14 maggio 2022 Giovanni 15, 9-17

Giovanni Nicoli | 14 Maggio 2022

Giovanni 15, 9-17

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Desiderio di Dio Padre è che tutti noi possiamo rimanere nella gioia della Trinità: gioia piena. È una gioia, questa, che scaturisce da una vita piena, una vita piena dell’unico vero comandamento che il Signore ci ha lasciato nel vangelo e che supera e porta a compimento quelli della Legge mosaica, a noi così cari.  Il comandamento è questo: “che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici”.

Niente più. Tutto il resto è secondario, tutto il resto è strumento e non fine. Nell’amore noi siamo abitati dallo Spirito di Dio ed è grazie a questa inabitazione che noi diventiamo amorevoli.

Tutti possiamo amare, nessuno escluso. Tutti possiamo amare dell’amore di Dio, nessuno escluso. Tutti siamo amati da Dio amore, nessuno escluso.

Come è possibile donare la vita per i propri fratelli? Amando come il Padre nostro celeste che è misericordioso. Io dono la mia vita per mio fratello quando sono misericordioso. Quando non cedo più alla tentazione, perché di tentazione si tratta, di giudicare il prossimo.

Dice san Serafino di Sarov: “non dobbiamo giudicare, neanche se vediamo con i nostri occhi che qualcuno sta peccando e infrangendo un comandamento divino. Critica la cattiva azione, ma non chi l’ha commessa. Non spetta a noi giudicare, bensì al Giudice supremo”.

Così noi doniamo la vita per i nostri fratelli. Altro che entrare in confessionale per essere giudici; altro che avere un compito di conduzione della comunità per essere giudici; altro che mettere al centro delle nostre relazioni comunitarie e familiari il nostro giudizio.

Tutto sbagliato, anche se la concezione moderna ci spinge da tutt’altra parte. Comprendere le cose, infatti, è cosa buona che ci viene dalla cultura moderna. Usare la comprensione per giudicare e per escludere, questo è un modernismo ateo e pagano, disumano e distruttivo.

Il comando dell’amore è comando di misericordia; il comando di misericordia si realizza nel comando del perdono. Non c’è amore più grande di questo, dare la vita per i propri amici. Perdonare è molto più che dare la propria vita, è dare vita al prossimo e a noi, a tutti coloro che incontriamo. Allenarci a perdonare, fare crescere nel nostro cuore questa capacità, porta come frutto la pace del Risorto, quella pace che comunica pace intorno a noi, ovunque ci troviamo e ovunque andremo.

Tutti possiamo pentirci, tutti siamo chiamati a perdonare. La porta del pentimento è aperta a tutti e non si sa chi vi entrerà per primo: se tu che giudichi o chi viene giudicato da te! Giudica te stesso, rientra in te stesso, cogli ciò che ti porta ogni mattina lontano dall’amore di Dio e del prossimo, e smetterai di giudicare gli altri, perché non ne avrai più bisogno. Sì perché l’impellenza di giudicare il prossimo non è un valore, come vogliamo farci credere, ma un bisogno dei più subdoli perché travestito da carità e da correzione fraterna.

Amare il prossimo fino a donare la vita è non vendicarsi mai di alcuna offesa, qualunque essa sia. Siamo invece chiamati a perdonare di tutto cuore a chi ci ha offeso, anche se il nostro cuore vi si oppone. Infatti: “Se voi non perdonerete agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe”.

Così ricchi di misericordia sapremo che “chi semina scarsamente, scarsamente raccoglierà, e chi semina con larghezza, con larghezza raccoglierà” (2 Cor 9, 6). Raccoglieremo misericordia intorno a noi e raccoglieremo il dono della pace nel nostro cuore. Raccoglieremo una mente unita e non dispersa. Raccoglieremo la libertà dall’impulso ossessivo dove continuamente rimuginiamo le nostre ragioni, i nostri torti, i nostri meriti verso e contro gli altri.

                O mio Dio e mio Re,

            fa’ che io veda i miei peccati

            e che non giudichi il mio prossimo

            perché Tu sei benedetto nei secoli dei secoli. Amen!”.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

21 Febbraio 2024 Luca 11, 29-32

Chi ha bisogno di segni per credere ha gli occhi chiusi su se stesso e sul mistero contenuto nella propria interiorità.

E. Avveduto

Non occorrono altri segni al di là di quelli che la vita ci mette sul cammino. Occorre piuttosto la capacità di leggere la vita a partire dal segno permanente che per noi resta Gesù Cristo, il suo mistero di morte e di risurrezione.

A. Savone

20 Febbraio 2024 Matteo 6, 7-15

Il cuore della preghiera, di ogni preghiera, di ogni legame d’amore è il perdono, perdono da ricevere da Dio nell’istante preciso in cui anche noi lo offriamo ai nostri fratelli. La vera preghiera d’amore è questa, il resto rischia di essere un’inutile, irrispettosa, melmosa ripetizione di parole che non cambia la vita e non scalda il cuore.P. Spoladore

La preghiera attraversa il corpo. È il respiro, il grido, l’interrogativo, la supplica, il gesto senza parole, il tempo del dilemma, il ritardo, l’imprevisto, le mani piene, le mani vuote.
J. Tolentino Mendonça

19 Febbraio 2024 Matteo 25, 31-46 Copia

Cristo ringrazia coloro che non sapevano chi sfamavano…

espressioni come: amare il prossimo in Dio, per amore di Dio, sono ingannevoli ed equivoche.

All’uomo, tutto il suo potere di attenzione è appena sufficiente per essere capace semplicemente

di guardare quel mucchio di carne inerte e nuda al bordo della strada.

Non è quello il momento di rivolgere il pensiero a Dio.

Ci sono momenti in cui bisogna pensare a Dio dimenticando tutte le creature senza eccezione,

come ce ne sono altri in cui guardando le creature non bisogna pensare esplicitamente al creatore.

Simone Weil

Share This