8 dicembre 2021 Luca 1, 26-38

Giovanni Nicoli | 8 Dicembre 2021

Luca 1, 26-38

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.

Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».

Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola».
E l’angelo si allontanò da lei.

“Rallegrati, piena di grazia, il Signore è con te”. Nel nostro cammino verso il Natale ci imbattiamo nella festa dell’Immacolata Concezione. È una festa, è una grande festa perché è la celebrazione della nostra elezione, dell’elezione di tutti noi in Gesù e nell’elezione di Maria.

In Gesù, infatti Dio “ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi ed immacolati di fronte a lui nella carità, predestinandoci ad essere figli” (Ef 1,4-5).

Questo è quanto è avvenuto in pienezza in Maria, questo è quanto è avvenuto per ognuno di noi.  È una festa, è la festa di Dio che ci predilige.

Siamo immacolati, Maria è Immacolata, non per qualche sorta di scelta morale o di bravura morale o perché non ha commesso alcun peccato o perché è rimasta sessualmente vergine. No siamo immacolati per grazia, per dono di Dio che ci ha pensati, nel suo amore, fin dall’eternità come suoi figli amatissimi. Non per merito, ripeto, ma per dono.

Come un figlio non diventa tale per merito ma per dono, anche se non sempre, a volte è solo per errore, così è per noi nei confronti di Dio: siamo figli per dono, e immacolati per amore.

Il male, il peccato esiste e noi lo sperimentiamo continuamente. Ma continuamente possiamo sperimentare la gioia del dono della grazia di Dio, il dono del suo amore.

Noi non ci crediamo, noi rimaniamo basiti di fronte a tanta grandezza.  Noi non ci crediamo, ma siamo eredi di Gesù, figli dello stesso Padre.

Ripeto: non è grazie alla nostra bravura che siamo tali, ma per grazia, per una carezza di Dio che ci ha pensati da sempre. Così come Maria è un pensiero di Dio. Immacolata perché sogno di Dio che l’ha pensata, come pensa ognuno di noi.

A Maria viene annunciato dall’angelo che il Signore è con lei. Lei rimane turbata a queste parole: cosa mi sta poi dicendo questo qua. Ma cosa c’entro io. Ma è sicuro di non avere sbagliato casa e persona? Cosa vuoi che possa fare io della mia vita. Ma cosa vengono a chiedere a me, cosa chiede a me Dio?

E l’angelo: non temere, hai trovato grazia presso Dio. Non gli dice guarda che siccome sei stata brava fino adesso, sei stata scelta perché degna. No! Non temere perché hai trovato grazia. E questo non temere è per ogni figlio pensato da Dio da sempre. Non temere, sei figlio per dono non per merito.

Ma come è possibile che io possa generare Dio? Come è possibile che io riesca a fare qualcosa di buono nella mia vita? Sono un poveraccio, ne ho combinate di ogni, e tu mi vieni a dire che io … sarò la madre del Signore? Come è possibile questo? Sei sicuro di essere andato dalla persona giusta? Non posso concepire: non ho amato alcun uomo.

Il dono si fa totale: il soffio di Dio, lo Spirito santo, viene soffiato in te e l’Altissimo ti copre con la sua ombra: nulla è impossibile a Dio.

Eccomi! Se queste sono le condizioni, ci sto. Se veramente la grazia di Dio è su di me forse ce la faccio. Se l’amore di Dio è il motore del mio quotidiano, allora io ci sono. Non per merito mio, ma perché pensata immacolata fin dalle origini del tempo. Non per merito mio, ma per dono, perché pensato immacolato e figlio fin dalla fondazione del mondo.

Eccomi: avvenga per me secondo la tua parola. La gioia e la festa scoppiano nel cuore e nella vita. Per grazia ogni giorno siamo riportati alla bellezza delle origini, quando ancora non eravamo intaccati dal male e dal peccato. Ogni mattina per dono siamo invitati a rifarci belli come siamo stati da sempre. Ogni mattina, ogni giorno l’invito è lo stesso: Rallegrati, perché l’amore di Dio è con te.

A noi rispondere al di là di ogni timore e di ogni degnità: Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quanto hai detto. Oggi!

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

2 Marzo 2024 Luca 15, 1-3.11-32

«Accettare il perdono di Dio è una delle più grandi sfide della vita spirituale. C’è qualcosa in noi che si ag­grappa ai nostri peccati e non lascia che Dio cancelli il nostro passato e ci offra un inizio completamente nuovo».

H. Nouwen

“Dio non guarda a cio’ che siamo stati, guarda a cio’ che siamo”.

Jean-Joseph Lataste

1 Marzo 2024 Matteo 21, 33-46

Siate custodi dei doni di Dio. Quando non ci prendiamo cura del creato e dei nostri fratelli, allora, trova spazio la distruzione, e il cuore inaridisce.

Papa Francesco

Il vero potere è quello del Dio crocifisso:

un potere che vuole l’alterità dell’altro fino a lasciarsi uccidere per offrirgli la risurrezione.

Perciò il potere assoluto s’identifica con l’assoluto del dono di sé, con il sacrificio che comunica la vita agli uomini e fonda la loro libertà.

Olivier Clément

29 Febbraio 2024 Luca 16, 19-31

Finché una civiltà è costruita in modo tale che ogni cinque secondi un essere umano muore di fame, quella civiltà ha un cuore sbagliato, ha politiche sbagliate, scuole sbagliate, religioni sbagliate, culture sbagliate perché sono in modo evidente e indiscutibile contro l’uomo stesso. La nostra non è una civiltà ma un inferno, un massacro alla luce del sole e tutti, tutti noi, dovremo renderne conto amaramente.
P. Spoladore

Share This