8 settembre 2021 Matteo 1, 18-23

Giovanni Nicoli | 8 Settembre 2021

Matteo 1, 18-23

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa Dio con noi.

Gli apparve, a Giuseppe, in sogno un angelo che gli disse…

È l’angelo del discernimento. L’angelo che ci porta, dopo avere portato Giuseppe, al di là delle apparenze. È l’angelo che non è interessato al nostro buon senso con cui affrontiamo la vita e le fatiche della stessa.

 Vorrei un angelo!

Un angelo che mi aiuti a vedere, che mi aiuti a sentire, che mi aiuti ad intuire.

Maria si è trovata incinta: bella situazione! Si è trovata, come se fosse svampita e non sapesse come avvengono certe cose. Si è trovata incinta e a Giuseppe tocca sbrogliare la situazione. A quanto pare lui non c’entra nulla. Ma che fare? La Legge direbbe di ripudiarla: mah e il bambino? che fine farebbe il bambino? Una volta bambini come questi li si definiva bastardi o figli di N.N., figli illegittimi e dunque senza diritti, bambini da serie B.

Giuseppe ascolta l’angelo e va oltre, non vuole che questo avvenga. Ma se la Legge dice così, ma cosa vorrà Dio? E poi, cosa vorrò io? Io so che gli voglio bene, che la amo, che la mia vita senza di lei non sarebbe la stessa cosa.

E allora? Allora, non voglio vivere senza di lei: Maria è la mia sposa.

Il mio angelo, colui che mi porta oltre, oltre il muro di separazione che a noi piace costruire. Il mio angelo, quello del discernimento, spinge il mio sguardo più in là. Mi fa vedere in un modo o nell’altro, anche attraverso dei sogni, che ciò che vale è l’amore fra due persone, tutto il resto è cosa importante ma sempre e comunque secondaria rispetto a questo.

L’angelo mi fa udire cose indicibili: la ami? E allora dimostrati di amarla!

L’angelo mi fa vedere cose inguardabili: la tua fidanzata è incinta? Non vedi la bellezza di quello che sta per nascere come dono di Dio?

Noi diremmo sei un cornuto. Dio no: Dio ci dice che è opera dello Spirito Santo ogni bimbo che viene alla luce e che ogni bimbo che viene alla luce ha bisogno di tutta l’attenzione del mondo, altro che lasciare che muoia su di una spiaggia annegato!

Il nostro naso, se solo lo mettiamo in moto, ci fa intuire cose inintuibili, cose inguardabili, cose inavvicinabili.

Ciò che vale è amore e l’amore è invisibile agli occhi. L’amore, lo senti, l’amore non lo puoi consumare, l’amore lo puoi solo alimentare con scelte concrete incredibili. Questo è il miracolo della fede più vero del fatto di dire ad un albero di sradicarsi da un posto e di trapiantarsi nel mare.

Ho voglia di un angelo, ho voglia dell’angelo del discernimento che mi spinga sempre oltre, in ogni momento della giornata, in ogni frangente della mia vita.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

21 Febbraio 2024 Luca 11, 29-32

Chi ha bisogno di segni per credere ha gli occhi chiusi su se stesso e sul mistero contenuto nella propria interiorità.

E. Avveduto

Non occorrono altri segni al di là di quelli che la vita ci mette sul cammino. Occorre piuttosto la capacità di leggere la vita a partire dal segno permanente che per noi resta Gesù Cristo, il suo mistero di morte e di risurrezione.

A. Savone

20 Febbraio 2024 Matteo 6, 7-15

Il cuore della preghiera, di ogni preghiera, di ogni legame d’amore è il perdono, perdono da ricevere da Dio nell’istante preciso in cui anche noi lo offriamo ai nostri fratelli. La vera preghiera d’amore è questa, il resto rischia di essere un’inutile, irrispettosa, melmosa ripetizione di parole che non cambia la vita e non scalda il cuore.P. Spoladore

La preghiera attraversa il corpo. È il respiro, il grido, l’interrogativo, la supplica, il gesto senza parole, il tempo del dilemma, il ritardo, l’imprevisto, le mani piene, le mani vuote.
J. Tolentino Mendonça

19 Febbraio 2024 Matteo 25, 31-46 Copia

Cristo ringrazia coloro che non sapevano chi sfamavano…

espressioni come: amare il prossimo in Dio, per amore di Dio, sono ingannevoli ed equivoche.

All’uomo, tutto il suo potere di attenzione è appena sufficiente per essere capace semplicemente

di guardare quel mucchio di carne inerte e nuda al bordo della strada.

Non è quello il momento di rivolgere il pensiero a Dio.

Ci sono momenti in cui bisogna pensare a Dio dimenticando tutte le creature senza eccezione,

come ce ne sono altri in cui guardando le creature non bisogna pensare esplicitamente al creatore.

Simone Weil

Share This