9 febbraio 2021 Marco 7, 1-13

Giovanni Nicoli | 9 Febbraio 2021

Marco 7, 1-13

Si riunirono attorno a lui i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme. Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate – i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti -, quei farisei e scribi lo interrogarono: “Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?”. Ed egli rispose loro: “Bene ha profetato Isaia di voi, ipocriti, come sta scritto:

Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me.

Invano mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini.

Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini”. 

E diceva loro: “Siete veramente abili nel rifiutare il comandamento di Dio per osservare la vostra tradizione. Mosè infatti disse: Onora tuo padre e tua madre, e: Chi maledice il padre o la madre sia messo a morte. Voi invece dite: “Se uno dichiara al padre o alla madre: Ciò con cui dovrei aiutarti è korbàn, cioè offerta a Dio”, non gli consentite di fare più nulla per il padre o la madre. Così annullate la parola di Dio con la tradizione che avete tramandato voi. E di cose simili ne fate molte”.

Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Il Signore ci riporta all’essenziale del vangelo che non è un insieme di norme e leggi da seguire, ma semplicemente vita. Noi possiamo percepire questa affermazione del Signore come una condanna delle nostre abitudini, e lo è. Possiamo percepirla come un volere mettere al centro ciò che al centro non è, ed è vero che Gesù desidera che noi mettiamo al centro della nostra vita e delle nostre scelte l’amore per Dio e per il fratello. Possiamo percepirla come un volere abbattere le tradizioni che assecondano le nostre scelte, anche questo è vero. Ma questa affermazione è soprattutto un invito, un invito a comprendere dove è posto il nostro cuore. A capire se il nostro cuore pulsa oppure se è diventato di pietra. A capire se il nostro cuore ama o se invece è preoccupato di tutt’altro.

È un invito, perché un cuore non potrà mai essere obbligato. Un cuore ama oppure non ama, non lo si può obbligare, lo si può invitare, si può tentare di farlo innamorare. Oggi il Signore ci invita a cercare di comprendere dove è posto il nostro cuore. Un invito non per condannarci ma per amarci. Aiutarci a vedere dove siamo con il nostro cuore, significa metterci in una posizione per poter decidere. Invitarci a riflettere sul fatto che il nostro cuore stia amando o sia invece rattrappito, significa chiamarci ancora una volta alla vita.

Il Signore vuole donarci un cuore nuovo, vuole toglierci il cuore di pietra per darcene uno di carne. Questa proposta ci fa paura perché amare significa sempre soffrire; desiderare significa combattere; avere un cuore di carne significa uscire allo scoperto, esporci ed essere in balia dei venti contrari e non riuscire ad attraccare alla riva verso la quale eravamo salpati. Il Signore ci invita a prendere il largo sulla sua parola. Un invito che cozza contro le tradizioni che muovono gran parte della nostra giornata.

Le tradizioni possono essere le nostre abitudini a fare le cose e soprattutto a farle in un certo modo.  Le tradizioni sono le nostre convenzioni nel rapportarci gli uni agli altri. Le tradizioni sono le cose, le feste, le ricorrenze che si ripetono ogni anno. Tradizione è il Natale, tradizione è la Pasqua: il centro della nostra fede diventa una tradizione vuota e ripetitiva, anziché essere una Tradizione che ci aiuta a vivere. Tradizione è il carnevale che bisogna fare e la Quaresima che bisogna iniziare. Tradizione è l’ultimo dell’anno, tradizione è il sabato sera dove bisogna sballare. Queste tradizioni il Signore per ben tre volte fa notare, nel nostro brano, che sono squalificanti del centro della nostra vita, del vangelo. Siamo più fedeli al nostro buon senso che non a tutti i miracoli del Signore.

Il Signore ha camminato sulle acque, ha moltiplicato i pani, ha guarito molti, ha scacciato i demoni, ha risuscitato la dodicenne e guarito l’emorroissa, eppure i Giudei sono preoccupati del fatto che i discepoli non osservano la tradizione degli antichi di lavarsi le mani. Cosa che in sé non è cattiva, ma che comunque distoglie dal riconoscere una presenza che cammina in mezzo a loro. Una tradizione che noi spesso mettiamo in atto è quella del giudizio e tante volte lo facciamo usando il vangelo per fare questo. Giudizio su di sé, giudizio sugli altri. Giudizio, non discernimento.

Il giudizio è qualcosa di assoluto e condannatorio! Il discernimento è misericordioso, aiuta a comprendere in profondità, ci salva dalla superficialità, ci mette in una posizione privilegiata per poter scegliere, viene da un cuore di carne e non da un cuore di pietra, cerca il passo adeguato per potere fare maturare la nostra vita.

Il giudizio ricerca solo il bene assoluto, è un discorso sui massimi sistemi, non lascia spazio all’uomo e alle sue scelte, non permette che si possa sgarrare, ricorda continuamente la maledizione della legge. Il discernimento mi porta al “bene relativo” che consiste nel cercare il possibile, nel comprendere il bene che io oggi, qui ed ora posso fare; mi aiuta ad essere una persona attenta alla vita; non mi fa dimenticare il bene ultimo, l’orientamento della mia vita, ma mi aiuta ad incarnarlo nelle contraddizioni del mio quotidiano. È nella negazione del bene del mio quotidiano che mi aiuta a cercare la via perché il bene sia messo nella mia giornata come un piccolo seme di senapa, come un po’ di lievito che fa lievitare tutta la pasta della mia giornata. Il giudizio sentenzia solamente che nella mia vita c’è tanto male e tanta negatività: mi porta a rinchiudermi a riccio per preservarmi. Il giudizio è l’arma di una politica vuota che necessita del solito noto nemico con cui prendersela. Il discernimento mi spinge a vivere tutto quel bene che posso vivere, poco o tanto che sia non importa, l’importante è che sia il mio tutto.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

2 Marzo 2024 Luca 15, 1-3.11-32

«Accettare il perdono di Dio è una delle più grandi sfide della vita spirituale. C’è qualcosa in noi che si ag­grappa ai nostri peccati e non lascia che Dio cancelli il nostro passato e ci offra un inizio completamente nuovo».

H. Nouwen

“Dio non guarda a cio’ che siamo stati, guarda a cio’ che siamo”.

Jean-Joseph Lataste

1 Marzo 2024 Matteo 21, 33-46

Siate custodi dei doni di Dio. Quando non ci prendiamo cura del creato e dei nostri fratelli, allora, trova spazio la distruzione, e il cuore inaridisce.

Papa Francesco

Il vero potere è quello del Dio crocifisso:

un potere che vuole l’alterità dell’altro fino a lasciarsi uccidere per offrirgli la risurrezione.

Perciò il potere assoluto s’identifica con l’assoluto del dono di sé, con il sacrificio che comunica la vita agli uomini e fonda la loro libertà.

Olivier Clément

29 Febbraio 2024 Luca 16, 19-31

Finché una civiltà è costruita in modo tale che ogni cinque secondi un essere umano muore di fame, quella civiltà ha un cuore sbagliato, ha politiche sbagliate, scuole sbagliate, religioni sbagliate, culture sbagliate perché sono in modo evidente e indiscutibile contro l’uomo stesso. La nostra non è una civiltà ma un inferno, un massacro alla luce del sole e tutti, tutti noi, dovremo renderne conto amaramente.
P. Spoladore

Share This