23 Giugno 2023 Matteo 6, 19-23

Giovanni Nicoli | 23 Giugno 2023
Matteo 6, 19-23
 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore.

La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!».

Le cose viste con un buon occhio economico sono al centro della preoccupazione e della occupazione del nostro mondo. Un occhio che, ne consegue, è sempre più tenebroso e sempre più cattivo nei confronti dell’uomo perché gli affari sono affari. Se l’occhio è cattivo e tenebroso, tutto il corpo, cioè la persona, sarà tenebrosa.

Pazienza il mondo. Ma oggi vorrei parlare di questa dinamica all’interno della chiesa e in particolare all’interno della vita religiosa che chiamerei: i condannati ad essere ricchi facendo finta di essere poveri. Per la chiesa occidentale e gli istituti religiosi oggi è impossibile essere poveri.

Tutti i beni che la chiesa ha e che a lei sono stati donati, così come agli istituti religiosi, non sono cattivi in sé ma lo diventano quando i beni sono visti con un buon occhio economico e non con un buon occhio evangelico. Dobbiamo essere buoni amministratori di quanto ci è stato donato, è vero. Non dobbiamo scialacquare, è altrettanto vero. Ma questo va bene solo se tutto quello che abbiamo è a servizio dei poveri e non di quattro gatti che abitano conventi di migliaia di metri quadri mentre fuori c’è qualcuno che casa non ha.

Quando diciamo il Padre Nostro dovremmo ricordarci che per noi il mondo dovrebbe essere un mondo di fratelli: ma non è vero! Non siamo in un mondo di fratelli e il potere, di qualsiasi natura esso sia, serve solo se stesso. Noi chiesa, noi religiosi, per essere buoni amministratori facciamo alleanza non con i poveri, che sono la nostra unica ricchezza, ma coi ricchi e i potenti. Accumuliamo conventi vuoti e non abbiamo il coraggio di regalarli a chi magari potrebbe farne buon uso, cosa che per noi oggi è impossibile fare. Accumuliamo capitali perché le regole del mercato ce lo richiedono e tanti nostri fratelli e confratelli dall’altra parte del mondo fanno fatica a mantenersi per un servizio alla loro gente che è povera. Ma questo non basta: facciamo le pulci ai loro sprechi di denaro che sono una cosa minima rispetto allo spreco quotidiano nostro.

Le nostre banche sono i poveri, da sempre i padri della chiesa ce lo hanno detto e da sempre noi abbiamo tradito questa verità evangelica. Non sono gli investimenti che ci permettono di portare avanti le nostre opere, sono la significatività e il servizio alla gente. Più spendi e più hai, più accumuli e più l’occhio del tuo cuore si annebbia non permettendoti di vedere il fratello povero e bisognoso: troppo preoccupati di salvare il proprio orticello. Tutto il nostro parlare di significatività della vita religiosa e della fede è reso vano dalla nostra pratica economica. Una pratica economica che non diventa buona solo perché decisa da un vescovo o da un provinciale: se è anti evangelica, antievangelica rimane, anzi diventa ancora più diabolica.

Stiamo dalla parte dei potenti pretendendo di andare a curare i feriti che i potenti, nostri alleati, continuamente creano in tutte le parti del mondo. Con le scelte economiche come con le bombe.

Là dove è il tuo cuore: se non rimettiamo al centro della nostra attenzione e del nostro amore l’umanità che è in attesa del vero uomo Dio, noi consacrati continueremo a perpetrare l’età dell’odio lamentandoci che non ci si ama più.

Noi cristiani, noi preti, noi religiosi, ci siamo appiattiti sulla borghese-consumistica. E continuiamo a sfornare migliaia di omelie che non mordono il reale togliendo ai cristiani la stessa possibilità di una parola altra che indichi piste di una ben diversa salvezza.

Non ci interessa più l’uomo, morale è tutto quello che ci conviene. E allora? Allora il denaro viene prima della famiglia, dei figli, della felicità, dell’educazione, della stessa salute: ci si ammazza di lavoro, e non è retorica. La Chiesa poi ha bisogno di denaro per tenere in piedi le sue opere e aiutare i poveri. Ma ama ancora i poveri in questo modo o fa solo una operazione di immagine fine a se stessa? Rischiamo di essere noi ad uccidere la speranza facendo poi i crocerossini. Perdiamo il senso della vita, viviamo come tutti senza se e ma e perché, non guardando più in faccia a nessuno, non avendo più il coraggio e il tempo di guardare l’uomo negli occhi.

Non accumulate per voi tesori sulla terra!

Dall’occhio, dal confine tra la mia interiorità e la mia esteriorità, si comprende ciò che viviamo nel cuore. Dagli occhi possiamo capire tutto di noi. Dallo sguardo si vede dov’è il nostro tesoro: se è sulla terra o se è nei cieli, in Dio.

Matteo Ferrari

 

Il modo di guardare, valutare, pensare, sentire, camminare e fare dipende dall’occhio e dal cuore che sana o ammalia il nostro sguardo. Così la realtà che ci circonda soffre o gioisce dell’aurea che il nostro occhio trasmette e che proviene dal nostro cuore e dal nostro pensare.

 PG

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

18 Luglio 2024 Matteo 11, 28-30

Ognuno ha la sua schiena
per sopportare il peso di ogni scelta,
il peso di ogni passo,
il peso del coraggio.
Amara

Bisogna cambiare “giogo”. Abbandonare quello dei “sapienti e dei dotti” e prendere quello del Maestro che, nelle Beatitudini, apre una via nuova. Gesù non è meno esigente, anzi, lo è di più. Ma esige in maniera diversa. Esige l’essenziale: l’amore che libera e fa vivere.

Luciano Locatelli

17 Luglio 2024 Matteo 11, 25-27

Fatti piccolo.

Non infantile, ma ultimo tra gli ultimi.

Quella è la direzione che Dio stesso ha scelto per sé.

S. Collura

I «piccoli» trovano sempre la loro forza nella relazione, che li rende capaci di far dare il meglio degli altri prendendosi cura dei loro bisogni. I grandi invece rischiano di pensare a se stessi come se non avessero bisogno di nessuno e, prima o poi, questo si rivela non solo falso, ma persino triste e pericoloso.

D. M. Semeraro

16 Luglio 2024 Matteo 11, 20-24

Cosa vuol dire convertirsi? Vuol dire semplicemente pensare come pensa Dio, vuol dire mettere a confronto, conformare la mia realtà su quella di Dio. Ritornare a Dio vuol dire continuamente scoprirlo, perchè è sempre oltre e sempre altro.

D. M. Turoldo

“Il male non è mai spettacolare agli inizi.

Il male comincia sempre gentilmente, modestamente, potremmo dire: umilmente.

Il male si insinua nell’aria come l’acqua sotto una porta. All’inizio non è quasi niente.

Un po’ di umidità.

Quando arriva l’alluvione, è troppo tardi.

Il male ha come ausiliari la tiepidezza e il buon senso della brava gente.

Il peggio in questa vita sarà sempre introdotto dalla cosiddetta brava gente”.

Christian Bobin

Share This