30 Maggio 2023 Marco 10, 28-31

Giovanni Nicoli | 30 Maggio 2023
Marco 10, 28-31

In quel tempo, Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito».

Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà̀. Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi».

 

Ognuno di noi si organizza la propria vita scegliendo le proprie priorità e perseguendo uno scopo che gli pare essere quello che a lui sta più a cuore.

Ed ecco che qualcuno si cerca una moglie e su di lei poggia tutte le sue speranze; qualcuno si cerca un marito e pensa e crede a questa scelta come alla scelta della sua vita; qualcuno punta tutto sulla carriera, qualcuno sulla casa, qualcuno sulla famiglia, qualcuno sul divertimento. Sono tutte realtà finite che prima o poi manifestano il loro limite perché il marito si imborghesisce e perde di ogni creatività nella coppia; la moglie delusa per non essere riuscita a raddrizzare, come era sicura di poter fare, il marito si ritira e si chiude sempre più; i figli se ne vanno per i fatti loro; la carriera si presenta a noi con dei fallimenti…

Sono tutte realtà, queste, che fanno parte della nostra esistenza: tutto dipende dall’importanza che noi diamo a queste realtà. Sono per noi realtà ultime o sono realtà penultime? Noi siamo chiamati ad amare fino in fondo nostra moglie, nostro marito, i nostri figli, il nostro lavoro ma non facendo diventare degli idoli queste persone e realtà. Dio deve rimanere al suo posto perché rimanendo al suo posto noi possiamo trovare la forza e la motivazione per affrontare le realtà che ci si parano davanti.

Il vangelo di quest’oggi, è un ulteriore richiamo alla necessità di vita della povertà. La povertà intesa come un lasciare tutto per seguire Gesù mettendolo al primo posto: solo in lui può riposare il nostro animo inquieto. Un animo che è sempre alla ricerca di un significato di vita che noi però cerchiamo nelle creature anziché nel creatore. È come se una madre o un padre cercassero il significato della loro unione nei figli anziché nell’altro/a, sarebbe un’aberrazione.

Il nostro animo è assetato di infinito e l’unico infinito è Dio: unico modo per fare spazio a Dio per dare senso a quello che viviamo è quello di lasciare tutto.

Lasciare tutto nel senso di abbandonare tutto quello che è superfluo e ci porta a legarci sempre più alle cose dimenticandoci del nostro Dio. Senza questo abbandono la sequela è atrofizzata e bloccata, non può essere realizzata. È necessario farsi poveri se si vuole ricevere la vita al seguito di Gesù; se ci si vuole mettere alla sua sequela.

Questo vangelo ci invita a constatare che all’uomo, proprio a causa dell’attaccamento ai beni materiali, è praticamente impossibile cogliere le nuove possibilità di vita che Dio prospetta nell’incontro con Gesù. Se infatti il nostro cuore e la nostra mente sono presi da altro non possono lasciarsi coinvolgere da un’altra realtà, anche se questa darebbe senso e significato a tutto il resto del nostro vivere.

Uno non può servire a Dio e a Mammona, o amerà l’uno e odierà l’altra, o odierà l’uno e amerà l’altra. Il nostro cuore è monogamo.

Questa realtà evidenzia la difficoltà di questa scelta e in particolare la difficoltà di questa scelta per ognuno di noi. Noi che viviamo in questa società che ha fatto del ben-avere lo scopo della sua esistenza, senza il quale non può vivere e sussistere, andrebbe a rotoli.

È una delle scommesse più centrali per il cristiano al giorno d’oggi. Una volta non poteva essere una gran scommessa per gran parte della gente che era povera. Ma oggi! Oggi, sì! Non c’è alcuna risposta preconfezionata. Siamo chiamati a scoprirla giorno per giorno sapendo che mai questa realtà darà significato al nostro vivere.

Questo mette in risalto l’assoluta necessità di rivolgersi a Dio per essere convertiti, perché tutto è possibile presso Dio. Nella scelta della povertà noi diciamo un sì a Gesù, e questo è un sì detto a Dio per ricevere il dono della vita. La logica del regno ci porta alla donazione di noi stessi, mentre la logica dell’uomo mondano ci porta a ricercare solo l’interesse. Se noi vogliamo cercare di comprendere le profondità delle logiche del regno di Dio, la povertà è una via di libertà interiore ed esteriore ineguagliabile. Madonna povertà è fonte di una fantasia di vita che noi nemmeno ci immaginiamo.

La povertà proposta all’uomo da Gesù porta in sé la rinuncia al Dio di questo mondo. Non è una povertà stoica o cinica: sarebbe un altro idolo farisaico! È una povertà di chi dà tutto ai poveri. Non è una povertà che ha come fine una libertà reale o morale da qualcosa, ma è una povertà che mira ad una libertà per qualcos’altro, per una solidarietà. Tutto questo è ancora una semplice premessa all’aspetto essenziale della stessa povertà: povertà per seguire Cristo. È in lui che la nostra libertà si realizza e diventa libertà liberata in tutte le sue potenzialità, nel dono stesso della vita.

Seguire Cristo non è un discorso di sacrifici, ma di moltiplicazione: lasciare tutto ma per avere tutto. 

Non è rinuncia, se non della zavorra che impedisce il volo, il Vangelo è addizione di vita.

Ermes Ronchi

 

La meraviglia è il vuoto che si apre, la possibilità di aprire le mani e le braccia, il fremito del lasciar andare, dell’abbandonarsi all’assenza di segni, di significati, di salvezze, di alleanze. 

Niente. Assolutamente niente.

Chandra Livia Candiani

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

16 Giugno 2024 Marco 4, 26-34

Esseri umani, piante o polvere cosmica: tutti danziamo su una melodia misteriosa intonata nello spazio da un musicista invisibile.

Albert Einstein

Non accelerare, non forzare la primavera, non snaturare la vita: rischi di perderne il colore ed il sapore, il colore dei fiori sbocciati, il sapore del grano maturo. Se solo saprai guardare, quel granello di senape, preso anche come misura della tua fede, diventerà albero rigoglioso e forte, riparo e ombra, luogo dal quale si potranno sentire gli uccelli cantare, le cose cantare, cantare la vita.

L. Verdi

15 Giugno 2024 Matteo 5, 33-37

Nell’epoca della post-verità nella quale viviamo, le parole sono fluide, scivolose, spesso lanciate invece che offerte, e non ci trasmettono la verità, ma pensieri confusi, smarriti, ambigui, forse perché nascono dalla paura di entrare dentro di noi e nel silenzio trovarne il succo.

L. Vitali

Dire la verità significa essere verità. Essere verità è essere quello che siamo e non quello che dovremmo essere. Dire la verità ci espone agli altri, per questo è importante che noi siamo innanzitutto verità e che noi ci esponiamo agli altri per quello che siamo e non per quello che non siamo.

PG

14 Giugno 2024 Matteo 5, 27-32

Non riconoscere il limite che permette all’altro di essere altro significa fare spazio a quell’animalità interiore che tutto brama e di tutto desidera impossessarsi.

Luciano Locatelli

L’altro non va oggettivizzato, ma va guardato, scoperto ogni istante nella sua novità, va incontrato attraverso un occhio ancora più sottile rispetto a quello fisico, va guardato col cuore, attraverso un punto da cui è impossibile cosificare sé stessi e il mondo, un punto di non dualità, l’Uno.

E. Avveduto

Share This