26 gennaio 2023 Luca 10, 1-9

Giovanni Nicoli | 26 Gennaio 2023

Luca 10, 1-9

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.

Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.

Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

Il vangelo di oggi è una provocazione per ogni cristiano: significa che tutto il mondo è messe, perché tutto il mondo sta camminando verso la casa del Padre.

Il primo atteggiamento utile per questa missione è quella dell’invio: Gesù designa e invia. Accanto a questo atteggiamento c’è la preghiera al Padre perché lui, il grande mandante del Cristo sulla terra, mandi ogni uomo ad annunciare la buona novella.

Pregare significa chiedere al Padre che mandi operai nella sua messe. Chiedere questo significa che lui riempia del suo Spirito missionario ogni cristiano. Riempire ogni cristiano del suo Spirito significa che ognuno di noi può e deve accogliere la chiamata.

Accogliere questa chiamata ad essere mandati significa essere coscienti e convinti che ogni posto del nostro vivere è luogo di messe, è luogo di mietitura, è luogo di missione.

In ogni luogo di vita siamo chiamati alla missione. Siamo chiamati ad andare come Gesù: Lui l’Agnello di Dio immolato per la nostra salvezza, chiede a noi la stessa cosa: di essere agnelli in mezzo ai lupi: perdenti per il mondo.

Agnelli senza niente: senza alcuna sicurezza né economica, né sociale. Come dei poveri Cristi, poveri perché l’immagine di Cristo che noi riusciamo a trasmettere è povera e poca cosa; Cristi perché Cristo in questa immagine povera viene esaltato nell’amore.

Il fine di questa missione non è il successo ma: la gioia di entrare nella comunione del Figlio col Padre.

Ma in queste situazioni di vita, che cosa dobbiamo fare?

Dite: siamo chiamati a parlare, a parlare di Cristo ma soprattutto a parlare come Cristo. Scrutare i sentimenti di Gesù nella scrittura per potere essere e dire come Lui è stato e ha detto. Dire l’annuncio della Buona Novella.

Dimorate: siamo chiamati a dimorare presso il fratello uomo di pace. Nel dimorare siamo chiamati ad entrare nel cuore dell’altro poco alla volta; siamo chiamati a conquistarlo per farci aprire la porta perché nella povertà del nostro entrare possa essere raggiunto dal Cristo. Dimorare chiede amicizia e intimità. Quante persone nella nostra giornata manifestano questo desiderio che qualcuno possa dimorare presso di lui, o possa andare a trovarle, o possa rivolgergli una parola di pace. Purtroppo la paura dell’altro il più delle volte crea barriere e l’altro, che vorrebbe compagnia, diventa scontroso e sospettoso e si barrica nelle sue chiusure più o meno sicure. Dimorare significa anche rompere con delicatezza e affetto queste barriere che noi, per paura, il più delle volte ci creiamo.

Mangiate: noi difficilmente mangiamo con gli sconosciuti, e se questo avviene c’è un motivo. Mangiare insieme è un segno di amicizia e di ospitalità Purtroppo in tante occasioni anche questo momento diventa lavoro, un pranzo di lavoro; oppure diventa una cosa da sbrigare in fretta, non un segno di familiarità e di amicizia.

Mangiare con il fratello fa parte dell’annuncio. Essere come Cristo: le cose più serie Cristo le ha fatte a tavola: l’eucaristia, il perdono, l’annuncio, la conversione.

Prendetevi cura: prendersi cura dell’altro perché bisognoso, malato, abbandonato, bastonato, incapace di camminare, bloccato nella vita: fa parte della missione. Il Samaritano con il suo gesto ha testimoniato e annunciato l’amore di Dio per l’umanità. Non è una perdita di tempo. Non è vero che abbiamo cosa più importanti da fare. Non è vero che non abbiamo tempo. Dobbiamo scegliere ciò che è più importante.

La nostra missione è la stessa di Gesù: come agnelli in mezzo ai lupi: col dire, col dimorare, col mangiare, col prendersi cura siamo chiamati ad annunciare la buona notizia e a portare la pace in questo mondo, in ogni angolo di questo mondo, che sembra non ascolti altro che voci di guerra e desiderio di vendette.

Chiediamo a Dio, attraverso Luca, di poterci sentire ancora una volta degli inviati e preghiamo perché il Signore ci renda fedeli a questa chiamata, senza smanie di successi se non quello che: i nostri nomi sono scritti nel cielo.

Dopo questi fatti: i fatti sono il richiamo di Gesù, fatto nel brano precedente, alla libertà dalle ricchezze e dalle sicurezze per la sequela; al fatto che il regno viene prima di ogni dovere; che il passaggio al Regno non chiede che ci si volti indietro.

L’agnello in mezzo al lupo non è immagine di remissività, di passività, di inconsistenza, è invece proposta di alterità, di diversità, di unicità non opposizione alla massa, non come un contro violento ed arrogante, ma presenza ferma e autentica di chi dentro porta con la sua sola presenza una Parola nuova, una possibilità altra che altri non hanno considerato possibile nella realtà.

Sr. Myriam

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

21 Febbraio 2024 Luca 11, 29-32

Chi ha bisogno di segni per credere ha gli occhi chiusi su se stesso e sul mistero contenuto nella propria interiorità.

E. Avveduto

Non occorrono altri segni al di là di quelli che la vita ci mette sul cammino. Occorre piuttosto la capacità di leggere la vita a partire dal segno permanente che per noi resta Gesù Cristo, il suo mistero di morte e di risurrezione.

A. Savone

20 Febbraio 2024 Matteo 6, 7-15

Il cuore della preghiera, di ogni preghiera, di ogni legame d’amore è il perdono, perdono da ricevere da Dio nell’istante preciso in cui anche noi lo offriamo ai nostri fratelli. La vera preghiera d’amore è questa, il resto rischia di essere un’inutile, irrispettosa, melmosa ripetizione di parole che non cambia la vita e non scalda il cuore.P. Spoladore

La preghiera attraversa il corpo. È il respiro, il grido, l’interrogativo, la supplica, il gesto senza parole, il tempo del dilemma, il ritardo, l’imprevisto, le mani piene, le mani vuote.
J. Tolentino Mendonça

19 Febbraio 2024 Matteo 25, 31-46 Copia

Cristo ringrazia coloro che non sapevano chi sfamavano…

espressioni come: amare il prossimo in Dio, per amore di Dio, sono ingannevoli ed equivoche.

All’uomo, tutto il suo potere di attenzione è appena sufficiente per essere capace semplicemente

di guardare quel mucchio di carne inerte e nuda al bordo della strada.

Non è quello il momento di rivolgere il pensiero a Dio.

Ci sono momenti in cui bisogna pensare a Dio dimenticando tutte le creature senza eccezione,

come ce ne sono altri in cui guardando le creature non bisogna pensare esplicitamente al creatore.

Simone Weil

Share This