3 marzo 2021 Matteo 20, 17-28

Giovanni Nicoli | 3 Marzo 2021

Matteo 20, 17-28

Mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i dodici discepoli e lungo il cammino disse loro: “Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e flagellato e crocifisso, e il terzo giorno risorgerà”.

Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedeo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: “Che cosa vuoi?”. Gli rispose: “Di’ che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno”. Rispose Gesù: “Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?”. Gli dicono: “Lo possiamo”. Ed egli disse loro: “Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato”.

Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: “Voi sapete che i governanti delle nazioni dominano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti”.

Gesù richiama ai discepoli il motivo ultimo del viaggio che stanno compiendo verso Gerusalemme. I discepoli anche questa volta, come d’altronde le altre volte, non comprendono; hanno un loro scopo in testa che non gli permette di comprendere quello che realmente Cristo sta dicendo e va facendo. I discepoli sono sordi a certi discorsi del Signore, non osano porgli domande chiarificatrici al riguardo; sono ciechi che guidano altri ciechi, e non vedendo la loro cecità rimangono tali. Hanno un loro idolo davanti a sé, quello del potere, e continuano a coltivare questo culto dell’immagine chi più apertamente chi più nascostamente.

La madre dei figli di Zebedeo chiede quello che ogni madre chiederebbe per i propri figli: quello che facciano carriera, che riescano nella vita, che siano i più bravi, buoni e belli. Tante volte sembra essere una vocazione quella delle donne di dover andare avanti agli uomini quando c’è qualcosa di spinoso. Se c’è da chiedere qualcosa, se c’è da fare brutta figura, se c’è da discutere su un prezzo, se… l’uomo si defila e manda avanti la donna, la mamma. La donna va, senza timore, è pronta a fare qualsiasi figura purché il figlio o il marito riconoscano questo suo ruolo e l’affetto che lei ha per loro.

Gesù parla di una gloria ben precisa: è la gloria di colui che dà la vita per gli altri; è la gloria di chi è più grande nel servizio; è la gloria del primo della classe nel farsi schiavo. Una gloria simile non è riconosciuta come gloria dai discepoli, è vista come cosa da ingenui da ognuno di noi. La vera gloria che noi riteniamo importante da vivere per la nostra vita è la gloria del potere, del decidere noi sulla vita degli altri, dell’essere uno alla destra e uno alla sinistra del Signore non sapendo che alla destra e alla sinistra della gloria del Signore ci saranno due ladroni. Sì perché la gloria del Signore è la croce, quello è il suo trono regale.

Di fronte a questi discorsi noi siamo ciechi: ed ecco che Gesù, nel brano successivo, per significare questa cecità guarirà i due ciechi di Gerico. Ma la guarigione di cui noi maggiormente abbiamo forse bisogno, è la guarigione dal crederci vedenti, il non riconoscerci ciechi è la peggiore delle cecità. Stiamo sicuri nella nostra fortezza del potere tentando di gonfiarci sempre più come il rospo davanti al bue: voleva diventare come lui per questo è scoppiato. Quanti fratelli in mezzo a noi non ce la fanno più a tirare la carretta del quotidiano in questa società arrivista e omicida. Arrivista perché è una continua corsa contro il tempo per arrivare sempre più in alto, sapendo che pochi arriveranno veramente in alto e non è detto che siano i migliori, anzi, di solito sono solo i più scaltri; senz’altro, il più delle volte, non sono né i più saggi, né i più buoni, né quelli che agiscono per il bene comune della società e anche della chiesa, nella società e nella chiesa. Quanti fallimenti e quante depressioni e delusioni intorno a noi e dentro di noi. Per che cosa? Per un nulla. Aria fritta che non rende migliore la nostra vita, ma la assassina sempre più mettendoci in testa, tra l’altro, che non c’è altra via per vivere. Non è vero. C’è un modo di vivere più modesto, meno appariscente, ma più vero, più umano. Fermiamo la nostra folle corsa verso la morte e guardiamo la gloria che Gesù ci propone. Una gloria che all’apparenza è una morte nel servizio, ma che in realtà è la vera via della vita.

Ciechi come siamo non sappiamo più vedere e credere a ciò che Cristo ci propone e continuamente ci lasciamo invece abbagliare dalle sirene e dalle moine della gloria del mondo.

Capiamo che questo non è innanzitutto un problema di atteggiamenti esterni, quanto invece un problema di atteggiamenti interiori, è un problema di convinzione. Un problema che ci chiede attenzione a come il nostro intimo si muove, a cosa diamo più importanza dentro di noi nel nostro quotidiano, a quanto il nostro correre esterno sia soprattutto dovuto al nostro correre interiore, al non sapere più stare con noi stessi, al volere entrare nelle situazioni sempre e comunque con un senso di onnipotenza.

Finché non riusciamo a toccare l’intimo delle motivazioni per cui agiamo nelle piccole cose di ogni giorno, non riusciremo nemmeno a capire quante controindicazioni implica il nostro modo di agire, che a noi sembra il migliore che ci sia in circolazione. Non facendo questo, non potremo neppure aprire la porta della disponibilità verso il messaggio, la proposta, l’alternativa che Gesù ci dona. Al limite cercheremo di prenderla su di noi, ma come una cosa esterna che non dura, che non porta a nulla.

Qui è in gioco la scelta tra la sostanza e l’apparenza, tra la realtà e una maschera della stessa, tra la gloria e la vana-gloria, tra la gloria che è amare, servire e dare la vita, e la vana-gloria che è possedere, comandare e dare la morte alle persone e alla natura (sembra che un certo potere politico e economico non possa esistere senza la distruzione della persona e del creato, saccheggiando l’animo umano e la natura, seminando morte e distruzione).

Domandiamo la grazia quest’oggi di sapere riconoscere la nostra cecità nelle piccolezze di ogni giorno invocando da Dio la Luce.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

2 Marzo 2024 Luca 15, 1-3.11-32

«Accettare il perdono di Dio è una delle più grandi sfide della vita spirituale. C’è qualcosa in noi che si ag­grappa ai nostri peccati e non lascia che Dio cancelli il nostro passato e ci offra un inizio completamente nuovo».

H. Nouwen

“Dio non guarda a cio’ che siamo stati, guarda a cio’ che siamo”.

Jean-Joseph Lataste

1 Marzo 2024 Matteo 21, 33-46

Siate custodi dei doni di Dio. Quando non ci prendiamo cura del creato e dei nostri fratelli, allora, trova spazio la distruzione, e il cuore inaridisce.

Papa Francesco

Il vero potere è quello del Dio crocifisso:

un potere che vuole l’alterità dell’altro fino a lasciarsi uccidere per offrirgli la risurrezione.

Perciò il potere assoluto s’identifica con l’assoluto del dono di sé, con il sacrificio che comunica la vita agli uomini e fonda la loro libertà.

Olivier Clément

29 Febbraio 2024 Luca 16, 19-31

Finché una civiltà è costruita in modo tale che ogni cinque secondi un essere umano muore di fame, quella civiltà ha un cuore sbagliato, ha politiche sbagliate, scuole sbagliate, religioni sbagliate, culture sbagliate perché sono in modo evidente e indiscutibile contro l’uomo stesso. La nostra non è una civiltà ma un inferno, un massacro alla luce del sole e tutti, tutti noi, dovremo renderne conto amaramente.
P. Spoladore

Share This