2 Maggio 2024 Giovanni 15, 9-11

Giovanni Nicoli | 2 Maggio 2024

Giovanni 15, 9-11

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore.
Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore.

Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena».

Dio è amore gratuito. È gratuito amore che dà la sua vita per i propri Figli, per i propri fratelli. Dio non può che essere amore gratuito.

È affettuoso non per simpatia, ma perché è affettuoso. È tenero non per un moto di gentilezza più o meno sentito, ma perché è gentilezza. È tenerezza non perché il cuore sobbalza con qualcuno e non sobbalza con qualcun altro, ma perché è tenerezza. È perdono perché non può fare a meno di perdonare accogliendo a braccia aperte i figli che ritornano. È dedizione fino alla morte e alla morte di croce. È abbondanza perché il suo amore è amore infinito e onnipotente.

Questo amore è gratuito: ci ha amati per primo, ci ha amati al di là dei nostri meriti, ci ama perché è totalmente per noi. È amore gratuito che dà la vita per noi: fa passare la sua linfa vitale dalla vite, che è lui, ai tralci, che siamo noi. È il Padre che ama in modo infinito il Figlio, l’amore del quale si riversa su di noi.

Un amore gratuito, un amore elettivo. Siamo figli di elezione, perché scelti ed eletti da lui. Una elezione che non è esclusione degli altri, ma è universale. Elezione che non è un’accozzaglia dove tutti entrano indistintamente, ma una elezione personale che ci chiama per noi. Una elezione che dice un amore individualizzato. Per quanto i figli siano uguali e amati tutti, sono comunque amati di un amore diversificato, personalizzato appunto. Questo perché i genitori hanno sentire diversi, questo perché chi riceve l’amore ha un sentire diverso.

Vi è uno che ama un amore delicato, chi lo sente più nella tenerezza, chi lo sente più nella discussione, chi lo sente nel parlare a raffica, chi lo sente nel silenzio di uno sguardo. Ma comunque sono amore che si mette in relazione e crea comunione.

Amore che diventa cascata. Un amore che parte dal Padre e attraverso il Figlio, nello Spirito, raggiunge noi. Un amore che è un torrente che travolge tutto e che, nel ritorno al Padre, dopo avere fecondato tutto quello che incontra sul suo cammino, diventa un fiume dove i ruscelli dell’amore di ognuno di noi vanno ad ingrossare la portata di questo fiume di amore.

È un amore dato gratis, che ci chiama per nome e ci chiede una risposta responsabile. È la linfa vitale della vigna che gratuitamente entra nel tralcio della nostra esistenza, permettendoci, se vogliamo, di fare uva buona e non selvatica.

È l’accoglienza dell’amore che diventa un osservare i comandamenti rimanendo nell’amore del Figlio, come il Figlio, osservando i comandamenti del Padre, rimane nel Padre.

Amore gratuito del Padre accolto nel Figlio, diventa motivo di gioia. Nel rimanere in questo amore sta la nostra gioia. Una gioia messianica, una gioia non consumistica, una gioia che non passa attraverso la trasgressione, una gioia che è fedeltà.

Una gioia che è la gioia del Figlio. Una gioia che è la grazia di sentirci figli amati e quando uno si sente amato ha tutto.

Guardiamoci intorno: quante bellezze umane, naturali, fatte da mani di uomo ci circondano. Quando uno entra in un bosco può apprezzare la bellezza del bosco e godere l’aria refrigerante e contemplare i vari alberi. Ma uno può entrare in un bosco anche con un atteggiamento distratto, oppure con un atteggiamento economico che lo porta a pensare a quanto guadagnerebbe dal poterlo sfruttare e tagliare.

Dipende da noi gustare la gratuità della vita che ci circonda ogni giorno e che ci dà gioie gratuite e insperate e che ci permette di gustare queste bellezze gratuite, oppure perderci dietro le stesse cose ma con un occhio economico e distratto che non diventa accoglienza del fiume d’amore che parte da Dio, ma semplice desiderio di sfruttare ciò che Dio, umano o naturale, ci dona nella sua grandezza di amore infinito.

Se non ti tengo,
avvolgi le dita di luce,
fai il pugno,
tu resta.

Chandra Livia Candiani

Siamo fatti per la pienezza: nessun surrogato, per quanto gratificante, potrà soddisfare il desiderio profondo di vita.

Per questo occorre allenarci ad adattarci alle situazioni concrete, senza rinnegarci, perché non è possibile onorare veramente qualcuno se disonoriamo noi stessi.

Lanza

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

24 Maggio 2024 Marco 10, 1-12

Il matrimonio è un grande mistero, è il grande Mistero di Cristo e della Sua Chiesa che è l’unione che ha Dio con noi, è la metafora dell’unione tra uomo e Dio. È in questo schema sublime che è la più alta dignità dell’uomo che si inserisce la cosa più naturale che sta a cardine della società, sennò non ci sarebbe nessuno di noi. Ed è in quest’ottica che si inscrive anche il divorzio, per la durezza del nostro cuore…

S. Fausti

23 Maggio 2024 Marco 9, 41-50

A nessuno è chiesto di fare sforzi eroici: la forza dell’amore sta nella quotidiana semplicità delle piccole cose.

P. Lanza

È necessario salare la nostra vita se vogliamo che la nostra vita abbia un gusto e soprattutto non marcisca proprio mentre cerchiamo di viverla senza assaporarla.

Il sale della vita è essere in pace con tutti anche se dovesse costare un prezzo salato. Facendo questo tutto ritrova il suo gusto e il suo senso. Meglio essere monchi, zoppi, ciechi che insensati.

A. Savone

22 Maggio 2024 Marco 9, 38-40

La libertà dello Spirito deve essere costantemente un memoriale per ciascuno di noi a non rinchiuderci, a tenere sempre aperta la porta del dialogo, della simpatia, dell’umiltà. Quando ci si sente migliori allora in noi il cristianesimo ha fallito. Dobbiamo essere capaci di permettere a chi agisce secondo verità e giustizia di poterlo fare anche se non è “dei nostri”.

L. M. Epicoco

Share This