28 Luglio 2023 Matteo 13, 18-23

Giovanni Nicoli | 28 Luglio 2023
Matteo 13, 18-23
 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Voi dunque ascoltate la parabola del seminatore. Ogni volta che uno ascolta la parola del Regno e non la comprende, viene il Maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada. Quello che è stato seminato sul terreno sassoso è colui che ascolta la Parola e l’accoglie subito con gioia, ma non ha in sé radici ed è incostante, sicché, appena giunge una tribolazione o una persecuzione a causa della Parola, egli subito viene meno. Quello seminato tra i rovi è colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto. Quello seminato sul terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende; questi dà frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno».

 

Il nostro rapporto con la Parola è una questione seria e importante per la nostra esistenza.

Essere ascoltatori distratti della Parola non ci è utile. Mi capita di vedere cristiani che in chiesa magari sono attenti a ciò che il prete dice, ed è già una bella cosa, ma spesso non vedo la stessa attenzione nei confronti della Parola proclamata. Quando si proclama la Parola sembra più il tempo dei ritardatari, oppure il tempo delle ultime chiacchiere. Così, spesso, si vede il libro della Parola, il lezionario, messo da ogni parte e chiuso subito dopo la proclamazione come a dire: anche questa è fatta, procediamo. E chiudiamo noi stessi alla Parola proclamata e incarnata. Il libro della Parola dovrebbe essere trattato con la stessa cura e la stessa attenzione che usiamo per il Pane Eucaristico. Ma è difficile cogliere l’importanza per questo perché per troppi secoli nella nostra chiesa la Parola scritta, letta e incarnata non ha avuto il posto dovuto. Spesso era addirittura proibita la sua lettura e i preti stessi non ce ne capivano più di tanto. È incarnata in noi, popolo cristiano, questa modalità non adeguata di trattare la Parola.

Il vangelo di quest’oggi ci invita a non fermarci all’ascolto e all’accoglienza della Parola.

Il solo ascolto senza la comprensione non ci giova. La Parola non è una parola magica che opera dentro di noi senza la nostra adesione libera alla stessa. La Parola opera in modo potente in un cuore attento, in una persona che ha cura della stessa, in un cristiano che, amando la Parola ascoltata e accolta, cerca di comprenderla. Sappiamo che è facile non comprendere; è cosa che avviene nella nostra esistenza il dire che la Parola è difficile e usare questo motivo per non confrontarci con lei quotidianamente.

Ascolto e comprensione della Parola è uno dei compiti più importanti del cristiano, più importanti dei dieci comandamenti perché la Parola è più grande, più vasta, più completa dei comandamenti che sono in essa contenuti.

Anche l’accoglienza della Parola è passo importante per relazionarci con questa parte di Vita essenziale alla nostra vita. Ma non possiamo accoglierla con un semplice entusiasmo che poi lascia il tempo che trova. L’incontro con la Parola non è incontro di un momento da dimenticare appena usciti di casa o di chiesa. L’incontro con la Parola è bacio vitale da portare in nostra compagnia per tutta la nostra giornata.

Per ascoltare la Parola e potere portare frutto, è necessario comprenderla accogliendola e amandola. Ma la Parola ha un’altra caratteristica per la completezza della sua comprensione ed è il rapporto che instaura con la vita. La verità della Parola è verità scritta. Ma fino a che rimane scritta non diventa vita. La Parola va proclamata, ma anche questo non basta. La Parola va accolta e compresa. Ma la comprensione completa della Parola passa attraverso l’esperienza della incarnazione. Gesù è Parola Incarnata che suona la musica della Parola stessa con la sua vita. Fino a che la Parola non rimane con noi e non si invera nella Incarnazione della stessa, la Parola rischia di rimanere arida e senza frutti.

La Parola ascoltata, amata, accolta, compresa è un fiume in piena che deve invadere la nostra esistenza e come tale prende le forme delle nostre giornate e delle varie situazioni che compongono le nostre giornate. La Parola ascoltata e accolta, acquisterà pienezza di conoscenza solo nel momento in cui toccherà l’apice della sua verità, che si trova nella vita di ognuno di noi, nel nostro quotidiano, nella nostra esperienza.

Fino a che questo non avviene la Parola rischia di rimanere una delle belle e tante verità astratte, che passano sopra le teste degli uomini.

Portarla con noi significa Incarnarla, Incarnarla significa gridare che “non sono più io che vivo ma Cristo vive in me!”.

La Parola ascoltata e accolta, acquisterà pienezza di conoscenza solo nel momento in cui toccherà l’apice della sua verità, che si trova nella vita di ognuno di noi, nel nostro quotidiano, nella nostra esperienza.

 PG

Ascoltando la Parola diamo corpo a Dio nel mondo, gli diamo vita, gli siamo madre, come la madre terra che germina il seme, così ciascuno di noi fa germinare Dio nella propria vita, diventiamo madre e poi diventiamo fratelli e sorelle di Gesù perché generando io la Parola, divento io stesso simile a Dio, divento figlio, divento come Gesù, suo fratello.

Fausti

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

9 Giugno 2024 Marco 3, 20-35

Essere dentro è ascoltare e fare, ma anche lasciarsi guardare. In quello sguardo circolare di Gesù c’è il volto di Dio che guarda ciascuno di noi con uno sguardo amorevole, misericordioso, accogliente, che vede in noi la bellezza che siamo e ci invita ad uscire allo scoperto, a non nasconderci negli angoli bui della vita. E questo sguardo ci dice che lui si è rivolto verso di noi, che possiamo chiamarlo, guardarlo in faccia e parlargli da amici.

C. Rajola

Potete anche non credere a me e giudicarmi un pazzo, ma se non riconoscerete lo Spirito Santo all’opera, non riuscirete a fidarvi della misericordia di Dio e saboterete ogni suo tentativo di accogliervi e amarvi.

L. Vitali

8 Giugno 2024 Marco 12, 38-44

Questa vedova dona a partire dalla sua mancanza. È a partire dalla sua indigenza e dal suo non-avere che lei dona. Lei dona il niente che ha. Amare è far dono all’altro della propria povertà. Al tempo stesso, quel dono di niente, che parte dal niente, è dono di tutto, perché è dono di sé.

L. Manicardi

7 Giugno 2024 Festa del Sacro Cuore Giovanni 19, 31-37

Ogni amico del Sacro Cuore deve riprodurre questo divin Cuore in un modo speciale e diverso secondo l’attrattiva e il grado della grazia che gli è stata data. In tutti, però, deve vivere il Sacro Cuore, questo Cuore che sempre ama e sempre si immola; questo Cuore che dimentica sempre se stesso e non si stanca mai di donarsi; questo Cuore che pur essendo un cuore d’uomo è anche il cuore di un Dio; questo Cuore che non ha cessato mai di offrirsi e di consacrarsi per noi e a noi, e che è il primo, il più bello e il più grande di tutti i cuori di oblati e di vittime d’amore.

P. L. Dehon

Share This