18 agosto 2022 Matteo 22, 1-14

Giovanni Nicoli | 18 Agosto 2022

Matteo 22, 1-14

In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse:
«Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire.

Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: “Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città.

Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali.
Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”.
Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».

“Non chi dice Signore, Signore, entrerà nel regno di Dio, ma chi fa la volontà del Padre”, e la volontà del Padre è che noi accogliamo l’invito alle nozze.

Dio Padre ha imbandito un banchetto di nozze, mandando il suo Figlio Gesù, che incarnandosi, ha reso possibile questo banchetto di nozze. È Lui l’Agnello immolato che toglie il peccato del mondo, che abbatte il muro di separazione che era frammezzo, fra noi e Dio, e rende aperti i canali di comunicazione.

A questo banchetto di nozze Dio Padre invita innanzitutto gli ebrei: ma non volevano venire. Hanno espresso questo loro non volere venire facendo sì che l’Agnello di Dio fosse immolato per la nostra salvezza. Quello stesso Agnello che dall’alto della croce li scusa chiedendo al Padre che li possa perdonare, perché non sanno quello che fanno. Non sanno che uccidono il Figlio di Dio, ma ancor meno sanno che questa uccisione non è per la morte, ma per la risurrezione, per la salvezza.

A questo banchetto, grazie all’Agnello di Dio, l’agnello grasso che il Padre uccide per festeggiare il ritorno del figlio che se ne era andato lontano, e che ritorna affamato, invita i cristiani. Ma anche loro sembrano troppo spesso in ben altre faccende affaccendati. Non hanno tempo, rifiutano l’invito, se ne vanno dietro ai loro affari. Non accolgono la chiamata ad essere figli.

A questo banchetto Dio invita i mussulmani: ma sembrano troppo preoccupati di fare guerre sante ad ogni piè sospinto e non hanno tempo per accogliere l’invito alla festa.

Allora il grido si innalza oggi, come si è innalzato duemila anni fa: venite alla festa! L’invito è esteso a tutti gli uomini: ebrei o cristiani, mussulmani o pagani che siano. Tutti sono invitati alla festa. Soprattutto i meno degni, buoni o cattivi, poco importa: tutti siamo invitati alla festa.

Siamo chiamati a rispondere a questa chiamata col nostro sì. Un sì dettato dal cuore più che dalle labbra. Sappiamo infatti che non chi dice Signore, Signore entrerà alla festa. Sappiamo che non perché abbiamo banchettato con Lui, abbiamo parlato con Lui nelle piazze, lo abbiamo ascoltato nelle sinagoghe o nelle chiese o nelle moschee, allora significa che ci siamo lasciati amare da Lui accogliendo il suo invito al banchetto di nozze dell’Agnello.

Quanti assassini in nome di Dio; quante stragi per portare la sua legge; quante oppressioni e violenze per annunciare la Buona Novella; quante morti e guerre in nome del Misericordioso.

Il nostro sì non può essere un sì detto con le labbra ma non con il cuore. Equivarrebbe ad un no! E forse peggio!

Il nostro sì deve essere un sì convinto, che non si preoccupa delle convenienze sociali. Un sì o nasce da tutta la nostra persona oppure non è. La veste bianca non ha nulla a che vedere con qualcosa di esteriore. Non ha nulla a che vedere con alcuna dirittura morale. Non ha nemmeno nulla a che vedere col battesimo, di per sé. La veste bianca è il cuore dell’uomo che ascolta l’annuncio dell’invito al banchetto di nozze e dice sì con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutte le forze, con tutta l’anima.

È lo Shemà Israel che si rinnova ogni mattina. Diciamolo con cuore libero e amante: “Ascolta Israele, il Signore è il solo Dio, il Signore è uno”. Dillo tu Israelita, cantalo tu cristiano, avvolgilo con la tua nenia tutta orientale o mussulmano.

Ascolta Israele, è l’Israele del mondo, è l’Israele non più ebreo ma di tutto il mondo, di tutti gli uomini di buona volontà.

La festa di nozze è pronta: tutti sono chiamati. Lasciamoci toccare le orecchie da questo richiamo perché nel nostro cuore possa risuonare il nostro sì a Dio, il nostro eccomi!

Se vuoi ricevere quotidianamente la meditazione del Vangelo del giorno
ISCRIVITI QUI

Guarda le meditazioni degli ultimi giorni

 

[/db_pb_portfolio]

2 Marzo 2024 Luca 15, 1-3.11-32

«Accettare il perdono di Dio è una delle più grandi sfide della vita spirituale. C’è qualcosa in noi che si ag­grappa ai nostri peccati e non lascia che Dio cancelli il nostro passato e ci offra un inizio completamente nuovo».

H. Nouwen

“Dio non guarda a cio’ che siamo stati, guarda a cio’ che siamo”.

Jean-Joseph Lataste

1 Marzo 2024 Matteo 21, 33-46

Siate custodi dei doni di Dio. Quando non ci prendiamo cura del creato e dei nostri fratelli, allora, trova spazio la distruzione, e il cuore inaridisce.

Papa Francesco

Il vero potere è quello del Dio crocifisso:

un potere che vuole l’alterità dell’altro fino a lasciarsi uccidere per offrirgli la risurrezione.

Perciò il potere assoluto s’identifica con l’assoluto del dono di sé, con il sacrificio che comunica la vita agli uomini e fonda la loro libertà.

Olivier Clément

29 Febbraio 2024 Luca 16, 19-31

Finché una civiltà è costruita in modo tale che ogni cinque secondi un essere umano muore di fame, quella civiltà ha un cuore sbagliato, ha politiche sbagliate, scuole sbagliate, religioni sbagliate, culture sbagliate perché sono in modo evidente e indiscutibile contro l’uomo stesso. La nostra non è una civiltà ma un inferno, un massacro alla luce del sole e tutti, tutti noi, dovremo renderne conto amaramente.
P. Spoladore

Share This