26 Aprile 2024 Giovanni 14, 1-6

Giovanni Nicoli | 26 Aprile 2024

Giovanni 14, 1-6

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi un posto”? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via».

Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me».

Il vangelo di quest’oggi è tratto dal discorso che Gesù fa ai suoi discepoli nell’ultima cena. Ha appena annunziato il tradimento di Giuda e il rinnegamento di Pietro: non deve essere stato un bel clima. Ha annunciato che ancora per poco sarà con i suoi discepoli e che tutto quanto sta accadendo è per la sua glorificazione.

Partire è un po’ morire. Ognuno di noi ha delle partenze nella sua vita. Un figlio che lascia la casa e si sposa, un familiare che va lontano per lavoro, uno che emigra, un amico che deve lasciare la compagnia, un religioso che cambia di comunità, il marito o la moglie che muoiono, un cambio di posto lavoro. In questa situazione si inserisce il vangelo di quest’oggi che inizia con il “Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me”.

Non sia turbato il vostro cuore, perché seppure è vero che la situazione che stiamo vivendo non è delle più rosee e più felici, è anche vero che questa situazione ha un senso che noi comprendiamo fino ad un certo punto. La perdita di una persona o una partenza, noi riusciamo a comprenderla un po’, finché ci ragioniamo sopra, ma appena smettiamo di ragionare e lasciamo spazio al cuore non la comprendiamo più, o meglio non la accettiamo più. Ha un bel dire Gesù non sia turbato il vostro cuore: il nostro cuore è turbato, la situazione ci pesa. E come potrebbe non pesarci una morte? Sappiamo che la perdita di una persona, una ripartenza, porta in sé dei germi di bene, se vogliamo, che nemmeno ci immagineremmo, ma è pur sempre una perdita e una morte. Siamo chiamati a fare lutto e il lutto non si fa ridendo. Gesù Cristo è morto in Croce accettando quanto lo aspettava, ma non è andato alla croce saltellando e non soffrendo. C’è una bella differenza tra il dire che una situazione ci pesa e affrontarla, e far finta di niente e dire che la cosa è senza significato. È la differenza che passa tra il ricevere un pugno nello stomaco, sentire il male e dire che non è successo niente.

Tutti noi siamo chiamati ad elaborare i nostri lutti. Lutti che hanno in sé tristezza per una perdita, lutti che ci possono portare a riflettere su quanto c’è e c’è stato in una relazione. Delle cose e delle persone noi normalmente ci accorgiamo quando ci vengono a mancare: quel punto ci ribelliamo. È giusto ribellarci ad una perdita ma è anche giusto riconoscere che una perdita è ormai avvenuta e cominciare a fare lutto, alimentando il ricordo. Riflettere su quello che è stato, su quanto quella persona ci ha lasciato, sulle tracce di bene seminate nel nostro cuore in una relazione fedele.

Questo, credo e sento, è il senso del “Non sia turbato il vostro cuore”. Se una relazione è vera ha già preparato una casa dove abitare. L’io vado a prepararvi un posto detto da Gesù si riferisce senz’altro all’attesa escatologica. Ma questo posto con lui e con persone significative è già stato preparato nel nostro cuore. Nel momento in cui una persona è dentro di noi, abita con noi: il nostro cuore è fedele e durevole.

Forse non sappiamo dove questa persona è andata a finire, quasi sicuramente il suo ricordo si abbasserà di tono mano a mano che il tempo passa e la ripartenza si allontana, ma le tracce nella nostra memoria affettiva rimarranno indelebili. È un sigillo sul nostro cuore che dice la fortezza dell’amore ed è una passione tenace. Le grandi acque del nostro quotidiano non possono spegnere quell’amore e neppure i fiumi della dimenticanza. Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa in cambio dell’amore, non ne avrebbe che dispregio.

Due innamorati quando debbono allontanarsi si fissano un appuntamento: guardiamo insieme la luna e ci sentiremo vicini. L’appuntamento con i nostri cari è Cristo via, verità e vita. È lui la strada, è lui la verità, è vita.

Avere l’appuntamento in lui significa avere l’appuntamento con un amico che ha dato la sua vita per noi, c’è nulla di più grande di questo: dare la vita per i propri amici. Lui è la via per andare al Padre ed andare al Padre significa essere fratelli. Rimaniamo uniti nell’Amore dello Spirito che il Signore Gesù ci ha promesso con la sua partenza che è divenuta necessaria perché questo dono si potesse realizzare.

Il dono dello Spirito è il dono della maturità cristiana: se Cristo non se ne fosse andato pur rimanendo con noi fino alla fine dei tempi, la chiesa non avrebbe potuto fare il passo di maturità a cui era ed è chiamata. Le partenze e le ripartenze sono utili alla nostra maturità nella fede: per questo è importante fare lutto e farlo bene. Perché il riconoscere le tracce di bene che rimangono nel cuore della nostra memoria affettiva, possano portare frutto, come per un figlio il ricordo di quello che un padre ha fatto e ha lasciato dentro di lui anche con battaglie, diventi seme che germoglia e ricordo che vive in tutto quello che facciamo. Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me.

La vita ci chiama continuamente a staccarci, a salutare, a dire addio o a voltare pagina. Ma in ognuno di questi passaggi non siamo mai soli, anche se la tentazione cercherà sempre di persuaderci che siamo soli, smarriti e orfani.

Piccolo

Se io accetto di entrare in relazione con Gesù, di fare mia la sua strada, io divento uno in cui il Padre e il Figlio mettono la sua dimora, a cui trasmettono la loro stessa vita. Non devo più andare a cercare questo Dio chissà dove, ma io stesso divento sua dimora.

Savone

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

24 Maggio 2024 Marco 10, 1-12

Il matrimonio è un grande mistero, è il grande Mistero di Cristo e della Sua Chiesa che è l’unione che ha Dio con noi, è la metafora dell’unione tra uomo e Dio. È in questo schema sublime che è la più alta dignità dell’uomo che si inserisce la cosa più naturale che sta a cardine della società, sennò non ci sarebbe nessuno di noi. Ed è in quest’ottica che si inscrive anche il divorzio, per la durezza del nostro cuore…

S. Fausti

23 Maggio 2024 Marco 9, 41-50

A nessuno è chiesto di fare sforzi eroici: la forza dell’amore sta nella quotidiana semplicità delle piccole cose.

P. Lanza

È necessario salare la nostra vita se vogliamo che la nostra vita abbia un gusto e soprattutto non marcisca proprio mentre cerchiamo di viverla senza assaporarla.

Il sale della vita è essere in pace con tutti anche se dovesse costare un prezzo salato. Facendo questo tutto ritrova il suo gusto e il suo senso. Meglio essere monchi, zoppi, ciechi che insensati.

A. Savone

22 Maggio 2024 Marco 9, 38-40

La libertà dello Spirito deve essere costantemente un memoriale per ciascuno di noi a non rinchiuderci, a tenere sempre aperta la porta del dialogo, della simpatia, dell’umiltà. Quando ci si sente migliori allora in noi il cristianesimo ha fallito. Dobbiamo essere capaci di permettere a chi agisce secondo verità e giustizia di poterlo fare anche se non è “dei nostri”.

L. M. Epicoco

Share This