22 gennaio 2023 Matteo 4, 12-23

Giovanni Nicoli | 21 Gennaio 2023

Matteo 4, 12-23

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafarnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:

«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.
Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

È interessante cogliere come Gesù l’illuminato chiama e chiamando illumina. Il Padre chiama dal nulla soffiando lo Spirito e con la Parola crea l’universo. Chiama alla vita Gesù, l’illuminato, che dopo aver visto dà la vita, dà la luce.

Gesù cammina, non sta fermo, va verso la casa del Padre e passa sulle strade degli uomini. Cammina sui sentieri di questo mondo seguendo un percorso particolare e perseguendo una meta particolare: la casa del Padre.

Gesù camminando, lui che è l’illuminato, luce che viene nel mondo: vede. Vede una scena quotidiana, due fratelli che gettano le reti per pescare: assai usuale lungo il lago di Galilea in quei giorni. Cammina sulle strade di questo mondo, vede cose quotidiane scorgendo tutt’altro rispetto a quello che scorgeremmo noi. Vede due (Pietro e Andrea) sulle strade di questo mondo che possono camminare dietro a lui seguendo il percorso che porta alla casa del Padre, divenendo come lui pescatori di uomini: lui pesca loro per primi.

Vede e chiama: seguitemi! Venitemi dietro! Gesù chiama due pescatori che subito lasciano e seguono. Gesù non chiama degli sfaccendati, chiama due già affaccendati. Gesù passa oggi in mezzo a noi, sulle strade del nostro quotidiano, vede e vede oltre, vede quello che noi possiamo essere: pescatori di uomini, e ci chiama. Ci chiama ai nostri posti di lavoro, ci chiama nelle nostre case, ci chiama sulle nostre strade: ci chiama e ci ama; vede e ci illumina.

Troppo spesso noi ci perdiamo nelle strade di questo mondo, strade che non siamo chiamati ad abbandonare, ma a riconoscere: chiamati ad individuare un percorso su queste strade. È il percorso che ci porta al Padre divenendo pescatori di uomini.

Subito lo seguirono: non c’è spazio per rimandare la sequela, o la fai subito o non la fai più. Qui oggi il Signore ci chiama, o rispondiamo subito, comunitariamente e personalmente, oppure l’occasione sarà già persa: ogni lasciata è persa.

Ma non capisco, non sento, non vedo, diciamo e pensiamo: facciamo come le tre scimmiette. Non è vero che non capisci, non senti e non vedi. Tu ogni giorno vedi, senti e capisci qualcosa: solo vivendo quel qualcosa puoi comprendere di più e vivere di nuovo e di più. Certo per fare questo dobbiamo essere attenti, non possiamo essere distratti e, soprattutto, dobbiamo seguire la strada giusta, che è quella seguita da Gesù.

Metti in pratica ciò che hai capito, e capirai il resto.

Seguirlo significa “lasciare”, lasciare le reti, il padre, la barca. Gesù non ci chiama quando non abbiamo nulla da fare o non abbiamo niente fra le mani: quando il mondo non mi vuol più mi rivolgo al buon Gesù, si dice a volte. Ma questo nostro pensare non funziona. Gesù ci chiama al nostro posto di lavoro, nelle nostre case e sulle nostre strade: lì possiamo rispondere. Lì possiamo subito manifestare la nostra disponibilità a lasciare le nostre sicurezze.

Sul lavoro, in famiglia e per strada noi assumiamo dei comportamenti che ci mettono al riparo dalle fregature, dai fraintendimenti, dal perdere tempo e carriera: sono le nostre reti. Lasciare queste sicurezze per seguire Gesù, per essere pescatori di uomini, per camminare verso il Padre, significa ricercare un’altra sicurezza che è il seguire le orme di Cristo. Significa basare la nostra esistenza e la nostra vita solo su Gesù che cammina innanzi a noi. Non mi fido più delle mie strategie (reti), ma mi fido di quello che Gesù mi dice e mi fa comprendere ogni giorno. Ogni giorno sulla mia strada posso trovare un mattone per continuare a costruire il Regno: chiediamo al Signore di poterlo vedere e di saperlo utilizzare.

