la questione, ma senz’altro sono uomini e donne che possono andare avanti.

Gesù è un generato che non compare dal nulla. È un frutto maturo che è dono di Dio ma che non è solo da Dio. Gesù è uomo e Dio.

Questo è invito a non perdere il proprio passato, perché è la nostra radice; è un invito a non perdere il nostro futuro perché è la nostra speranza. Nell’oggi noi viviamo il passato e il futuro, se non neghiamo le nostre radici e se non ci chiudiamo alla speranza.

Nell’oggi avviene quella sintesi che ci dice che Dio si è fatto uomo perché ogni uomo sia Dio: siamo infatti suoi figli. Da Lui veniamo e a Lui ritorniamo. Ma facciamo questo non nella fuga ma nell’incarnazione.

Giuseppe è il Padre di Dio. Quel Giuseppe che abbiamo sempre tenuto in un angolo perché, a noi sembrava, concorrente di Dio Padre. Il nostro antropomorfismo ci ha portato a leggere Maria come Madre perché il Padre aveva bisogno di una Madre. Ma Giuseppe no, non può essere Padre perché il Padre è Dio. Quel Dio che è invece Padre e Madre. Quell’uomo che invece è Dio proprio nella sintesi fra uomo e donna, fatti a immagine di Dio. Quel Giuseppe che è padre al di là e al di sopra della propria carne. Ma è Lui il generatore di Gesù ad essere figlio di Davide, Re di Israele, Figlio di Dio e Messia.

Gesù è il frutto maturo della storia della salvezza. Gesù è il frutto maturo di tanto generare. E dunque, di tante passioni, di tante storie, di tanti desideri, di tanti atti di amore e di non amore.

Come nella storia di Israele, nella genealogia di Gesù si sono portate a compimento le promesse antiche. Così, alla stessa maniera, nella storia di ognuno di noi si portano e si porteranno a compimento le promesse antiche. Nella nostra storia si incarna il Figlio di Dio. La nostra storia diventa una storia da figli di Dio. Nella nostra storia le promesse di Dio si fanno carne e la buona novella riacquista vita. In noi e in mezzo a noi la presenza amorevole di Gesù Figlio di Dio si fa presenza, si fa carne.

Nella nostra storia si fa Natale e nel generare della nostra vita tutto il passato si fa presente e tutto il futuro sprigiona la sua capacità di speranza. Oggi, qui, di nuovo sono generato da Dio e sono invitato da Dio a generare.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

21 Febbraio 2024 Luca 11, 29-32

Chi ha bisogno di segni per credere ha gli occhi chiusi su se stesso e sul mistero contenuto nella propria interiorità.

E. Avveduto

Non occorrono altri segni al di là di quelli che la vita ci mette sul cammino. Occorre piuttosto la capacità di leggere la vita a partire dal segno permanente che per noi resta Gesù Cristo, il suo mistero di morte e di risurrezione.

A. Savone

20 Febbraio 2024 Matteo 6, 7-15

Il cuore della preghiera, di ogni preghiera, di ogni legame d’amore è il perdono, perdono da ricevere da Dio nell’istante preciso in cui anche noi lo offriamo ai nostri fratelli. La vera preghiera d’amore è questa, il resto rischia di essere un’inutile, irrispettosa, melmosa ripetizione di parole che non cambia la vita e non scalda il cuore.P. Spoladore

La preghiera attraversa il corpo. È il respiro, il grido, l’interrogativo, la supplica, il gesto senza parole, il tempo del dilemma, il ritardo, l’imprevisto, le mani piene, le mani vuote.
J. Tolentino Mendonça

19 Febbraio 2024 Matteo 25, 31-46 Copia

Cristo ringrazia coloro che non sapevano chi sfamavano…

espressioni come: amare il prossimo in Dio, per amore di Dio, sono ingannevoli ed equivoche.

All’uomo, tutto il suo potere di attenzione è appena sufficiente per essere capace semplicemente

di guardare quel mucchio di carne inerte e nuda al bordo della strada.

Non è quello il momento di rivolgere il pensiero a Dio.

Ci sono momenti in cui bisogna pensare a Dio dimenticando tutte le creature senza eccezione,

come ce ne sono altri in cui guardando le creature non bisogna pensare esplicitamente al creatore.

Simone Weil

Share This