5 Aprile 2024 Giovanni 21, 1-14

Giovanni Nicoli | 5 Aprile 2024

Giovanni 21, 1-14

In quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberiade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Didimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedeo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.

Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri.

Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si spezzò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

Dopo la morte e la risurrezione di Gesù i discepoli si trovano insieme e non hanno nulla di meglio da fare che tornare al loro vecchio lavoro. Anche se la cronologia non procede nello stesso modo nei vangeli che nella realtà, ritroviamo i discepoli che hanno già ricevuto lo Spirito santo dal Signore quando era apparso loro dove erano rinchiusi per paura dei Giudei. Hanno già ricevuto lo Spirito ma non sanno fare altro che pescare. Sembra che non siano capaci di fare neppure quello. Sono nati pescatori, sono stati trasformati e ricreati da Cristo come pescatori di uomini, ritornano al loro vecchio lavoro che gli dà sicurezza e non pescano nulla.

“Io sono la vite e voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla”. Ormai i discepoli hanno senso e danno senso alla loro vita se uniti a Cristo. Forse il ricordo della loro bravura passata è ciò che li fa sperare di poter tornare indietro, ma non è così perché chi mette mano all’aratro e poi si volge indietro non è degno del regno di Dio. Non si sono ancora resi conto che sono stati fatti creature nuove, con una vocazione nuova: quella di essere pescatori di uomini. Staccarsi da Cristo, come si stacca il tralcio dalla vite, significa non potere fare più nulla. Significa fare a meno di Colui senza il quale la nostra vita non ha più senso.

Nella vita di ognuno di noi esistono degli scatti di maturazione, sia a livello di fede come a livello psicologico, che ci rendono diversi, non siamo più uguali a prima. Possono essere momenti in cui ci sentiamo persi oppure dei momenti di entusiasmo. Comunque sia, la cosa più importante è che noi ci rendiamo conto che non siamo più quelli di prima: rimangono in noi tutte le capacità e le doti di prima, ma non siamo più capaci di usarle come le usavamo prima: non siamo più pescatori di pesci ma di uomini. Tutto quello che siamo e abbiamo, prende un altro orientamento che ci è dato dall’essere innestati in Cristo, dall’avere scoperto qualcosa che prima non avevamo presente. Questo nasce anche perché nella vita un genitore non è sempre lo stesso genitore, i figli crescono e lui perde sempre più valore ai loro occhi, sotto l’aspetto di bisogno, e magari ne acquista sotto l’aspetto di amore. Così anche per chi fa un lavoro: cresce, cambia, diventa esperto: Così a livello di fede: quello che prima ci sembrava chiaro diventa oscuro e quello che era oscuro diventa chiaro.

La cosa più importante è che noi riconosciamo questi cambiamenti e cerchiamo di vivere in modo diverso quello che ci è dato di vivere.

Anche a noi, come ai discepoli, può succedere di dimenticare quello che il Signore ha fatto in noi col suo Spirito: non spaventiamoci e non scandalizziamoci perché la nostra vita è fatta di alti e bassi, di momenti chiari e momenti scuri, di slanci di entusiasmo e di momenti di bassa. È essenziale che ritorniamo a riconoscere colui senza il quale noi siamo tralci staccati dalla vite che non possiamo fare nulla, ascoltiamo lui che ci invita a gettare la rete dalla parte destra della barca, e gettiamo di nuovo la rete: facciamo quello che abbiamo fatto fino ad un attimo prima senza di lui e quindi senza risultati, facciamo quello che sembrava che noi fossimo capacissimi di fare: facciamo tutto ciò con fiducia rinnovata e tireremo su una gran quantità di pesci.

Faremo con gratuità! I discepoli dopo la pesca, avendo visto il Signore, sembrano istupiditi, non si ricordano più della pesca che avevano compiuto, pesca per la quale avevano faticato tutta la notte. Hanno trovato qualcuno di più importante che ha fatto passare in secondo piano lo scopo per cui avevano vissuto una notte di fatiche.

Anche per noi potrà succedere così se metteremo al primo posto non tanto quello che facciamo e quello che riusciamo a realizzare, ma l’unione col Cristo vite. Sarà un fare la stessa cosa con gratuità, sapendo che quello che abbiamo fatto non ci appartiene. È bene donato e come tale non chiede né riconoscimento né un ritorno. Anzi proprio in quei momenti diventa ancora più “bene” e dono e gratuità.

La comunità riprende vita ricordando ciò che ha vissuto, un’avventura di amore, ricordando la propria vocazione, che è quella di perseverare nell’amore. Ecco attorno a cosa si ricompone la comunità: l’obbedienza alla parola, la condivisione del lavoro e del pasto, la memoria dell’amore e la riconferma dell’impegno di amare.

Manicardi

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

24 Maggio 2024 Marco 10, 1-12

Il matrimonio è un grande mistero, è il grande Mistero di Cristo e della Sua Chiesa che è l’unione che ha Dio con noi, è la metafora dell’unione tra uomo e Dio. È in questo schema sublime che è la più alta dignità dell’uomo che si inserisce la cosa più naturale che sta a cardine della società, sennò non ci sarebbe nessuno di noi. Ed è in quest’ottica che si inscrive anche il divorzio, per la durezza del nostro cuore…

S. Fausti

23 Maggio 2024 Marco 9, 41-50

A nessuno è chiesto di fare sforzi eroici: la forza dell’amore sta nella quotidiana semplicità delle piccole cose.

P. Lanza

È necessario salare la nostra vita se vogliamo che la nostra vita abbia un gusto e soprattutto non marcisca proprio mentre cerchiamo di viverla senza assaporarla.

Il sale della vita è essere in pace con tutti anche se dovesse costare un prezzo salato. Facendo questo tutto ritrova il suo gusto e il suo senso. Meglio essere monchi, zoppi, ciechi che insensati.

A. Savone

22 Maggio 2024 Marco 9, 38-40

La libertà dello Spirito deve essere costantemente un memoriale per ciascuno di noi a non rinchiuderci, a tenere sempre aperta la porta del dialogo, della simpatia, dell’umiltà. Quando ci si sente migliori allora in noi il cristianesimo ha fallito. Dobbiamo essere capaci di permettere a chi agisce secondo verità e giustizia di poterlo fare anche se non è “dei nostri”.

L. M. Epicoco

Share This