8 Agosto 2023 Matteo 15, 1-2.10-14

Giovanni Nicoli | 8 Agosto 2023
Matteo 15, 1-2.10-14 

In quel tempo alcuni farisei e alcuni scribi, venuti da Gerusalemme, si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Infatti quando prendono cibo non si lavano le mani!».

Riunita la folla, Gesù disse loro: «Ascoltate e comprendete bene! Non ciò che entra nella bocca rende impuro l’uomo; ciò che esce dalla bocca, questo rende impuro l’uomo!».
Allora i discepoli si avvicinarono per dirgli: «Sai che i farisei, a sentire questa parola, si sono scandalizzati?».

Ed egli rispose: «Ogni pianta, che non è stata piantata dal Padre mio celeste, verrà sradicata. Lasciateli stare! Sono ciechi e guide di ciechi. E quando un cieco guida un altro cieco, tutti e due cadranno in un fosso!».

Brutta faccenda quando si vuole asservire il vangelo a degli scopi umani e a idee di buon senso che servono solo a salvare noi stessi. Quando questo succede avviene che le guide di una comunità diventano cieche pretendendo di guidare coloro che ammettono di essere ciechi bisognosi di una guida, non ottenendo nulla di buono.

È avvenuto per il passato e avviene oggi: quando il vangelo è asservito ad una morale che il più delle volte è uno specchio di una morale di una società, il vangelo scompare e rimangono solo quei pochi versetti che giustificano un certo modo di affrontare la vita. Così l’essere missionari diventa solo un andare a portare ad altri popoli la visione occidentale della vita. Una visione troppo spesso razzista: a causa di ciò nel nome del vangelo abbiamo giustificato di tutto: genocidi, l’inferiorità delle razze non bianche, ci siamo chiesti se le altre razze fossero umane e avessero quindi un’anima, abbiamo battezzato con la spada interi continenti.

E i farisei si scandalizzavano di quello che Gesù diceva. Il comando dell’amare i genitori era saltato a piè pari: un figlio dava al tesoro del tempio quello che spettava ai genitori per vivere. In Mozambico la vita religiosa fa difficoltà a prendere piede, vi sono effettivamente delle difficoltà di inculturazione. Una di queste è il dramma di religiosi che aiutano le proprie famiglie che magari vivono nell’indigenza. L’aiuto tra familiari in Africa è cosa sacra e non è cosa negativa in sé. Se hai un genitore nell’indigenza non puoi aiutarlo perché tutto deve essere per la congregazione a cui appartieni: non è forse questa un’affermazione da guide cieche che conducono altri ciechi? Vorremmo demolire un’attenzione positiva verso i propri genitori in nome di un mantenimento, quando non diventa arricchimento, di una congregazione o della chiesa? Dove è il vangelo? Da una parte o dall’altra?

Gesù continua dicendo che è ciò che esce dalla bocca dell’uomo rende impuro l’uomo. I nostri missionari usano queste diversità culturali per svalutare i “neri” che non sono evangelici perché attenti ai propri familiari che magari muoiono di fame. In tal modo manchiamo di amore e carità, la relazione col fratello, cosa primaria per ogni evangelizzazione, viene meno. Ne scaturisce una sfiducia reciproca che scava fossati, manifestando sempre più il fatto che è impossibile la convivenza fra bianchi e neri! Guide cieche che guidano altri ciechi, ecco cosa siamo. E poi ci lamentiamo se cadiamo nel fosso che noi stessi abbiamo scavato. Siamo andati in Africa con la forza del denaro occidentale che ha sempre creato dipendenza e mai indipendenza di lavoro e di mantenimento. Abbiamo continuato a pagare noi, a basso costo, per secoli i “neri”, non aiutandoli mai a cercare una loro autonomia. Ora ci lamentiamo se i “preti neri” cercano i “preti bianchi” solo perché portano soldi. Abbiamo scavato un bel fosso con le nostre mani cadendoci poi dentro noi e tutta l’Africa, ed ora ci lamentiamo, incolpando i neri, perché ci troviamo in un cul de sac! Quando manca l’amore e la relazione vera, i risultati non possono che essere questi.

