30 maggio 2022 Giovanni 16, 29-33

Giovanni Nicoli | 30 Maggio 2022

Giovanni 16, 29-33

In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio».

Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me.
Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

L’illusione di essere dei credenti, è sempre accovacciata alla porta della nostra mente e del nostro cuore. Quando questa illusione ci convince della sua verità noi diveniamo dei farisei che tendono a dimostrare e a mostrare di essere dei credenti, quando invece non lo sono.

Noi ci illudiamo di essere dei credenti quando compiamo certe azioni come, ad esempio, quella di andare a messa. Non ci facciamo caso al fatto che il resto delle nostre giornate non hanno nulla a che fare con la nostra fede; non siamo interessati al fatto che mentre siamo a messa non ascoltiamo la parola e non mangiamo il corpo di Cristo.

Noi ci illudiamo ancora di essere dei credenti quando facciamo degli atti di carità meritori. Mentre li facciamo magari giudichiamo il prossimo come un fannullone o un buono a nulla e non incontriamo l’altro come un fratello di cui io non posso farne a meno, un fratello che mi arricchisce con la sua presenza. Questo lo faccio pesare, questo mi pesa.

Noi compiamo dei gesti che riteniamo essere dei gesti da credenti e crediamo che Gesù sia il Cristo, Lui che sa tutto e che, per questo, viene da Dio. Ma il nostro cuore è lontano, il nostro cuore non si lascia toccare dal mistero della croce da cui l’innocente e il reo salgono uniti al trionfo. Così non ci lasciamo neppure sfiorare dallo Spirito di carità che ci porta alla verità tutta intera. Perché quella verità, che è sapienza di Dio, ci provocherebbe ad una esistenza più vera e più convincente, una esistenza con meno fronzoli e con una impronta data dalla sapienza del vangelo che poco spazio troverebbe nel nostro mondo.

Diciamo di credere ma, subito dopo aver detto questo, come subito dopo avere compiuto una azione da credenti, noi ce ne andiamo. E ci disperdiamo. E, di fronte al Golgota, lasciamo solo il Signore Gesù. Lui che ci insegna ciò che ha udito dal Padre donando la sua vita sulla croce, noi lo lasciamo solo. Lui che non fa chiacchiere ma fatti di vitale importanza, noi lo lasciamo solo. Lui che ci dona lo Spirito Santo perché possiamo comprendere e amare quanto Lui ci dice e quanto Lui fa, noi lo lasciamo solo.

La nostra fede a volte superficiale e a volte no, a volte vitale e a volte no, non è un dato di fatto e un dato acquisito una volta per tutte. La nostra fede che è fondamentalmente rapporto con il Cristo, è qualcosa di vitale e come tale in movimento. Non potrà mai essere un dato acquisito. È invece un dato in movimento che cresce o che cala, che alle volte alimentiamo e alle volte no. La fede è un rapporto di amore aperto al dono di Dio. È qualcosa che cresce in noi e che cresce con noi. E alle volte la smarriamo, è naturale. Ma questo non può essere motivo di scandalo, per lo meno non lo è per Gesù.

Ci dice che noi lo abbandoneremo. Al contempo ci dice che Lui non è solo perché è con il Padre nello Spirito. Al contempo anziché prendersela per quanto sa già che avverrà – cioè che noi lo abbandoneremo – ci avverte che ci dice queste cose perché possiamo avere pace e avere pace in Lui.

Ci invita ad avere coraggio. Ci dice che lo scandalizzarci per la nostra e altrui poca fede, non è un atteggiamento sano, non è un atteggiamento da cristiani. Perché la pace della nostra esistenza non dipende dal nostro credere o dalla nostra bravura nel credere. La pace della nostra esistenza dipenda da Dio, dipende dal nostro essere innestati come tralci alla vite che è Gesù Cristo.

Mentre noi ce ne andiamo, mentre noi lo lasciamo solo, Lui ci dona la pace. Lui che ha vinto il mondo donando la sua vita per noi ci invita a non temere, a non scoraggiarci, a rimanere in Lui con il Padre avvolti dall’abbraccio amorevole dello Spirito santo.

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

21 Febbraio 2024 Luca 11, 29-32

Chi ha bisogno di segni per credere ha gli occhi chiusi su se stesso e sul mistero contenuto nella propria interiorità.

E. Avveduto

Non occorrono altri segni al di là di quelli che la vita ci mette sul cammino. Occorre piuttosto la capacità di leggere la vita a partire dal segno permanente che per noi resta Gesù Cristo, il suo mistero di morte e di risurrezione.

A. Savone

20 Febbraio 2024 Matteo 6, 7-15

Il cuore della preghiera, di ogni preghiera, di ogni legame d’amore è il perdono, perdono da ricevere da Dio nell’istante preciso in cui anche noi lo offriamo ai nostri fratelli. La vera preghiera d’amore è questa, il resto rischia di essere un’inutile, irrispettosa, melmosa ripetizione di parole che non cambia la vita e non scalda il cuore.P. Spoladore

La preghiera attraversa il corpo. È il respiro, il grido, l’interrogativo, la supplica, il gesto senza parole, il tempo del dilemma, il ritardo, l’imprevisto, le mani piene, le mani vuote.
J. Tolentino Mendonça

19 Febbraio 2024 Matteo 25, 31-46 Copia

Cristo ringrazia coloro che non sapevano chi sfamavano…

espressioni come: amare il prossimo in Dio, per amore di Dio, sono ingannevoli ed equivoche.

All’uomo, tutto il suo potere di attenzione è appena sufficiente per essere capace semplicemente

di guardare quel mucchio di carne inerte e nuda al bordo della strada.

Non è quello il momento di rivolgere il pensiero a Dio.

Ci sono momenti in cui bisogna pensare a Dio dimenticando tutte le creature senza eccezione,

come ce ne sono altri in cui guardando le creature non bisogna pensare esplicitamente al creatore.

Simone Weil

Share This