9 dicembre 2021 Matteo 11, 11-15

Giovanni Nicoli | 9 Dicembre 2021

Matteo 11, 11-15

In quel tempo, Gesù disse alle folle:

«In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui.

Dai giorni di Giovanni il Battista fino ad ora, il regno dei cieli subisce violenza e i violenti se ne impadroniscono.
Tutti i Profeti e la Legge infatti hanno profetato fino a Giovanni. E, se volete comprendere, è lui quell’Elia che deve venire. Chi ha orecchi, ascolti!».

 

Il Battista è venuto per un compito ben preciso che ha bene interpretato, ma per il quale poi “ha perso la testa”. Il compito di precursore ha funzionato fino a quando ha perso la testa. Ed ha perso la testa per mano di Erode. Ma questo è solo l’ultimo atto della sua vita. Il Battista ha perso la testa quando non ha capito che l’Agnello di Dio che lui aveva indicato e riconosciuto, avrebbe stravolto questo mondo di violenza.

La violenza del Battista fatta e subita era finita. La violenza del Battista, la violenza che il Battista ha dovuto fare per abbassare le valli e per spianare le colline, per preparare le vie a Colui che doveva venire, ad un certo punto è andata in tilt. Non tanto perché non c’era più nessuno a seguirlo, tutt’altro. È avvenuto questo a lui che “è il più grande fra i nati di donna”, perché non si è accorto che il Regno da lui annunciato era sorto.

Un Regno che subirà violenza ma che non accetterà più di rispondere alla violenza con la violenza. Un Regno incarnato in un bambino fragile e povero. Un Regno che non sferza ma che guarisce. Un Regno dove la tenerezza di Dio si espande su tutte le creature. Un Regno violentato ma non violento. Un Regno che nel suo Re Gesù, si lascia schiaffeggiare domandando il perché di tale schiaffo, ma non rispondendo con un altro schiaffo. Un Regno dove gli agnelli vanno in mezzo ai lupi senza diventare lupi. Un Regno dove il più piccolo, Gesù Umile e Mite di cuore, è il più grande. Un Regno dove gli zoppi camminano, non sono emarginati; un Regno dove i sordi ritornano ad udire, non vengono messi da parte; un Regno dove i senza lavoro riacquistano un senso di vita più grande della semplice e grande società basata sul liberismo economico; un Regno dove i lebbrosi emarginati vengono sanati perché rimessi al centro dell’attenzione della vita; un regno dove coloro che sono messi ai margini a causa dei loro errori e dei loro fallimenti, vengono raggiunti dal Buon Pastore,  caricati sulle spalle e portati a casa per fare festa.

Questo regno subisce violenza perché è trattato da ingenuo. Questo Regno fa la figura del Regno dei minchioni, ed è il Regno di Dio. Questo Regno non ha forza e non ha peso politico, non ha più bisogno di cercare i potenti e i ricchi, perché vive di ben altro pane che non il denaro e il potere di Gesù., vive di ogni parola che esce dalla bocca

Ognuno che vive questo è parte di quel Regno dove il più piccolo è più importante ed essenziale del più grande. Dove colui che non può fare più niente, non può più costruire, non ha più forza per affermare la sua identità e la sua capacità, è il simbolo di colui che può essere il più grande. Può essere, se questa condizione diventa il luogo della fede dove, liberi da ogni sovrastruttura religiosa, noi semplicemente camminiamo e viviamo l’incontro, avendo cura dell’incontro, non subendo l’incontro, non sopportando la relazione, ma amandola.

I violenti si impadroniscono di tutto, lo sappiamo, anche del Regno. Basti vedere cosa è il potere religioso in ogni religione, compresa la nostra. I capi parlano come se fossero dei capi politici, parlano da primi ministri, sono gente accorta e prudente che fa della diplomazia il loro dio. Ma non ci parlano più di Dio e non ci accompagnano per mano con Dio.

Non c’è altra via che la via stretta della povertà e della non violenza. Il Battista ha portato a compimento la profezia dell’Antico Testamento ed ha aperto la strada, quasi inconsciamente, al Nuovo. Quel Nuovo Testamento che non corrisponde più alle caratteristiche del Vecchio, perché passato e perché maturato in ben altro. Il Battista è l’Elia che doveva tornare e che è tornato: tornando ha aperto la via al Signore Gesù, il Mite e Umile di cuore.

Ascoltiamo questo con tutto il nostro cuore, con tutta la nostra mente, con tutte le nostre forze, con tutto noi stessi, e cambieremo. Smetteremo oggi di vedere il miraggio della violenza e della forza e della potenza, come un messaggio reale: è un miraggio, è un’illusione che ha lasciato dietro di sé, nella storia, una scia di sangue che ha riempito fiumi e mari. Lasciamo i nostri progetti e le nostre manie di potenza. Lasciamo che la tenerezza di Dio avvolga le nostre vite e i nostri cuori, perché le nostre mani possano diventare strumento di consolazione e di cura; perché le nostre mani possano riportare al centro della nostra esistenza ciechi e sordi, zoppi e malati di AIDS, morti viventi e depressi, persone che non sembrano più tali e persone ammazzate dalla nostra medicina. Perché ritrovato il vero centro del nostro quotidiano, le nostre scelte possano rivoluzionare questo mondo violento e becero, questo mondo decadente e sempre più inumano.

Sì perché “buono è il Signore verso tutti, la sua tenerezza si espande su tutte le creature” (Sal 144) grazie ai suoi figli miti e umili di cuore.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

2 Marzo 2024 Luca 15, 1-3.11-32

«Accettare il perdono di Dio è una delle più grandi sfide della vita spirituale. C’è qualcosa in noi che si ag­grappa ai nostri peccati e non lascia che Dio cancelli il nostro passato e ci offra un inizio completamente nuovo».

H. Nouwen

“Dio non guarda a cio’ che siamo stati, guarda a cio’ che siamo”.

Jean-Joseph Lataste

1 Marzo 2024 Matteo 21, 33-46

Siate custodi dei doni di Dio. Quando non ci prendiamo cura del creato e dei nostri fratelli, allora, trova spazio la distruzione, e il cuore inaridisce.

Papa Francesco

Il vero potere è quello del Dio crocifisso:

un potere che vuole l’alterità dell’altro fino a lasciarsi uccidere per offrirgli la risurrezione.

Perciò il potere assoluto s’identifica con l’assoluto del dono di sé, con il sacrificio che comunica la vita agli uomini e fonda la loro libertà.

Olivier Clément

29 Febbraio 2024 Luca 16, 19-31

Finché una civiltà è costruita in modo tale che ogni cinque secondi un essere umano muore di fame, quella civiltà ha un cuore sbagliato, ha politiche sbagliate, scuole sbagliate, religioni sbagliate, culture sbagliate perché sono in modo evidente e indiscutibile contro l’uomo stesso. La nostra non è una civiltà ma un inferno, un massacro alla luce del sole e tutti, tutti noi, dovremo renderne conto amaramente.
P. Spoladore

Share This