9 Novembre 2023 Giovanni 2, 13-22

Giovanni Nicoli | 9 Novembre 2023
Giovanni 2, 13-22

Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme.

Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete.
Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!».

I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà».
Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere».

Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo.

Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.

Gesù sale a Gerusalemme dove, nel tempio, trova di tutto. Gesù è il demolitore del tempio antico perché è venuto a portare a compimento la Legge e i Profeti. Gesù sale per la prima volta a Gerusalemme per la festa della Pasqua dei Giudei, festa che diventerà la sua Pasqua, Pasqua di risurrezione.

Il tempio è il corpo del Signore, il tempio è il corpo di ognuno di noi, il tempio è la comunità cristiana. Gesù salendo a Gerusalemme dove doveva essere riprovato dagli anziani e dagli scribi, soffrire ed essere messo a morte, inizia la sua missione. Dopo il miracolo delle nozze di Cana, entra nel tempio antico, figura di quello nuovo.

Nel tempio Gesù trovò buoi, pecore, colombe… Gesù è il nuovo tempio, puro, che è la casa del Padre incarnata in mezzo a noi. Gesù è l’uomo forte che vince l’uomo armato che fa la guardia alla sua casa e ne distribuisce le ricchezze. Gesù è colui che scaccia i demoni, perché la casa possa essere riordinata. Gesù è colui che adora il Padre né sul monte Garizim e neppure nel tempio di Gerusalemme, perché i veri adoratori adorano il Padre in spirito e verità.

Gesù sfida le consuetudini dei giudei, consuetudini ormai assodate. Noi sappiamo che quando una consuetudine diventa abitudine e tradizione, la tentazione è quella di non pensare più a quello che facciamo; di non riflettere più sul fatto che quello che facciamo abbia senso e quale senso abbia oppure no. Gesù lancia la sfida: come al suo solito provoca per spingere noi a riflettere se crediamo ancora in quello che facciamo, se ha ancora senso tutto quello che facciamo per abitudine e per tradizione. Faccio così perché tutti fanno così; faccio così perché non si può fare a meno di fare così; faccio così perché me l’hanno insegnato; faccio così perché ne ho bisogno.

Fare della casa del Padre un luogo di preghiera anziché un luogo di mercato, dove tutti cercano di soddisfare i propri bisogni: il bisogno di fare un sacrificio per propiziarsi Dio; il bisogno di mercanteggiare per mantenersi; il bisogno di prendere soldi per il tempio; il bisogno di purificarsi. Fare della casa del Padre un luogo di preghiera significa passare dal bisogno al desiderio, all’amore. Finché noi ci avviciniamo agli altri e a Dio per bisogno, non siamo ancora nell’ambito dell’amore e dello spirito. Finché un bambino succhia il latte della madre ed ha bisogno di lei, non riesce ancora a distinguersi dalla madre, non riesce a vivere in modo libero il suo rapporto con la madre. Solo quando non avrà più bisogno della madre potrà scegliere di amare la madre e di desiderare di rapportarsi con lei.

Così è per il nostro rapporto con Dio: se non usciamo dall’ambito del bisogno, non riusciamo ad entrare nell’ambito del desiderio e dello spirituale. Il nostro desiderio rimane frenato dalla presenza di tante cose che servono solo a mercanteggiare, non a vivere. Il nostro cuore è affollato da pecore e buoi, da cambiavalute: tutte cose belle che affollando il recinto del tempio, non ci permettono di entrare nel tempio e di rapportarci con il Padre. Se non ci permettiamo di ritrovare noi stessi, non potremo neppure incontrare Dio.

Il centro di tutto questo è il Signore risorto, che è il nucleo del culto in spirito e verità. È il tempio spirituale da dove zampilla la sorgente d’acqua viva; è a lui che dobbiamo dire: dammi da bere. Smettere di scavare cisterne screpolate che non possono più tenere l’acqua, per rivolgerci alla sorgente di acqua viva che zampilla in eterno. Sorgente che scaturisce dal costato trafitto del Crocifisso.

Il vero tempio, oggi è la festa della dedicazione della Basilica Lateranense madre di tutte le chiese, è il corpo di Cristo risorto, il vero tempio è il nostro corpo, luogo della presenza divina, è il corpo della comunità cristiana: perché laddove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro.

Siamo chiamati quest’oggi a credere che il vero tempio è il corpo del Cristo risorto e che il nostro corpo è chiamato a risorgere come tempio dove pregare in spirito e verità. Noi tante volte sottovalutiamo il nostro corpo, parte integrante della nostra persona: è il luogo dove e con il quale noi ci incontriamo col corpo del Risorto. Noi tante volte sottovalutiamo l’importanza della comunità: è il luogo dove Cristo si manifesta e ci ricorda che siamo Chiesa, non tante isole, tanti individui.

Non è un tempio di pietra a renderci cristiani ma Cristo stesso, che è più grande di ogni tempio di pietra.

M. Epicoco

 

Il tempio del corpo, tempio di Dio siamo noi, è la carne dell’uomo. Tutto il resto è decorativo. Tempio santo di Dio è il povero, davanti al quale «dovremmo toglierci i calzari» come Mosè davanti al roveto ardente «perché è terra santa», dimora di Dio.

Ronchi

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

24 Maggio 2024 Marco 10, 1-12

Il matrimonio è un grande mistero, è il grande Mistero di Cristo e della Sua Chiesa che è l’unione che ha Dio con noi, è la metafora dell’unione tra uomo e Dio. È in questo schema sublime che è la più alta dignità dell’uomo che si inserisce la cosa più naturale che sta a cardine della società, sennò non ci sarebbe nessuno di noi. Ed è in quest’ottica che si inscrive anche il divorzio, per la durezza del nostro cuore…

S. Fausti

23 Maggio 2024 Marco 9, 41-50

A nessuno è chiesto di fare sforzi eroici: la forza dell’amore sta nella quotidiana semplicità delle piccole cose.

P. Lanza

È necessario salare la nostra vita se vogliamo che la nostra vita abbia un gusto e soprattutto non marcisca proprio mentre cerchiamo di viverla senza assaporarla.

Il sale della vita è essere in pace con tutti anche se dovesse costare un prezzo salato. Facendo questo tutto ritrova il suo gusto e il suo senso. Meglio essere monchi, zoppi, ciechi che insensati.

A. Savone

22 Maggio 2024 Marco 9, 38-40

La libertà dello Spirito deve essere costantemente un memoriale per ciascuno di noi a non rinchiuderci, a tenere sempre aperta la porta del dialogo, della simpatia, dell’umiltà. Quando ci si sente migliori allora in noi il cristianesimo ha fallito. Dobbiamo essere capaci di permettere a chi agisce secondo verità e giustizia di poterlo fare anche se non è “dei nostri”.

L. M. Epicoco

Share This