5 Luglio 2024 Matteo 9, 9-13

Giovanni Nicoli | 5 Luglio 2024

Matteo 9, 9-13

In quel tempo, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.

Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?».
Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori».

… E passarono all’altra riva. E il cammino ridiventa centrale. Non una casa di pietra ma una tenda, accoglie l’arca dell’alleanza. Niente sfarzi paralizzanti. Niente ricchezze da servire. Niente banchi delle imposte a cui inchiodare la propria vita.

Coloro che maggiormente sono inchiodati e paralizzati sono ancora una volta i farisei, cioè noi! Siamo noi che pensiamo di esistere giudicando gli altri. Siamo noi che crediamo ancora, sempre più schiavi di un pensiero che ha distrutto mezzo mondo rendendolo schiavo della propria cupidigia, che ciò che importa è il merito. Quel merito mio, naturalmente va da sé, che è sempre più grande di quello dell’altro. Quel merito che uccide l’amore e le relazioni. Quel merito che mi chiude nella mia solitudine e mi permette di mettermi in relazione con l’altro solo per disprezzarlo. L’amore non si merita, l’amore solo si dà e si riceve. Se è meritato non è più amore, è meretricio.

Dobbiamo passare dal giudizio sull’altro all’amore dell’altro. Dobbiamo passare dall’attenzione meritata al meritarsi nientemeno che il medico. E ce lo meritiamo solo grazie al nostro peccato e alla nostra malattia. Se non siamo malati, se non sappiamo riconoscere il nostro essere peccatori, noi non ci meritiamo la gratuità del Medico.

Io sono felice perché compio qualcosa di bello e di grande, ma se questo diventa un merito, che naturalmente si paga e qualcuno paga, non è più qualcosa di bello e di grande: inaridisce il mio cuore anziché arricchirlo. Inaridisce il mio cuore, mi allontana dal fratello e rimango solo!

Dobbiamo passare all’altra riva non perché diventiamo bravi e senza malvagità e peccato – è sempre una pia illusione il pensare di potere eliminare il male dalla nostra esistenza – ma perché io peccatore ascolto Colui che mi chiama a seguirlo, a essere come Lui e con Lui da peccatore.

“Gesù vide un uomo”: lo sguardo di Gesù è un fascio di luce che alza, che sbalza Matteo di sorpresa, sollevandolo dal tavolo dove sta contando i soldi. Come ci presenta il Caravaggio nella immagine sottostante.

Nel brano precedente c’era il paralitico nel suo letto, ora incontriamo un uomo seduto al suo banco a contare soldi – paralisi sempre più diffusa nel nostro mondo che è sempre più convinto che la vita dipenda da ciò! È un esattore delle tasse, lavoro che fa per gli occupanti romani. Lavoro odiato perché nessuno paga volentieri le tasse tanto meno ad un collaboratore dell’occupante straniero.

Gesù lo vide e gli parlò. In principio il Creatore disse la Parola e guardò che quanto aveva fatto era cosa buona: è il principio della creazione: parola e sguardo, intelligenza e amore. Ora ritroviamo Gesù che guarda e parla, sguardo e parola: amore e intelligenza sono il principio della ricreazione nella quale Dio si diletta e per la quale Dio invita a dilettarsi anche gli uomini.

Seguire Gesù è il senso della vita nuova, significa essere figli.  Se Matteo avesse guardato solo a se stesso, avrebbe solo potuto dire: non sono degno. Cosa che gli scribi evidenziano molto bene. È il gioco continuo del figlio minore che dice di non essere degno di essere figlio ma chiede di essere servo, e del figlio maggiore che ben evidenzia lo status del figlio minore davanti al Padre. Un Padre che pensa solo ad essere Padre per i propri figli: non gli interessa altro.

Matteo se avesse guardato solo a sé non si sarebbe alzato, avrebbe dato del pazzo a chi lo invitava ad alzarsi.  Ma guardando Gesù si alzò e prese la postura del risorto. Rispondere alla parola/chiamata di Gesù e al suo sguardo significa accogliere l’invito a passare dalla morte alla vita, miracolo definitivo che ci restituisce alla dignità di figli, non più servi.

Ed è interessante vedere come si concretizza la sequela di Matteo: invitando Gesù a casa sua! Gesù che noi invitiamo nella nostra casa, nella nostra vita, nella nostra persona, nel nostro cuore è il simbolo più alto della nostra sequela. Niente moralismi, solo un atto di relazione e di amore familiare: vieni a casa mia!

 
 

Alla scuola della misericordia apprendiamo che viene spezzata quella logica secondo la quale avere a che fare con un peccatore significa contrarre impurità. E invece, a questa scuola, accade l’inverso: cioè si diventa puri non attraverso chissà quali pratiche ma stando a contatto con il puro per eccellenza che è Gesù.

Savone

Gesù cerca il peccatore che è in me. Non per assolvere un lungo elenco di peccati, è poca cosa, ma per impadronirsi della mia debolezza profonda. E lì incarnarsi. Beata debolezza!

Ronchi

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

21 Luglio 2024 Marco 6, 30-34

Ogni tanto bisogna staccare e ritrovarsi nel silenzio del cuore, a casa, lì dove Dio ti aspetta per darti ristoro, per consolarti, per ri-dirti chi sei e qual è il senso di ciò che stai facendo. E quando si fa ritorno al cuore, lì si ritrova anche la compassione di cui abbiamo bisogno: la compassione di Dio. Noi abbiamo bisogno di questa compassione, abbiamo bisogno di guardarci con i suoi occhi perché solo così possiamo accettarci e sentirci amati, pur nella consapevolezza dei nostri limiti.

F. Rubini

Il riposo è il tempo in cui ami le cose e le persone prima di incontrarle….Tempo in cui ti prendi cura di quella cura con cui affronterai le mille sfide della vita….Tempo in cui ti prepari a ricevere tutto ciò che incontrerai come un dono da custodire e da restituire….Tempo libero in cui liberi la tua libertà da ogni forma di necessità….

M. Illiceto

20 Luglio 2024 Matteo 12, 14-21

L’amore è amore indipendentemente dalla realtà che incontra, indipendentemente dalle persone che incontra. L’amore rifiutato e condannato a morte si allontana da chi la morte vuole donare per potere continuare ad amare guarendo e annunciando la Buona Novella con mitezza e umiltà di cuore.

PG

La mitezza è quella forza che rinuncia a qualsiasi forma di manipolazione, pur di lasciar fiorire il mistero delle nostre relazioni anche quando restano prive di «giustizia».

Roberto Pasolini

19 Luglio 2024 Matteo 12, 1-8

Uno dei passi fondamentali per dare seguito alla fede cristiana, in modo che diventi vita vera, è quello di scegliere la logica della misericordia invece di perpetuare la logica sacrale-primitiva del sacrificio. Eppure pochi credenti se ne rendono conto. Moltissimi preferiscono mettere in scena il cristianesimo come religione sacrificale piuttosto che viverlo come seme di umanità nuova.

Roberto Mancini

Share This