2 Luglio 2023 Matteo 10, 37-42

Giovanni Nicoli | 1 Luglio 2023
Matteo 10, 37-42
 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:

«Chi ama padre o madre più di me non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.

Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.

Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.

Chi accoglie un profeta perchè è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perchè è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.

Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».

Per tre volte Gesù afferma che “non è degno di lui” chi ama padre o madre, figlio o figlia, più di lui, chi non prende la propria croce per seguirlo, chi tiene per sé la propria vita. Il triplice “non è degno di me” non va inteso come valutazione morale, né significa che Gesù richieda prestazioni che rendano meritevoli chi le compie. Si tratta di una semplice constatazione: vive la sequela di Gesù chi antepone l’amore di Cristo ai legami familiari e si dispone a vivere questo amore fino alla croce, alla morte infamante. Questi è degno di Gesù, cioè, suo discepolo.

Gesù ha attuato lui stesso un distacco radicale rispetto alla propria famiglia. Porre le esigenze del Regno e la persona di Gesù, l’io di Gesù, al di sopra di ogni altro valore sociale e personale, civile e familiare, comporta un prezzo alto, molto concreto e quotidiano.

Il discepolo poi, è chiamato a una sequela che ha come limite estremo la croce, il perdere la propria vita a causa di Gesù. Gesù non ha avuto come fine l’auto annichilimento, il perdere la propria vita, ma il viverla pienamente e gioiosamente perseguendo la libertà e l’amore: amando liberamente fino alla fine.

Gesù ha vissuto donando vita: ai malati, ai peccatori, agli emarginati, ai disprezzati, Gesù ha saputo, cioè ha scelto e voluto, dare vita. Il suo perdere la propria vita, è stato un donare tempo, forze fisiche e spirituali, energie psichiche e affettive: Gesù ha donato la sua vita dando vita agli altri. Non è stato un mero perdere, ma un donare, un generare, un trasmettere. Il perdere la vita che qui è richiesta è in realtà un invito ad amare come Cristo ha amato.

L’accostamento del discorso sull’accoglienza del discepolo a quello sulle esigenze del discepolato, strappa il discorso dell’accoglienza all’etica delle buone maniere.

La fecondità dell’accoglienza è espressa dal vangelo affermando che chi accoglie i discepoli di Gesù non resterà senza ricompensa. L’accoglienza, prima di essere materiale, è spirituale: è riconoscimento dell’identità dell’altro: profeta, giusto, discepolo.

È importante ricordare la dimensione umana dell’accoglienza di una persona, che richiede di mettere in atto gesti, attenzioni, premure, intelligenza dei bisogni dell’altro: l’accoglienza è sempre accoglienza di un corpo da parte di un altro corpo.

La realtà dell’amore non si misura su slanci affettivi, ma su questa effettività. E poiché noi non sappiamo mai chi incontriamo, chi ci è inviato, chi riceviamo, il lavoro di accoglienza richiede attenzione e discernimento, ascolto e osservazione per lasciarsi raggiungere e toccare dall’altro. Così l’incontro con l’altro diviene una visita che assomiglia a una rivelazione. Diviene una visitazione.

La missione è innanzitutto una questione di cuore e di interiorità: le scelte hanno senso e diventano testimonianza solo se da lì partono.

“I nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa”, sono quelli di casa mia, sono quelli che abitano il mio cuore. Sono tanti gli abitanti del mio cuore e della mia vita. Sapere tutto ciò è innanzitutto cogliere ciò che di buono e di bello vi è in me e ciò che in me c’è di meno bello e di meno buono.

Sapere e conoscere i miei punti di forza e i miei punti deboli significa sapere con chi ho a che fare e sapere dove posso fare affidamento su di me. Quali sono le mie divisioni interiori che anziché favorire il mio desiderio di bene mi portano ad allontanarmi da questo non facendo il bene che desidero ma facendo invece il male che non desidero? Esperienze positive del passato creano in me un’area di libertà e di sufficiente fiducia in me stesso. Questo favorisce la mia capacità di bene e il mio realizzare tale bene. 

Esperienze che non sono state positive e gratificanti possono diventare degli impedimenti a perseguire il bene. Gesù è venuto a separarci da tutto non perché noi siamo gente senza storia e senza famiglia, ma per creare dentro di noi uno spazio di libertà dove ognuno prenda il suo vero posto.

Gesù che entra in noi crea divisione dal passato, ci porta ad una unità presente e futura. Crea unità in noi, ci dona la sua presenza positiva di fiducia, ci provoca ad avere fede in Lui e in noi stessi, ci invita a smettere di piangere sul nostro passato e a compiere un salto di libertà dove noi ridiventiamo protagonisti della nostra vita.

L’accoglienza di noi stessi diventa accoglienza vera dell’altro. L’altro troverà terreno buono perché anche lui cresca nella sua capacità di accoglienza della Parola.

Se la nostra azione è inficiata dal bisogno ossessivo di ricompensa, la nostra testimonianza e la nostra missionarietà, sarà orientata ad avere tale ricompensa. Se invece la nostra ricompensa è data dalla bellezza e soddisfazione del bicchiere di acqua dato con gratuità, ricompensa data dal non essere soli in questo ma accompagnati dal Cristo, allora il nostro agire avrà già in sé la ricompensa dovuta e non dovrà angariare l’altro per potere ricevere tale ricompensa.

La nostra ricompensa è già nel nostro cuore, tale ricompensa è Gesù in noi incarnato e da noi generato nella fraternità con Lui e nella figliolanza vera col Padre.

‘Prendere la propria croce’ significherà  accettare che ogni atto d’amore avrà inevitabilmente delle conseguenze, ma al contempo occorre maturare la certezza che, costi quel che costi, l’amore avrà sempre un’uscita verso la luce, la vita e la fecondità.

Paolo Scquizzato

Dimenticando di affermare noi stessi e accettando di perdere e spendere la vita per gli altri, accresciamo la nostra gioia e diamo senso e ragioni al nostro vivere quotidiano.

Enzo Bianchi

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

18 Maggio 2024 Giovanni 21, 20-25

Il Vangelo è un libro già scritto e attende un lettore che lo sappia leggere, perché già tutto è stato creato nel Figlio, per il Figlio, in vista del Figlio e tutto già è salvato nel Figlio. E l’amore del Padre per il mondo è già pienamente realizzato nell’amore del Figlio per tutto l’universo e per tutte le creature. Allora attende qualcuno che sappia vederlo questo e che, vedendolo, lo viva, perché quando uno lo vede ne è capito, non lo capisce, non lo prende, ma è preso da questo e vive di questo.

S. Fausti

17 Maggio 2024 Giovanni 21, 15-19

Guidami a ciò che sarà,

attraverso ciò che è.

Dammi forza e capacità,

di raccontare quel che sarà.

Io son qui, per la verità

che mi vorrai concedere.

Perso qui, fra le falsità,

che mi farai comprendere.

Marlene Kuntz

Portare a compimento o no questa potenzialità che c’è in ogni cosa dipende dalle relazioni che instauriamo: se c’è uno sguardo capace di intercettare quella bellezza e, guardandola, di farla fiorire.

Alessandro D’Avenia

16 Maggio 2024 Giovanni 17, 20-26

Nell’intimità di Gesù convivono la nostra realtà e quella del Padre, le nostre povertà e grandezze e l’immenso di Dio che si china. Solo stretti a lui possiamo abitare la nostra complessità e quella altrui e camminare verso quella “cosa sola” che è il grande sogno di Dio per l’umanità.

L. Vitali

Share This