7 gennaio 2021 Matteo 4, 12-17.23-25

Giovanni Nicoli | 7 Gennaio 2021

Matteo 4, 12-17.23-25

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:

Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,

sulla via del mare, oltre il Giordano,

Galilea delle genti!

Il popolo che abitava nelle tenebre

vide una grande luce,

per quelli che abitavano in regione e ombra di morte

una luce è sorta.

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”.

Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. La sua fama si diffuse per tutta la Siria e conducevano a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guarì. Grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano.

Il mistero dell’Incarnazione non è questione di luci e lucette natalizie, ma è questione di Luce. Luce che viene fra le genti, Luce che viene nelle tenebre correndo il pericolo, molto quotidiano e realistico, di non venire accolta. Ai confini del mondo ebraico, la sua fama si era diffusa più per la Siria che non per Israele, Gesù continua a vivere il suo mandato misterioso di incarnazione. Misterioso non significa che fosse nascosto quanto invece che fosse, e lo è anche oggi, non facilmente comprensibile. Un mandato che non rientra negli schemi razionalistici dell’uomo d’oggi; ma neppure negli schemi illuministici dell’uomo di ieri; direi che non rientra neppure negli schemi religiosi dell’uomo del Medio Evo. Gesù Luce si incarna e il suo andare di villaggio in villaggio, in una zona di confine quale è quella di Cafarnao, nel territorio di Zabulon e di Neftali, è una logica conseguenza del suo mandato di incarnazione.

Direi che è un segno di riconoscimento e di distinzione: Gesù che si incarna, Dio incarnato è il simbolo e la realtà della nostra fede. Tutto ciò che contraddice questo dato, ci dice san Giovanni nella sua lettera, è semplicemente mancanza di fede.

Gesù che si incarna, dopo l’arresto di Giovanni Battista, colui che lo aveva lanciato come Messia, come Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo, si ritira, Lui l’uomo del confine e della marginalità, in una zona di confine, una zona di passaggio. Quelle zone di confine che ad ogni uomo di ogni tempo non sono mai piaciute. A noi uomini piace essere al centro. Noi desiriamo lavorare in curia, avere a che fare coi monsignori, essere in qualche dicastero romano. A noi piace stare in Regione o nel parlamento a Roma, non certo essere semplici consiglieri di un comune sperduto.

Noi siamo abbagliati dalle lucette natalizie e non sappiamo riconoscere la Luce che viene nel mondo. Quella Luce che si manifesta nel genuino rapporto di gente di paese, che si conosce, si riconosce, si rapporta in modo semplice. Essere nella semplicità non riconoscendoci e non lasciandoci abbagliare dalla falsa luce della complessità, significa incarnarsi in una via della semplicità che è la via della vita, la via dell’incontro, la via della connessione col nostro cuore e con la nostra anima. Gesù si ritira in una regione periferica dove incontra varie genti e varie culture. E in questa regione incontra, riscegliendo la via dell’incarnazione, l’emarginazione della sua società.

Infatti: “La sua fama si diffuse per tutta la Siria e conducevano a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guarì”. Ritrovare la semplicità di un rapporto con la realtà di ogni giorno dove si incontrano stranieri e malati di ogni tipo, indemoniati e paralitici, epilettici e tormentati di ogni tipo.

Forse, per essere fratelli dell’Incarnato, basterebbe tornare per strada, camminando a piedi fra la gente con un occhio attento ai dolori che albergano nel cuore di coloro che incontriamo; dolori che, se siamo attenti, traspaiono dai volti che vediamo.

È l’esigenza della fede, è l’esigenza di Gesù Bambino, quella di aprirsi ad ogni realtà umana, soprattutto quella più al limite. Aprirsi è esigenza vitale, è esigenza della fede nell’incontro, è esigenza che chiede a noi di essere persone attente ad accogliere e ad amare, piuttosto che essere persone attente a volere cambiare e manipolare l’altro e la realtà.

Incarnarsi significa proprio questo: significa volere salvare l’uomo; significa annunciare la venuta del Regno che è conversione e guarigione; significa accogliere l’umanità in ogni sua istanza e in ogni esigenza. Forse anche nella realtà dell’incontro potremmo lasciarci stimolare da quella sana curiosità che diventa poi creatività. Curiosità non tanto per carpire i segreti dell’altro, quanto invece per scorgere la bellezza di accogliere l’esperienza di chiunque. Questo ci arricchisce proprio nella realtà povera della marginalità. Così ogni cosa e ogni esperienza diventa vitale, così possiamo mettere in moto una creatività che ci porta oltre i confini, oltre i confini del buon senso e delle cose ben stabilite. Così ogni cosa e ogni esperienza, ogni realtà di vita e ogni incontro, diventa luogo di evangelizzazione, luogo di annuncio della buona novella, luogo di incarnazione, stalla dove Gesù Bambino viene al mondo di nuovo, proprio oggi.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

2 Marzo 2024 Luca 15, 1-3.11-32

«Accettare il perdono di Dio è una delle più grandi sfide della vita spirituale. C’è qualcosa in noi che si ag­grappa ai nostri peccati e non lascia che Dio cancelli il nostro passato e ci offra un inizio completamente nuovo».

H. Nouwen

“Dio non guarda a cio’ che siamo stati, guarda a cio’ che siamo”.

Jean-Joseph Lataste

1 Marzo 2024 Matteo 21, 33-46

Siate custodi dei doni di Dio. Quando non ci prendiamo cura del creato e dei nostri fratelli, allora, trova spazio la distruzione, e il cuore inaridisce.

Papa Francesco

Il vero potere è quello del Dio crocifisso:

un potere che vuole l’alterità dell’altro fino a lasciarsi uccidere per offrirgli la risurrezione.

Perciò il potere assoluto s’identifica con l’assoluto del dono di sé, con il sacrificio che comunica la vita agli uomini e fonda la loro libertà.

Olivier Clément

29 Febbraio 2024 Luca 16, 19-31

Finché una civiltà è costruita in modo tale che ogni cinque secondi un essere umano muore di fame, quella civiltà ha un cuore sbagliato, ha politiche sbagliate, scuole sbagliate, religioni sbagliate, culture sbagliate perché sono in modo evidente e indiscutibile contro l’uomo stesso. La nostra non è una civiltà ma un inferno, un massacro alla luce del sole e tutti, tutti noi, dovremo renderne conto amaramente.
P. Spoladore

Share This