21 Marzo 2024 Giovanni 8, 51-59

Giovanni Nicoli | 21 Marzo 2024

Giovanni 8, 51-59

In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «In verità, in verità io vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno». Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: “Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno”. Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?».

Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: ”È nostro Dio!”, e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia».

Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».

Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.

Finalmente siamo giunti alla conclusione del capito 8 del vangelo di Giovanni. Questo capitolo si è aperto con una lapidazione andata a male e termina con una altra lapidazione che non riesce ad essere portata a termine.

La prima lapidazione era rivolta contro una donna, vista non tanto come donna quanto come peccatrice.  La lapidazione odierna è rivolta contro Gesù visto come bestemmiatore.

In mezzo c’è sempre Gesù che predica, testimonia e vive il suo rapporto privilegiato di Figlio nei confronti del Padre. Un rapporto centrato sulla misericordia e dunque sulla disponibilità a donare la propria vita per la salvezza del prossimo. Lo stesso rapporto Gesù lo vive nei confronti di tutti noi. Ci aiuta infatti ad evidenziare il nostro peccato, a non nascondere i nostri rifiuti dell’amore di Dio. Soprattutto il rifiuto di quell’amore misericordioso di Dio, quando questo amore è rivolto ai fratelli, al prossimo.

Gesù annuncia il Padre misericordioso, Gesù si fa Figlio misericordioso. Già il farsi Figlio di misericordia che mette in fuga i lapidatori della donna adultera, era una cosa che era andata su per il naso ai suoi contemporanei adulteri e omicidi. Ma quando Gesù si fa Dio affermando che “Io Sono”, supera ogni limite.

Ed ecco che gli viene presentato il conto del suo essere misericordioso. Vengono raccolte le pietre che i lapidatori avevano lasciato cadere davanti a lui e alla donna, per poterle scagliare contro di Lui. Lui si sottrae alla lapidazione perché non è ancora la sua ora: non sono gli altri a decidere della sua morte. L’ora della sua morte verrà quando sarà pronto il donatore Gesù, quando Lui donerà la sua vita per noi, né prima né dopo.

Volevano lapidare Gesù perché erano peccatori, perché non volevano accogliere il dono di amore di Dio, perché erano seguaci del Dio giustiziere. Per questo afferma che loro non conoscevano Dio, conoscevano solo una proiezione delle proprie rabbie e del proprio modo di gestire la giustizia umana, senz’altro non conoscevano il Dio della misericordia, lento all’ira e grande dell’amore, il Dio che salva e che vuole la vita per i suoi figli, tutti i suoi figli, nessuno escluso.

Una domanda potremmo ancora porci: ma fino a che punto è possibile non essere menzogneri e dire la verità?

È possibile dire tutta la verità, sapendo che il potere dire tutta la verità ci fa liberi dentro, sapendo allo stesso tempo che non sempre l’altro sia disposto ad accettare la verità?

Eppure la verità ci farà liberi: non possiamo essere menzogneri, ma fino a che punto? Dire la verità a uno di potere, magari sapendo che poi lui te la farà pagare e soprattutto la farà pagare ai malati e agli oppressi dà un potere fine a se stesso?

Fino a che punto? Eppure siamo chiamati a non essere menzogneri.

La Parola non è prima di tutto un comando, una direzione, un cosa fare, ma una promessa che vince anche le nostre morti.

Vitali

 

Il cristianesimo è Gesù stesso, perché Egli è Dio.

Davanti a questa verità non esiste neutralità,

o si crede in Lui o si è contro di Lui.

 

M. Epicoco

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

16 Giugno 2024 Marco 4, 26-34

Esseri umani, piante o polvere cosmica: tutti danziamo su una melodia misteriosa intonata nello spazio da un musicista invisibile.

Albert Einstein

Non accelerare, non forzare la primavera, non snaturare la vita: rischi di perderne il colore ed il sapore, il colore dei fiori sbocciati, il sapore del grano maturo. Se solo saprai guardare, quel granello di senape, preso anche come misura della tua fede, diventerà albero rigoglioso e forte, riparo e ombra, luogo dal quale si potranno sentire gli uccelli cantare, le cose cantare, cantare la vita.

L. Verdi

15 Giugno 2024 Matteo 5, 33-37

Nell’epoca della post-verità nella quale viviamo, le parole sono fluide, scivolose, spesso lanciate invece che offerte, e non ci trasmettono la verità, ma pensieri confusi, smarriti, ambigui, forse perché nascono dalla paura di entrare dentro di noi e nel silenzio trovarne il succo.

L. Vitali

Dire la verità significa essere verità. Essere verità è essere quello che siamo e non quello che dovremmo essere. Dire la verità ci espone agli altri, per questo è importante che noi siamo innanzitutto verità e che noi ci esponiamo agli altri per quello che siamo e non per quello che non siamo.

PG

14 Giugno 2024 Matteo 5, 27-32

Non riconoscere il limite che permette all’altro di essere altro significa fare spazio a quell’animalità interiore che tutto brama e di tutto desidera impossessarsi.

Luciano Locatelli

L’altro non va oggettivizzato, ma va guardato, scoperto ogni istante nella sua novità, va incontrato attraverso un occhio ancora più sottile rispetto a quello fisico, va guardato col cuore, attraverso un punto da cui è impossibile cosificare sé stessi e il mondo, un punto di non dualità, l’Uno.

E. Avveduto

Share This