12 luglio 2021 Matteo 10, 34-11.1

Giovanni Nicoli | 12 Luglio 2021

Matteo 10, 34-11.1

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:

«Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.

Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.

Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa». 

Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

È un bel programma di vita quello che Gesù prepara e dispiega per i suoi discepoli.

È un programma di vita che è modo d’essere più che un modo di fare.

La propria vita, per essere veramente umana dipende dalla Parola accolta e portata. La Parola che entra nel nostro cuore forma un punto di divisione che non è la divisione portata dal grande divisore, è una divisione di discernimento, non di esclusione. Noi siamo divisi dentro perché non facciamo quello che vogliamo e non vogliamo quello che facciamo. Vorremmo pacificarci dialogando e andiamo a finire di litigare ancor prima di cominciare; vorremmo essere costruttivi ma non troviamo nulla di meglio da fare che distruggere il prossimo e negare la bontà del suo agire.

Il punto di divisione che la parola raggiunge è invece il punto di distinzione fra bene e male che c’è in noi. Quando noi raggiungiamo quel punto, anche attraverso la Parola, noi raggiungiamo un grado di libertà di alta levatura ed è grazie a quel grado di libertà più vera che noi diveniamo capaci di unità interiore e dunque di scegliere il discepolato.

Il discepolato è cosa semplice: mettere Dio al primo posto. Se noi non amiamo Dio, e da Lui ci lasciamo amare, come cosa prioritaria noi rischiamo di rendere il coniuge, l’amico, la prole, gli impegni, il lavoro, le cose e quant’altro degli idoli, perché amati più di Dio che è amore assoluto.

Dunque mettere Dio al primo posto è prendere la propria croce che è perdere la propria vita.

Gesù Cristo si è preso sulle spalle la croce di tutti e ha donato la propria vita morendo in croce per noi: ha perso per questo ha donato e si è ritrovato ad un livello più alto.

Noi siamo chiamati non a prendere la croce degli altri, cosa già fatta da Gesù Cristo, ma la nostra. La croce del discepolo non sono tanto le disgrazie e le malattie. La croce è cosa scelta non subita. La croce è amare Dio sopra ogni cosa perdendo la propria vita per i fratelli. La croce è luogo di dono e luogo per ritrovarsi. Perché l’uomo, e la donna, ritrovano se stessi quando, facendo unità dentro se stessi, ritrovano la capacità di dono. Lasciare che la Parola tocchi il punto di divisione fra bene e male significa ritrovare noi stessi e l’unità di noi stessi che consiste nel ritrovare la capacità di seguire il Cristo che perdendo, cioè donando, la propria vita l’ha ritrovata. Nella morte ha ritrovato se stesso come dono ed è ritornato in vita come risurrezione.

Accogliere la Parola che dividendo il bene dal male evidenzia le divisioni del maligno, significa ritornare a vivere da persone nuove, che hanno ritrovato l’unità di se stesse perché smettono di mettere cose futili al posto di Dio e ritrovano la bellezza dell’aprirsi alla vita nel dono, nel perdere la propria vita per Dio e per i fratelli. Portare la propria croce dietro a Gesù è proprio il ritrovare quella fonte della vita che abbiamo perduto nelle nostre dispersioni e divisioni. La croce è fonte di unità perché ci riporta all’essenzialità del dono che è perdere la propria vita per i fratelli. Ci riporta laddove nasce la risurrezione, si ritorna a vivere noi che a vivere sembra non ne siamo più capaci.

Così si può ritrovare il gusto del dare un bicchiere d’acqua a chi ha sete, di accogliere chi è senza casa, di prendersi cura di qualcuno che sia qualcosa di più di un gatto o di un cane.

Così si lascia che la Parola ci divida perché possiamo ritornare liberi di scegliere. Così possiamo in libertà ritornare a riscoprire la bellezza del dono e del prendersi cura: questa è risurrezione bella e buona che sboccia come fiore fra le rocce della croce, simbolo di dono e di perdita. Simbolo di dono e di perdita, realtà di ritrovamento di un senso che diversamente vola via come pula che il vento disperde.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

21 Febbraio 2024 Luca 11, 29-32

Chi ha bisogno di segni per credere ha gli occhi chiusi su se stesso e sul mistero contenuto nella propria interiorità.

E. Avveduto

Non occorrono altri segni al di là di quelli che la vita ci mette sul cammino. Occorre piuttosto la capacità di leggere la vita a partire dal segno permanente che per noi resta Gesù Cristo, il suo mistero di morte e di risurrezione.

A. Savone

20 Febbraio 2024 Matteo 6, 7-15

Il cuore della preghiera, di ogni preghiera, di ogni legame d’amore è il perdono, perdono da ricevere da Dio nell’istante preciso in cui anche noi lo offriamo ai nostri fratelli. La vera preghiera d’amore è questa, il resto rischia di essere un’inutile, irrispettosa, melmosa ripetizione di parole che non cambia la vita e non scalda il cuore.P. Spoladore

La preghiera attraversa il corpo. È il respiro, il grido, l’interrogativo, la supplica, il gesto senza parole, il tempo del dilemma, il ritardo, l’imprevisto, le mani piene, le mani vuote.
J. Tolentino Mendonça

19 Febbraio 2024 Matteo 25, 31-46 Copia

Cristo ringrazia coloro che non sapevano chi sfamavano…

espressioni come: amare il prossimo in Dio, per amore di Dio, sono ingannevoli ed equivoche.

All’uomo, tutto il suo potere di attenzione è appena sufficiente per essere capace semplicemente

di guardare quel mucchio di carne inerte e nuda al bordo della strada.

Non è quello il momento di rivolgere il pensiero a Dio.

Ci sono momenti in cui bisogna pensare a Dio dimenticando tutte le creature senza eccezione,

come ce ne sono altri in cui guardando le creature non bisogna pensare esplicitamente al creatore.

Simone Weil

Share This