25 Novembre 2023 Luca 20, 27-40

Giovanni Nicoli | 25 Novembre 2023

Luca 20, 27-40

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducei – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: “Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello”. C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie».

Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: “Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe”. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui».

Dissero allora alcuni scribi: «Maestro, hai parlato bene». E non osavano più rivolgergli alcuna domanda.

Ciò che distingue un cristiano dagli altri uomini non è una morale eroica, ma la certezza di essere unito a Cristo e di essere destinato a passare dalla morte alla vita, come lui vi è passato. I sadducei, erano contrari alla risurrezione, affermavano che non esisteva e tentavano, attraverso il brano di quest’oggi, di ridicolizzarla. I sadducei appartenevano all’aristocrazia sacerdotale, il sommo sacerdote era sempre un sadduceo, ed erano una classe di ricchi possidenti. Erano gente con in piedi per terra, che negavano ogni fantasia sull’al di là. Erano gente concreta, che non correva dietro a sogni, Erano gente tradizionalista, legata al potere romano.

Questa gente, è simbolo di gran parte di noi oggi: su di loro la risurrezione, elemento essenziale del nostro credere, non faceva presa; su di noi la risurrezione, non ha incidenza pratica sul nostro modo di vivere. Se ne avesse non saremmo così impegnati a competere a tutti i costi, su tutto e su tutti, ma vivremmo una vita di ringraziamento godendo dei doni di cui Dio riempie la nostra vita. Ci verrebbe più spontaneo il dono piuttosto che l’accumulo, la condivisione piuttosto che la separazione della proprietà privata. Questo atteggiamento si manifesta anche nella storiella che hanno inventato ad hoc per deridere chi crede nella risurrezione.

Mi fermo su un particolare: la donna! Per come ne parlano, la donna era oggetto di possesso del marito, acquistata con regolare contratto dietro scambio di beni. La donna era un oggetto che ci si passava di fratello in fratello, per ottenere una discendenza.

Dietro questo atteggiamento troviamo l’atteggiamento del ricco possidente sadduceo: il prendere e l’accumulare, in vista del godere, che non verrà mai perché non ne avremo più tempo, come simbolo di potere, l’unica cosa che ha valore in questa vita. Potere religioso (sacerdoti), potere economico (ricchi possidenti), potere politico (alleanza coi romani).

Noi vediamo che il “prendere” non genera vita, ma morte sterile. La fecondità viene dal dare. Il possesso e il dono esprimono rispettivamente egoismo e amore, e stanno tra loro come morte e vita.

Il nostro mondo attuale è sotto il segno del prendere e del morire. Lo sposarsi e il generare sono solo una protesta impotente contro la morte: più vivi si generano, più crescono i mortali. La donna viene usata solo per questo scopo, per il resto è un pacco postale. La conclusione è sotto i nostri occhi: morte e sterilità!

Il futuro, è sotto il segno del dono e della vita: non ci si sposa più perché non si può più morire. La grossolanità con cui a volte pensiamo alla vita futura come una semplice proiezione dell’oggi, non fa giustizia al dono di Dio. La vita futura non è una presa in giro: per cui recuperiamo quello che abbiamo perso e lo recuperiamo per sempre. Alcuni rabbini pensavano che la donna nella risurrezione, siccome la cosa più bella che poteva fare era generare, avrebbe messo al mondo un figlio al giorno. Fantasia bacata che pensa che nella ripetizione ossessiva di certi gesti che ci danno piacere, noi possiamo trovare felicità. Questo è un atteggiamento tipicamente da drogato o da avvinazzato.

Il matrimonio dà la vita a chi poi muore. La risurrezione invece dà a chi è morto una vita nuova, ormai libera dalla morte e dalla generazione. Il matrimonio cristiano non è conservazione della specie, ma testimonianza dell’amore e della fecondità di Dio. È segno transitorio di quello che sarà per sempre.

Dunque la risurrezione non è un morire per ritornare alla vita precedente: sarebbe una presa in giro. Non è una continuazione migliorata di questa vita.

Sarà vita nuova in Dio e nel suo amore. Come sarà? Nessuno lo sa!

Allora vivrò con i viventi che nel segno della fede mi hanno preceduto nel giorno chiaro della vita, dove nulla più resta da fare, perché quel giorno sei tu, pienezza di ogni realtà, Dio dei viventi.   

Karl Rahner

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

28 Maggio 2024 Marco 10, 28-31

“Lasciar andare ci dà la libertà, e la libertà è l’unica condizione per la felicità. Se, nel nostro cuore, ci aggrappiamo ancora a qualsiasi cosa – rabbia, ansia o proprietà – non possiamo essere liberi.”

Thich Nhat Hanh

27 Maggio 2024 Marco 10, 17-27

Non esiste per me un livello più alto della parola “dono”: dà vita a vita.

Erri De Luca

La felicità è possibile solo a chi è libero. Fintanto che continueremo a cercare rassicurazioni non capiremo mai la vertigine della felicità.

L. M. Epicoco

26 Maggio 2024 Matteo 28, 16-20

“Dio non è presente a sé che nel modo di essere presente all’altro. Il suo rapporto a sé è la sua relazione all’altro. Egli non ha presa su di sé che nella e per la comunicazione che fa di sé all’altro”.

François Varillon

L’amore di Dio è un amore eccedente, è l’amore che si dona: l’amore tra il Padre e il Figlio è un amore che eccede e si dona nello Spirito che abita ogni creatura. L’amore trinitario è allora il modello di ogni amore vero e pieno. Dio vuole abitare in noi per renderci capaci di amare allo stesso modo dopo averne fatto esperienza.

G. Piccolo

Share This