OLTRE LA STORIA … MISSIONE MOZAMBICO

Più che storia ormai è mito. Sono passati vari anni da quando questi video furono girati in Mozambico. Raccolgono e raccontano immagini e voci di persone, missionari, testimoni … (alcuni sono morti). Rimangono documento importante che abbiamo modo di apprezzare e la visione ci apra il cuore e ci renda consapevoli che nulla si perde di quanto ognuno ha donato … e che la storia di Dio continua sempre.

TI HIYANO NARWA O NAMULI
conoscere l’uomo per amarlo

“Il Vangelo e la Chiesa sono a servizio dell’uomo, inteso non intenso astratto, ma concreto, nel suo contesto storico, geografico e nella sua cultura. Ecco perché, prima di parlare di evangelizzazione, è utile conoscere il contesto nel quale avviene l’annuncio.
Il significato di “Ti Hiyano narwa o Namuli” è proprio quello di introdurci nella conoscenza della cultura lomwe: la cultura del popolo presso il quale da quasi 50 anni lavorano i missionari dehoniani in Mozambico. È interessante scoprire come questa cultura nasconda contenuti sorprendentemente importanti, come il valore della vita (considerato come il bene massimo), il profondo legame con la terra, con la famiglia, con i vivi, con i morti, …”

MITATHARI IN SAVIMA
radici e frutti

“Il Mozambico è un territorio grande due volte e mezzo l’Italia, abitato da negri-bantù che hanno conosciuto una lunga storia di oppressione: dalla tratta degli schiavi alla colonizzazione; dallo sfruttamento agricolo e minerario alla lotta per l’indipendenza e, in fine, la terribile guerra civile che ha seminato violenza, odio, morte, miseria e fame.
Di questo popolo, a partire dal 1947, i missionari dehoniani hanno condiviso le sorti, lavorando non solo per trasmettere la fede cristiana ma anche per migliorarne le condizioni umane.”

NLOKO NA MULUKU
popolo di Dio

“Il 1979 è una data fondamentale per la Chiesa della Zambesia (Mozambico): nasce la chiesa-comunione, basata sulla corresponsabilità e la condivisione dei servizi e dei ministeri.
Sorgono così e si diffondono ovunque le piccole comunità ministeriali, affidate ad una équipe di animatori. La Chiesa, in questo modo, diventa realmente popolo di Dio ed è sentita dalla gente come propria.
Sono poi queste le comunità cristiane che, nonostante i lunghissimi anni di guerra civile, nonostante l’isolamento e l’assenza del missionario, sono rimaste unite e salde nella fede.”

OPATXERYA WILIWILI
ricominciare

“Ricominciare dalla pace, firmata a Roma, il 4 ottobre 1992 dal Presidente Joaquim Chissano (per il Governo) e da Afonso Dhlakama (capo della Renamo).
Ricominciare con una speranza nuova, lasciandosi alle spalle il governo coloniale, la lotta combattuta per ottenere l’indipendenza, giunta il 25 giugno 1975; lasciandosi alle spalle i soprusi del governo marxista-leninista e le sue leggi sulle nazionalizzazioni; lasciandosi alle spalle, soprattutto, l’orribile guerra tra la Frelimo e la Renamo, che ha dissanguato e affamato la popolazione per sedici lunghissimi anni, sequestrando e uccidendo, generando odi e desideri di vendetta, riducendo in brandelli il tessuto sociale mozambicano.”

NIWEHERERYO MMWAHIYU
in attesa di un sì … africano

“Il 18 luglio 1993, un dehoniano del Mozambico si inginocchiava davanti al suo vescovo per essere ordinato sacerdote. È stata una gioia, una festa grande, indimenticabile.
Fin dai primi anni della loro presenza in Mozambico i missionari dehoniani hanno lavorato per suscitare e promuovere le vocazioni sia al sacerdozio sia alla vita religiosa.
Con l’istituzione della Chiesa ministeriale, anche la pastorale vocazionale è stata radicalmente trasformata e affidata alla sollecitudine delle comunità cristiane, all’interno delle quali è stato scelto un animatore con questo impegno specifico.”

Gli ultimi articoli della sezione “Dalle nostre Missioni”

Progetto Marrere

Progetto Marrere

Le persone che giungono in ospedale vengono accompagnate dai parenti che li accudiscono, i parenti vivono all’addiaccio sul piazzale alberato che si trova fra l’ospedale e la scuola.

Share This