29 ottobre 2021 Luca 14, 1-6

Giovanni Nicoli | 29 Ottobre 2021

Luca 14, 1-6

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. Ed ecco, davanti a lui vi era un uomo malato di idropisia.

Rivolgendosi ai dottori della Legge e ai farisei, Gesù disse: ” È lecito o no guarire di sabato?” Ma essi tacquero. Egli lo prese per mano, lo guarì e lo congedò.

Poi disse loro: “Chi di voi, se un figlio o un bue gli cade nel pozzo, non lo tirerà fuori subito in giorno di sabato?”. E non potevano rispondere nulla a queste parole.

Noi dottori della Legge, noi farisei, è ora che facciamo silenzio. Noi cristiani che abbiamo legiferato su tutto, noi che stiamo ancora legiferando in nome di valori irrinunciabili, come se i valori, se sono veri, potessero essere svalutati e rifiutati, è bene che facciamo silenzio.

Non è più il tempo, the time is over, di guerre di religione in nome di una fede vera o presunta. Non è più il tempo di scomuniche incrociate in nome di qualche cavillo teologico che non so quanto a Dio potesse importare. Non è più il tempo di giudizi e di ribadire una legge sterile che non dice più nulla a nessuno.

Per noi cristiani è l’ora della liberazione. Ora di liberazione significa riconoscere la nostra schiavitù, il nostro essere dottori della Legge e farisei.

È ora di tacere per volgere lo sguardo dalla stessa parte di Dio. Dio non guarda la Legge, Dio guarda l’uomo. Dio guarda l’uomo malato. Che questa malattia sia fisica – idropisia – o psicologica o morale, a Dio non importa. Dio non guarda la malattia che ci attanaglia cercando di trovare una scappatoia dalla Legge. Dio guarda il malato, per Lui esiste solo il malato, Lui il medico che è venuto nel mondo per guarire.

È Gesù che non è venuto a condannare ma a salvare. È Lui il sole che splende sui buoni e sui cattivi. È Lui la pioggia che irrora la terra dei giusti e degli ingiusti.

Non sappiamo fino in fondo dove arriva la sapienza di Dio. Quella sapienza che è fiducia nell’uomo, soprattutto in quello malato e bisognoso, in quello peccatore. Quel peccatore che per noi dottori della Legge e farisei, diventa motivo di esclusione, per Dio diventa invece motivo di amore e di affetto.

Ripeto: non sappiamo fino a dove arrivi la sapienza di Dio, ma sappiamo di certo che i suoi tempi non sono i nostri tempi e che i tempi della conversione sono i tempi del nostro pellegrinare su questa terra. Questo non è una giustificazione al fatto che noi non arriviamo mai al dunque su certe cose, ma è manifestazione di quello che realmente siamo e di quello che realmente c’è.

È tempo di fare silenzio, sì! Di fare silenzio sulla Legge perché è tempo di grazia questo, è tempo favorevole, è il tempo di Dio. Ciò significa che è il tempo per prenderci cura della persona umana.

Alle parole che Gesù oggi ci rivolge, “è lecito o no”, noi non sappiamo rispondere con sapienza divina, per questo è meglio che ci tacciamo. Non è più il tempo di dare risposte con le labbra, le risposte giuste non interessano più a nessuno.

È tempo di rispondere invece con le mani, mettendoci subito all’opera. Non possiamo attendere che passi il sabato, oggi e non domani è bene che ci diamo le mani dattorno. È bene che ci mettiamo all’opera perché il mondo, i nostri fratelli, noi, possiamo essere salvati. Oggi, non domani, perché la salvezza è cosa che riguarda l’oggi. Non possiamo continuamente rimandare la bellezza del farci prossimo. Non possiamo più essere spettatori della rovina dei nostri fratelli, cosa che accade mentre siamo in tutt’altre faccende affaccendati.

Non è più il tempo di riunioni, è il tempo di andare per strada. Non è più il tempo del tempio, è il tempo di adorare Dio in spirito e verità guardando negli occhi il fratello che per strada sta morendo.

Non è più il tempo di lunghe discussioni, di fondare un partito, di fare un altro movimento, è il tempo della grazia. È il tempo di adorare Dio in spirito e verità, con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutte le forze mentre passa per strada e mentre di nuovo si incarna nel fratello emarginato e non considerato.

Un uomo malato che rischia di rimanere per sempre fuori dal banchetto della vita; un uomo affamato che rischia di morire di fame; un uomo disperato triturato dalle sue depressioni: su di loro Dio, grazie a noi, pone il suo sguardo ed è, grazie a noi, tutto per tutti.

Oggi e non domani, nel silenzio di mani che si muovono e di piedi che camminano incontro, guardando negli occhi e facendosi prossimo senza tante chiacchiere.

Chiediamo al Signore che ci guardi e che, col suo sguardo, punga noi palloni gonfiati dalla nostra falsa giustizia e ci sgonfi. Sgonfi la nostra giustizia troppo umana e poco divina. Che il suo sguardo ci aiuti a misurarci con la sua porta stretta lasciandoci ancora una volta fecondare da Lui.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

2 Marzo 2024 Luca 15, 1-3.11-32

«Accettare il perdono di Dio è una delle più grandi sfide della vita spirituale. C’è qualcosa in noi che si ag­grappa ai nostri peccati e non lascia che Dio cancelli il nostro passato e ci offra un inizio completamente nuovo».

H. Nouwen

“Dio non guarda a cio’ che siamo stati, guarda a cio’ che siamo”.

Jean-Joseph Lataste

1 Marzo 2024 Matteo 21, 33-46

Siate custodi dei doni di Dio. Quando non ci prendiamo cura del creato e dei nostri fratelli, allora, trova spazio la distruzione, e il cuore inaridisce.

Papa Francesco

Il vero potere è quello del Dio crocifisso:

un potere che vuole l’alterità dell’altro fino a lasciarsi uccidere per offrirgli la risurrezione.

Perciò il potere assoluto s’identifica con l’assoluto del dono di sé, con il sacrificio che comunica la vita agli uomini e fonda la loro libertà.

Olivier Clément

29 Febbraio 2024 Luca 16, 19-31

Finché una civiltà è costruita in modo tale che ogni cinque secondi un essere umano muore di fame, quella civiltà ha un cuore sbagliato, ha politiche sbagliate, scuole sbagliate, religioni sbagliate, culture sbagliate perché sono in modo evidente e indiscutibile contro l’uomo stesso. La nostra non è una civiltà ma un inferno, un massacro alla luce del sole e tutti, tutti noi, dovremo renderne conto amaramente.
P. Spoladore

Share This