25 aprile 2022Marco 16, 15-20

Giovanni Nicoli | 25 Aprile 2022

Marco 16, 15-20

In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.

“Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura”, è l’unico compito serio che la chiesa è chiamata a vivere e a compiere.

La chiesa è chiamata ad annunciare agli uomini il Regno di Dio, non un prodotto di qualsiasi alto tipo con il quale potere intraprendere qualcosa. L’unico necessario è l’annuncio che Dio ha intrapreso qualcosa con noi uomini e che, costi quel che costi, lo porterà a termine.

Non vi sono opposizioni che tengano, non vi sono difficoltà che possano preoccupare, non vi sono vanità che possano bloccare questa azione inarrestabile di Dio: il Regno di Dio è vicino, convertitevi e credete al Vangelo! Annuncio è di una semplicità incredibile, che disarma ogni opposizione e ogni perplessità.

Questo annuncio sta nel fatto che Dio ha detto il suo sì! Tutta la sapienza e la forza della nostra azione vive e cresce nel sì di Dio!

È il sì che Dio ha detto alla sua creatura e alla creazione, ad ogni uomo e noi sappiamo che Dio non mente. Per questo siamo certi, nel nostro annuncio, non delle diavolerie o stregonerie moderne con cui riusciamo a rendere più appetibile l’annuncio, siamo certi che Egli porterà a compimento il suo sì e lo manifesterà nella totalità della sua bellezza. Questo sì divino è entrato in scena: questo è il nuovo e buon messaggio che ci è stato affidato perché venga proclamato sulla terra.

Tutto il resto risulta secondario e quasi banale, come banale rischia di manifestarsi il nostro arrabattarci di fronte all’oggi per inventare un nostro sì che, il più delle volte, si dimentica del sì di Dio rischiando di contrastarlo. Per questo non possiamo preoccuparci dei successi e degli insuccessi che obbedendo all’invio che il Signore ci dona potremmo incontrare.

La forza, la fecondità, la benedizione della Parola di Dio è l’opera stessa di Dio. Un’opera che segue le sue vie, non le nostre, grazie a Dio!

Noi non dobbiamo fare altro che testimoniare la Parola, e poi stare fermi attendendo che il seme gettato possa portare frutto. Non possiamo dipendere dai nostri trionfi, come non possiamo vivere per ottenerli: sarebbe, ed effettivamente lo è, una continua delusione.

La comunità non vive della sua crescita numerica e nemmeno delle sue vittorie sul mondo. La comunità vive del suo incarico: annunciare che Dio ha detto sì, in modo forte e chiaro, penetrante ed universale.

La comunità deve semplicemente spargere il seme, così come è: il resto non è compito suo, come non è suo compito creare condizioni per il suo successo. Quando ci preoccupiamo di queste condizioni, normalmente le condizioni prendono il sopravvento sul messaggio e l’annuncio del sì di Dio diventa un annuncio funebre.

Non dobbiamo preoccuparci nemmeno di quanto viene intrapreso contro di noi, non è quello che ci deve occupare: nulla potrà distruggerci perché nulla potrà mai separarci dall’amore di Cristo. Tutto quello che giustamente c’è da dire contro di noi comunità cristiana, ci potrà impedire di essere comunità dell’evangelo.

La Parola che dobbiamo proclamare è l’unica vera Parola che ci deve e ci può giudicare. Non quello che può venire detto contro di noi ci deve preoccupare, ma quanto la Parola dice di noi e dice a noi.

Una Parola che giudica la comunità, una Parola che la risolleva. Udendo per prima il sì di Dio, la comunità accoglie tutta la grandezza di questo annuncio e tutta la consolazione, la bellezza e l’entusiasmo che questo annuncio porta in sé.

La comunità cristiana è certamente debole, spesso vana e vanitosa, a volte anche perversa e legata da lacci di potere anziché di servizio, ma deve rimanere radicata in una certezza che è la sua vita e il motivo della sua vita: il sì di Dio!

 

 

 

 

 

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

16 Giugno 2024 Marco 4, 26-34

Esseri umani, piante o polvere cosmica: tutti danziamo su una melodia misteriosa intonata nello spazio da un musicista invisibile.

Albert Einstein

Non accelerare, non forzare la primavera, non snaturare la vita: rischi di perderne il colore ed il sapore, il colore dei fiori sbocciati, il sapore del grano maturo. Se solo saprai guardare, quel granello di senape, preso anche come misura della tua fede, diventerà albero rigoglioso e forte, riparo e ombra, luogo dal quale si potranno sentire gli uccelli cantare, le cose cantare, cantare la vita.

L. Verdi

15 Giugno 2024 Matteo 5, 33-37

Nell’epoca della post-verità nella quale viviamo, le parole sono fluide, scivolose, spesso lanciate invece che offerte, e non ci trasmettono la verità, ma pensieri confusi, smarriti, ambigui, forse perché nascono dalla paura di entrare dentro di noi e nel silenzio trovarne il succo.

L. Vitali

Dire la verità significa essere verità. Essere verità è essere quello che siamo e non quello che dovremmo essere. Dire la verità ci espone agli altri, per questo è importante che noi siamo innanzitutto verità e che noi ci esponiamo agli altri per quello che siamo e non per quello che non siamo.

PG

14 Giugno 2024 Matteo 5, 27-32

Non riconoscere il limite che permette all’altro di essere altro significa fare spazio a quell’animalità interiore che tutto brama e di tutto desidera impossessarsi.

Luciano Locatelli

L’altro non va oggettivizzato, ma va guardato, scoperto ogni istante nella sua novità, va incontrato attraverso un occhio ancora più sottile rispetto a quello fisico, va guardato col cuore, attraverso un punto da cui è impossibile cosificare sé stessi e il mondo, un punto di non dualità, l’Uno.

E. Avveduto

Share This