9 giugno 2021 Matteo 5, 17-19

Giovanni Nicoli | 9 Giugno 2021

Mattero 5, 17-19

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento.

In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto.

Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli».

La Legge, fondamentalmente, propone il bene e condanna il male. I profeti richiamano l’importanza della sua osservanza.

Sappiamo bene quale è il compimento della Legge: il dono della propria vita per gli altri. Non c’è altro senso al nostro esistere. Eppure sappiamo bene quanto poco attrezzati siamo nel compiere la Legge. Quanto facilmente chiamiamo bene ciò che è male o che è bene apparente. Quanto sia facile, lo sappiamo bene, giustificare il male perché come si fa a non rispondere al male col male?

Quanto siamo bravi, piuttosto che accogliere l’invito al perdono, a ribadire la necessità di farla pagare perché non si può farla passare liscia, sia ai criminali come al mio prossimo che sbaglia con me: non c’è differenza tra corruzione ed errore e preferiamo condannare il peccatore giustificando il peccato.

Il compimento della Legge è il rovesciamento di tutto ciò: è condanna del peccato, non del peccatore; è perdono disponibili a rimetterci fino alla morte vissuta col perdono sulle labbra per coloro che ci uccidono, perché sprofondati nella loro ignoranza.

L’ignoranza, che è nostra, è questa: non credere che il male lo si vinca con il bene; l’essere convinti che più accumuliamo male e più possiamo sconfiggere il male. Sprofondati nella nostra saccenteria non abbiamo altra via di scampo che l’autodistruzione.

La Legge è impossibile compierla: non ce la faremo mai. Eppure Gesù è venuto a portarla a compimento e il più grande compimento è quello di mostrarci la via della possibilità del compiere la Legge osservandola e insegnandola.

 Non è più tempo dell’impossibilità di osservare la Legge, è tempo della compiutezza perché viviamo ormai nel kairòs, nel tempo compiuto nel quale la Legge è stata portata a compimento.

Gesù è il primo che compie ogni giustizia, per questo il Padre dice di ascoltarlo. Lui, Verbo fatto carne, dona corpo alla Legge e ai Profeti: senza di Lui restano lettera morta, promessa inevasa, bei testi di sapienza che diventano condanna e non salvezza, indicatori della via incapaci a donare un minimo di motivazione e di cuore perché quanto dicono possa essere vissuto.

Il compimento del perdono e dell’accoglienza ad oltranza dell’altro sono ciò che Gesù ha vissuto ed è venuto a donarci.

Gesù compie la volontà del Padre amando i fratelli. L’amore non trascura neppure il minimo dettaglio che per noi sarebbe cosa trascurabile. Un amore che manifesta tutta la sua grandezza nel compimento, vale a dire nelle attenzioni pur minime che a noi sembrano secondarie e banali.

Solo chi ama può vedere le norme come possibili, semplicemente perché le norme stesse sono trascese e viste e lette e vissute da un punto di vista più alto e più significativo. Il compimento sta nel far sì che le norme spariscano nel mare dell’amore.

Non è vero che le norme non abbiano più senso, è vero che hanno senso solo alla luce della croce del dono di sé nel quale mare scompaiono, si sciolgono come una bambola di sale divenendo mare salato. Viste in sé possono avere senso ma servono solo a divenire condanna e giudizio, viste nel mare dell’amore di Dio acquistano la loro vera dimensione e ritrovano il loro vero significato che non è più di condanna dell’uomo ma evidenziazione della grandezza misericordiosa del Padre.

Chi non ama non può che cogliere le norme come impossibilità a viverle o come occasione di trasgressione. Chi ama compie liberamente tutto ma non in forza della Legge, che forza non ha, ma grazie all’amore donatoci dal Padre nel Cristo incarnato soffiato in noi dallo Spirito Santo d’amore.

In fondo possiamo cogliere come la legge di per sé è solo fonte di morte e di peccato. Cogliendo che la legge proibisce e vieta, possiamo comprendere come il Signore dona.

Se la legge indica la direzione il Signore cammina in quella direzione.

È importante sapere da che parte cominciare la salita del monte ma è altrettanto importante avere la forza, il desiderio e il coraggio per salire quel monte.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

2 Marzo 2024 Luca 15, 1-3.11-32

«Accettare il perdono di Dio è una delle più grandi sfide della vita spirituale. C’è qualcosa in noi che si ag­grappa ai nostri peccati e non lascia che Dio cancelli il nostro passato e ci offra un inizio completamente nuovo».

H. Nouwen

“Dio non guarda a cio’ che siamo stati, guarda a cio’ che siamo”.

Jean-Joseph Lataste

1 Marzo 2024 Matteo 21, 33-46

Siate custodi dei doni di Dio. Quando non ci prendiamo cura del creato e dei nostri fratelli, allora, trova spazio la distruzione, e il cuore inaridisce.

Papa Francesco

Il vero potere è quello del Dio crocifisso:

un potere che vuole l’alterità dell’altro fino a lasciarsi uccidere per offrirgli la risurrezione.

Perciò il potere assoluto s’identifica con l’assoluto del dono di sé, con il sacrificio che comunica la vita agli uomini e fonda la loro libertà.

Olivier Clément

29 Febbraio 2024 Luca 16, 19-31

Finché una civiltà è costruita in modo tale che ogni cinque secondi un essere umano muore di fame, quella civiltà ha un cuore sbagliato, ha politiche sbagliate, scuole sbagliate, religioni sbagliate, culture sbagliate perché sono in modo evidente e indiscutibile contro l’uomo stesso. La nostra non è una civiltà ma un inferno, un massacro alla luce del sole e tutti, tutti noi, dovremo renderne conto amaramente.
P. Spoladore

Share This