Questo mi porta ad instaurare, non una pratica, ma una relazione personale con Cristo. In questa relazione scopriamo Gesù che ci chiama dal deserto delle nostre sicurezze e paure, alla libertà dell’essere figli e fratelli. Siamo chiamati ad uscire dal caos del nostro quotidiano per entrare nella luce. Facendo le stesse cose magari, pur facendole in modo diverso. Oppure facendone altre, ma sempre e comunque come concretizzazione di una sequela.

Pescati da lui capiremo veramente la chiamata quando accetteremo di essere inviati per pescare a nostra volta. Il Regno donato diventa accolto, diventa qualcosa di mio, di nostro. Gesù cammina, vede, chiama dei pescatori per un’altra pesca, e questi lasciano le reti, barca e padre, e seguono lui.

Essere pescati per diventare pescatori significa cambiare la nostra natura: i pesci vivono nell’acqua e muoiono fuori di essa. Essere pescati significa abbandonare l’habitat naturale per riceverne uno soprannaturale. Abbiamo paura di questo passaggio. Noi siamo abituati a vivere nell’acqua delle nostre convenzioni sociali, ad accettare di essere dei diversi che vivono all’aria, non è una cosa facile, ma è la cosa più vera che ci possa capitare. È la cosa che il Signore ci invita a fare chiamandoci a diventare pescatori. Gente che chiama i fratelli ad uscire dalle acque stagnanti della vita per entrare nell’acqua viva che è il Cristo. Convertirci, cioè innamorarci di lui e delle orme che lui lascia dietro a sé, perché noi possiamo andare a metterci dentro i nostri piedi. Questo è l’augurio che vogliamo donarci.

           

Ricevettero da lui le reti della parola di Dio e le gettarono nel mondo, come in un mare profondo. Sant’Agostino

Nella conversione movimento e Presenza, passione e quiete, fare e essere coincidono. La conversione non è uno sforzo mentale, un pio proposito ma è l’emanazione di una fragranza della primavera del cuore, una fragranza che ci ‘costringe’ ad abitare il qui e ora in pienezza, ci seduce, ci porta con sé verso l’ignoto presente nell’ordinario. Avveduto

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

16 Giugno 2024 Marco 4, 26-34

Esseri umani, piante o polvere cosmica: tutti danziamo su una melodia misteriosa intonata nello spazio da un musicista invisibile.

Albert Einstein

Non accelerare, non forzare la primavera, non snaturare la vita: rischi di perderne il colore ed il sapore, il colore dei fiori sbocciati, il sapore del grano maturo. Se solo saprai guardare, quel granello di senape, preso anche come misura della tua fede, diventerà albero rigoglioso e forte, riparo e ombra, luogo dal quale si potranno sentire gli uccelli cantare, le cose cantare, cantare la vita.

L. Verdi

15 Giugno 2024 Matteo 5, 33-37

Nell’epoca della post-verità nella quale viviamo, le parole sono fluide, scivolose, spesso lanciate invece che offerte, e non ci trasmettono la verità, ma pensieri confusi, smarriti, ambigui, forse perché nascono dalla paura di entrare dentro di noi e nel silenzio trovarne il succo.

L. Vitali

Dire la verità significa essere verità. Essere verità è essere quello che siamo e non quello che dovremmo essere. Dire la verità ci espone agli altri, per questo è importante che noi siamo innanzitutto verità e che noi ci esponiamo agli altri per quello che siamo e non per quello che non siamo.

PG

14 Giugno 2024 Matteo 5, 27-32

Non riconoscere il limite che permette all’altro di essere altro significa fare spazio a quell’animalità interiore che tutto brama e di tutto desidera impossessarsi.

Luciano Locatelli

L’altro non va oggettivizzato, ma va guardato, scoperto ogni istante nella sua novità, va incontrato attraverso un occhio ancora più sottile rispetto a quello fisico, va guardato col cuore, attraverso un punto da cui è impossibile cosificare sé stessi e il mondo, un punto di non dualità, l’Uno.

E. Avveduto

Share This