11 maggio 2022 Giovanni 12, 44-50

Giovanni Nicoli | 11 Maggio 2022

Giovanni 12, 44-50

In quel tempo, Gesù esclamò:

«Chi crede in me, non crede in me ma in colui che mi ha mandato; chi vede me, vede colui che mi ha mandato. Io sono venuto nel mondo come luce, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre.
Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva, io non lo condanno; perché non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo.

Chi mi rifiuta e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho detto lo condannerà nell’ultimo giorno. Perché io non ho parlato da me stesso, ma il Padre, che mi ha mandato, mi ha ordinato lui di che cosa parlare e che cosa devo dire. E io so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico così come il Padre le ha dette a me».

“Chi vede me, vede colui che mi ha mandato”: non c’è nulla da obiettare Gesù è tutto suo Padre. Ed è tutto suo Padre non solo nei modi di atteggiarsi, ma anche e ancor di più nelle sue convinzioni, nelle sue scelte, nel suo desiderio di salvare gli uomini.

Gesù è luce che illumina gli uomini, è Lui il sole che sorge dall’alto della creazione per donare vita alla creazione stessa.

Questo è Dio per noi, questo è il nostro Dio per noi. Ancora di più: questo è ciò che il nostro Dio fa per noi. Questo è il sì di Gesù per l’uomo. Un sì fedele, un sì di amore eterno. Un sì che non dipende dai nostri limiti e dai nostri capricci.

Il sì di Gesù al Padre è il sì di Gesù all’uomo e per l’uomo. Noi sappiamo che nel sì di Gesù si sono realizzate tutte le promesse del Padre: amante che manda il suo Figlio nel mondo non per condannare il mondo ma perché il mondo si salvi per mezzo di Lui.

Il Figlio che è tutto suo Padre, altro non fa che donare se stesso perché il mondo si salvi e non perché il mondo si condanni. Il mondo non ha bisogno di alcuno che lo condanni, il mondo si condanna da sé con le sue chiusure e col suo rifiuto della vita di Dio. Il mondo muore perché non accoglie la Vita, quella vera, di Gesù che viene dal Padre. Noi sappiamo che quando il tralcio si stacca dalla vite, non riceve più vita, né linfa vitale e allora muore, si secca e serve solo ad essere bruciato.

Noi figli che pensiamo sempre di saperla più lunga dei nostri genitori, siamo chiamati a riconoscerci come figli che hanno bisogno in tutto e per tutto dei propri genitori.

Noi figli veniamo alla luce e viviamo grazie ai nostri genitori e nel momento in cui rifiutiamo la loro genitorialità, moriamo. Se accogliamo il loro dono, di loro viviamo e per loro viviamo.

Accogliere la Parola di Gesù significa essere illuminati, rifiutarla significa essere nelle tenebre. Lasciarci illuminare significa, di conseguenza, ricevere la sua vita quella eterna, quella che non finisce mai.

Rifiutare la Parola significa rimanere nelle tenebre, non lasciarci illuminare, chiuderci dunque a quella vita eterna di resurrezione che viene dal Cristo, condannandoci inesorabilmente alla morte.

È tempo che cogliamo il fatto che ogni giorno la luce Gesù, viene a noi per illuminare le nostre scelte, per illuminare la comprensione di ciò che è bene, bello e buono. Ogni giorno mi pare che le tenebre siano più forti e più dense. Per quanto mi sforzi, per quanto desideri lasciarmi illuminare, per quanto accolga la Luce Gesù, mi ritrovo nelle scelte da operare come in mezzo a un guado. In mezzo al guado si è in balia di tutte le correnti e si rischia di non riuscire né ad andare all’altra riva né a tornare alla vecchia. La riva vecchia chiama come luogo sicuro e conosciuto, la riva nuova è intuitivamente buona ma troppo spesso sconosciuta e quindi incerta. Il guado rischia di travolgermi.

Si desidera che la Luce ci illumini, ci si lascia illuminare, ma questa luce troppo spesso fatica a bucare la coltre di nebbia che avvolge le nostre scelte.

Se facessi le scelte di sempre tutto sarebbe chiaro e nulla avrebbe bisogno di discernimento: le ho sperimentate e le conosco. Nel momento in cui mi lascio coinvolgere dalla Luce e dal desiderio di qualcosa di bello e di nuovo meglio di vero e di buono, tutto diventa incertezza e nebulosità.

Vi è uno spiraglio di luce e devo seguire questo spiraglio per vedere i passi che posso compiere. Questo spiraglio non scalda come vorrei e non illumina i contorni della via come desidererei. Spesso si cammina col cuore freddo, spesso si cammina con l’incertezza del paesaggio circostante ma comunque con la certezza che quello spiraglio mi parla di Lui e, nonostante le mie cecità, mi conduce sulla via della vita.

Signore, donami il coraggio di non morire nell’incertezza della nuova sponda e di non ritornare sulla vecchia via.

Donami di non rimanere nelle tenebre, nella nebbia; prendimi per mano e conducimi tu!

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

20 Giugno 2024 Matteo 6, 7-15

Giovane,

non dimenticare

la preghiera.

In essa, se è sincera,

fa capolino ogni volta

un nuovo sentimento,

ed in questo anche

un nuovo pensiero,

che prima non conoscevi

e che ti riconforterà;

e tu comprenderai

che la preghiera

è un’educazione.

Fëdor Dostoevskij

19 Giugno 2024 Matteo 6, 1-6.16-18

L’amore vero, quello libero interiormente, agisce silenziosamente, gode solo di amare e non di sentirsi dire grazie. Dovremmo passare dalle logiche dell’apparenza alle logiche dell’appartenenza.L. M. Epicoco
  E’ difficile che gli individualisti si incontrino, al massimo si usano. E’ difficile che si ricompongano, caso mai implodono. E’ difficile che gli individualisti sappiano donare, al limite “regalano” facendo pesare che sono loro a “dare”. Agli individualisti manca la gratuità. E manca perché, in fondo, non sono cattivi, semplicemente sono immaturi. Infantili. Perché l’individualista quando dà, lo fa solo per vincere. E questo non vale solo in ambito psicosociale, ma anche nel campo della fede e della vita spirituale. 
M. Illiceto

18 Giugno 2024 Matteo 5, 43-48

Le perfezioni di chi amiamo non sono finzioni dell’amore.

Amare è, al contrario, il privilegio di accorgersi di una perfezione

invisibile agli occhi degli altri.

Nicolás Gómez Dávila

Amare a comando è parecchio difficile, per questo ci viene consegnata la preghiera come “palestra” dell’amore: pregare per gli altri significa portarli nel cuore, comprenderli meglio, accettare che hanno ragioni e motivazioni profonde, anche se io non le capisco né le condivido. Strada difficile, ma necessaria, per raggiungere la «perfezione» del Padre.

Dehoniani

Share This