Mi viene da chiedermi quante persone, preti compresi, sono addetti alla burocrazia interna alla chiesa; quanto sono addetti all’economia con metodi che sono gli stessi di qualsiasi economista laico; quanti preti non hanno tempo di pregare e di prendere in mano la Parola di Dio perché affaccendati non nella carità ma nel ristrutturare chiese/musei? Troppe sono le chiese dove per entrare a pregare bisogna pagare. Non siamo chiamati a questo: i musei non toccano alla comunità cristiana. La cultura non è cosa nostra, non perché non dica nulla l’arte o non sia importante, ma quando noi trascuriamo il servizio della Parola perché troppo presi da tutte queste beghe, non possiamo lamentarci che vi siano pochi preti. Dobbiamo invece lamentarci del fatto che vi sono troppi preti che non fanno i preti, troppi cristiani che non fanno i cristiani. Guide cieche che conducono altri ciechi in un fosso. Questo avviene quando manca relazione con Dio Parola e col fratello che incontro ogni giorno.

Anche questo è un modo stolto di trattare la Parola: anziché vivere la condivisione, viviamo il congedo dell’altro perché non è bravo e perché non porta nulla alla comunità. Lo scopo della vita religiosa non è salvaguardare la propria congregazione, non è dare speranza che una congregazione possa sopravvivere e continuare, ma il dare speranza al mondo. Allora la vita religiosa e il cristianesimo con lei, acquistano senso e significato, allora la vita religiosa non avrà necessità di andare in prestito da altri per ritrovare un senso al proprio esistere. Lo avrà perché sarà guidata dalla continua ricerca di una relazione cristiana e sarà a servizio anziché farsi servire.

Non serve opporsi all’ipocrisia, all’arroganza, alla strafottenza dei potenti, non serve. Sarà la loro stessa cecità che, ponendosi orgogliosamente alla guida di altri ciechi come loro, li guiderà immancabilmente a cadere e affogare nel fosso dell’oscurità e della miseria.

Spoladore

Uno che fa consistere tutta la sua religiosità in tante norme e osservandole si sente a posto, è guida cieca di altri ciechi, perché il problema del male è aprire gli occhi sul cuore, sulle proprie intenzioni, sulla propria Parola interiore.

Fausti

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

16 Giugno 2024 Marco 4, 26-34

Esseri umani, piante o polvere cosmica: tutti danziamo su una melodia misteriosa intonata nello spazio da un musicista invisibile.

Albert Einstein

Non accelerare, non forzare la primavera, non snaturare la vita: rischi di perderne il colore ed il sapore, il colore dei fiori sbocciati, il sapore del grano maturo. Se solo saprai guardare, quel granello di senape, preso anche come misura della tua fede, diventerà albero rigoglioso e forte, riparo e ombra, luogo dal quale si potranno sentire gli uccelli cantare, le cose cantare, cantare la vita.

L. Verdi

15 Giugno 2024 Matteo 5, 33-37

Nell’epoca della post-verità nella quale viviamo, le parole sono fluide, scivolose, spesso lanciate invece che offerte, e non ci trasmettono la verità, ma pensieri confusi, smarriti, ambigui, forse perché nascono dalla paura di entrare dentro di noi e nel silenzio trovarne il succo.

L. Vitali

Dire la verità significa essere verità. Essere verità è essere quello che siamo e non quello che dovremmo essere. Dire la verità ci espone agli altri, per questo è importante che noi siamo innanzitutto verità e che noi ci esponiamo agli altri per quello che siamo e non per quello che non siamo.

PG

14 Giugno 2024 Matteo 5, 27-32

Non riconoscere il limite che permette all’altro di essere altro significa fare spazio a quell’animalità interiore che tutto brama e di tutto desidera impossessarsi.

Luciano Locatelli

L’altro non va oggettivizzato, ma va guardato, scoperto ogni istante nella sua novità, va incontrato attraverso un occhio ancora più sottile rispetto a quello fisico, va guardato col cuore, attraverso un punto da cui è impossibile cosificare sé stessi e il mondo, un punto di non dualità, l’Uno.

E. Avveduto

Share This