fbpx
Argomento: Beatitudini

15 agosto 2019 Luca 1, 39-56

Prendersi cura, in fondo, altro non è che diventare pane da consegnarsi, diventare pane da donarmi. Gesù spezzò il Pane e si diede da mangiare. Noi spezzandoci perché amanti diverremo portatori di vita, salvatori salvati grazie a quella piccola carezza ricevuta e donata.

17 luglio 2019 Matteo 11, 25-27

La benedizione del Padre ci salva dall’idolatria. Salutarci con la benedizione è dono dall’alto che scende su di noi. È ritornare a vedere la bellezza del benedirci a vicenda non perché roba da preti, quanto invece perché è umanizzazione delle nostre relazioni.

11 novembre 2018 Marco 12, 38-44

La povera vedova viene ricordata nei secoli in tutte le chiese perché, nella sua povertà, ha fatto sì che la Scrittura non fosse più cosa solo scritta ma divenisse vita, eucaristia celebrata e cantata sulla tonalità del tintinnio di due monete gettate nel tesoro della vita. Un piccolo tintinnio che dona vita al canto della vita.

3 novembre 2018 Luca 14, 1. 7-11

Il contadino capisce il segreto del seme, lui che è umile. L’umile capisce il mistero di Dio che si incarna nel seme che cade in terra e muore donando vita.
L’umiltà non è umiliazione ma è mettersi allo stesso livello di Dio che si fa uomo, humus. Semplicemente perché lì si nasconde il mistero della vita.

Share This