26 Ottobre 2023 Luca 12, 49-53

Giovanni Nicoli | 26 Ottobre 2023
Luca 12, 49-53

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!

Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

Noi ci ritroviamo divisi fra il desiderio di bene e il bisogno di male, tra il bene che vorremmo fare e il male che vorremmo evitare.

Il nostro mondo ha già in sé tante divisioni: che bisogno c’era che Gesù ne venisse a portare altre. Siamo divisi dentro e siamo divisi fuori. Il mondo è diviso tra nazioni. Si vanno a cercare alleanze per confermare, se siamo in tanti, che io ho ragione e tu torto, che io sono il buono e tu il cattivo, che io devo fare la guerra facendo morti su morti e creando sofferenze perché il buono non può stare a guardare, mentre tu sei il cattivo perché crei altrettanti morti e altrettante sofferenze gratuite.

Gesù è venuto ad annullare questi tipi falsi di divisioni ed è venuto a portare quella vera: la divisione tra i sedicenti giusti, atei o religiosi, americani o mussulmani e i poveri peccatori; tra coloro che non hanno bisogno di salvezza e non si convertono e coloro che sanno di non farcela e si convertono al dono di Dio. Divisione tra il nostro cuore farisaico e Calvinista che cerca di dimostrare che Dio è dalla sua parte e lo benedice perché ha molto e sfrutta l’altro pur di avere molto e il desiderio di conversione e di relazione vera con noi stessi senza maschere e costruzioni false, che hanno le fondamenta sulla sabbia.

Gesù è venuto a portare la divisione tra il desiderio di sincerità (che scelta) e il bisogno di menzogna (che è d’obbligo); tra il desiderio di misericordia e il bisogno di vendetta; tra il desiderio di autenticità e il bisogno di apparire; tra il desiderio di gratuità e il bisogno di riconoscimenti.

Il desiderio è cosciente e ricercato e voluto e amato; il bisogno è ossessivo, puzza di morte, chiede una risposta non libera, lo devo fare perché altrimenti non sono come gli altri, sono da meno. Il desiderio porta pace, il bisogno porta guerra; il desiderio è perdono, il bisogno è mafia; il desiderio crea la vera divisione in noi e con gli altri, divisione basata sul lievito del regno; il bisogno crea divisione in noi e con gli altri, divisione basata sul lievito dei farisei.

Gesù è venuto a portare un fuoco sulla terra, questo fuoco che vuole accendere è il fuoco dello Spirito che effonderà su di noi dalla Croce, Battesimo che lui deve ricevere. Questo fuoco ci può purificare e rinnovare, se lo chiediamo e accogliamo, dalle nostre divisioni interne od esterne che siano, per mettere dentro di noi una unità che crea la divisone vera: tra il nostro desiderio di essere amati da Dio e il nostro bisogno di farci amare dalle cose e dagli altri; tra il nostro bisogno di autenticità e il nostro bisogno di applausi.

Noi siamo chiamati a domandare il Fuoco dello Spirito perché entrando in noi ci possa aiutare a scoprire le false divisioni che sono in noi, e scoperte queste false divisioni cominci a fare luce perché noi possiamo fare discernimento, possiamo essere, cioè essere divisi su ciò che vale: l’amore di Dio o l’amore proprio. Fare questo significa accettare anche in noi, come lo è stato per Cristo, che si compia il Battesimo da ricevere, il Battesimo della croce. Dove i nostri bisogni vengano crocifissi e i nostri desideri resi veri, purificati.

Non più divisioni per delle stupidate in casa nostra, ma divisioni vere che provochino noi e che sono con noi a stare dalla parte del Cristo. Perché finisca la stupida guerra del Dio è con noi che siamo i buoni e cominci la vera guerra del noi siamo con Dio. Non è Dio che deve darci ragione, ma siamo noi a dover dare ragione a lui.

La sua ragione è giustizia: pace vera, quella dei cuori, non quella dei trattati o dei nemici; sincerità, non apparenza; limpidezza, non ipocrisia; umiltà, non vanità; bellezza, non mascheroni di bellezza; gioia, non sabato sera. Così saremo discepoli pronti con i fianchi cinti e con le lampade accese.

Un’ultima provocazione: il brano di oggi è caratterizzato dall’urgenza: Gesù deve attraversare le acque e il fuoco per compiere l’amore del Padre; il discepolo a sua volta deve decidersi per lui, non rimandando la decisione ma vivendo l’oggi di Dio, il tempo presente come il momento per la conversione dal lievito dei farisei al lievito del regno.

C’è una passione da attraversare per entrare nella vita vera.

Mauri

Siamo discepoli di un Vangelo che brucia, brucia dentro, ci infiamma qualche volta almeno, oppure abbiamo una fede che rischia di essere solo un tranquillante, una fede sonnifero? Il Vangelo non è un bavaglio, ma un megafono. Ti fa voce di chi non ha voce, sei il giusto che lotta in mezzo alle ingiustizie, mai passivo e arreso, mai senza fuoco.

Ermes Ronchi

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

18 Maggio 2024 Giovanni 21, 20-25

Il Vangelo è un libro già scritto e attende un lettore che lo sappia leggere, perché già tutto è stato creato nel Figlio, per il Figlio, in vista del Figlio e tutto già è salvato nel Figlio. E l’amore del Padre per il mondo è già pienamente realizzato nell’amore del Figlio per tutto l’universo e per tutte le creature. Allora attende qualcuno che sappia vederlo questo e che, vedendolo, lo viva, perché quando uno lo vede ne è capito, non lo capisce, non lo prende, ma è preso da questo e vive di questo.

S. Fausti

17 Maggio 2024 Giovanni 21, 15-19

Guidami a ciò che sarà,

attraverso ciò che è.

Dammi forza e capacità,

di raccontare quel che sarà.

Io son qui, per la verità

che mi vorrai concedere.

Perso qui, fra le falsità,

che mi farai comprendere.

Marlene Kuntz

Portare a compimento o no questa potenzialità che c’è in ogni cosa dipende dalle relazioni che instauriamo: se c’è uno sguardo capace di intercettare quella bellezza e, guardandola, di farla fiorire.

Alessandro D’Avenia

16 Maggio 2024 Giovanni 17, 20-26

Nell’intimità di Gesù convivono la nostra realtà e quella del Padre, le nostre povertà e grandezze e l’immenso di Dio che si china. Solo stretti a lui possiamo abitare la nostra complessità e quella altrui e camminare verso quella “cosa sola” che è il grande sogno di Dio per l’umanità.

L. Vitali

Share This